Partorisce il figlio in bagno e cerca di ucciderlo con candeggina

La madre, una 17enne inglese, ha preso la candeggina e l'ha versata in bocca al piccolo per ucciderlo. Solo l'intervento della zia ha impedito una tragica fine

Partorisce il figlio in bagno e cerca di ucciderlo con candeggina

Partorisce nel bagno di casa poi cerca di uccidere il piccolo con la candeggina.

Sotto processo una ragazza di 17 anni che ha nascosto alla famiglia di essere incinta. Poi per evitare di farsi scoprire ha pensato di togliere la vita al figlio appena nato. Ha partorito nel bagno di casa, da sola, senza alcun aiuto, poi presa dal panico ha preso la candeggina e l'ha versata nella bocca del bebè per ucciderlo.

Appena si è resa conto del folle gesto ha tentato di far espellere il liquido al figlio. In quel momento è entrata in bagno la zia della ragazzina, che ha prontamente chiamato i soccorsi. Il neonato si è salvato ma ha riportato gravi ferite e ustioni al volto, per la giovane è scattata l'accusa di tentato omicidio, ma pochi giorni fa l'accusa è stata cambiata in crudeltà su minore. Secondo gli specialisti, sarebbe affetta da disturbo post traumatico ma non è emersa l'incapacità di intendere e volere. Ora si dovrà difendere nella nuova udienza prevista a febbraio e molto seguita dai media inglesi.

Commenti