Mondo

Scatta il pericolo incendi: richiamate mezzo milione di lavatrici Hotpoint e Indesit

Il problema è legato al sistema di chiusura degli oblò delle lavatrici che si surriscalderebbe provocando le fiamme. Gli elettrodomestici sono state commercializzate in Gran Bretagna fra il 2014 e il 2018

Scatta il pericolo incendi: richiamate mezzo milione di lavatrici Hotpoint e Indesit

Circa mezzo milione di lavatrici con il marchio Hotpoint e Indesit commercializzate in Gran Bretagna fra il 2014 e il 2018 sono state richiamate perché rischiano di prendere fuoco.

Come riporta Il Messaggero, è stata la stessa Whirlpool, colosso Usa degli elettrodomestici, a comunicare la notizia. Sembrerebbe, infatti, che il problema sia legato al sistema di chiusura degli oblò del macchinario che si surriscalderebbe. Questo difetto non è di poco conto in quanto sarebbe in grado di provocare incendi.

Il consiglio fornito a chi possiede una di queste lavatrici è di scollegarle dalla corrente elettrica finché non verranno richiamate tutte. Questo processo dovrebbe svolgersi all'inizio di gennaio. C'è tuttavia chi teme che per completare l'operazione servirà almeno qualche mese.

Un bel disagio per milioni di persone che cade nel periodo delle feste di Natale. Ma la sicurezza viene prima di tutto. Però per quanti proprio non possono fare a meno della lavatrice ci sarebbe un’altra soluzione. Per utilizzarle evitando disastri, infatti, è necessario avvalersi solamente di cicli di lavaggi di 20 gradi o di temperature inferiori. Ma anche in questo caso si consiglia sempre di prestare la massima attenzione. Secondo Whirlpool le lavatrici difettose sono in realtà una eredità della Indesit, un brand originariamente italiano acquisito nel 2014.

Come notano diversi media britannici, non si tratta del primo caso che coinvolge Whirlpool. Già a luglio la holding americana aveva dovuto ritirare dal mercato, per ragioni sostanzialmente analoghe, circa 500mila modelli di asciugatrice. Il pericolo di incendi causati dal malfunzionamento della lavatrice è reale.

La stessa Whirlpool nel 2017 era stata chiamata in causa per il guasto di un congelatore che aveva innescato il micidiale rogo della Grenfell Tower, un grattacielo popolare ai margini del quartiere di Chelsea a Londra. Nell’incendio, scoppiato il 14 giugno di due anni fa, hanno perso la vita 72 persone. Tra queste i giovani architetti veneti Gloria Trevisan e Marco Gottardi. Una drammatica vicenda non ancora chiusa.

Lo scorso 6 dicembre, la comandante dei vigili del fuoco di Londra, Dany Cotton, 50 anni, prima donna a ricoprire l'incarico, ha annunciato le sue dimissioni a fine anno dopo le accuse che l'hanno investita in un primo rapporto recente sul rogo. Cotton, così, lascerà il posto con quattro mesi di anticipo sulla scadenza del mandato. Il suo passo indietro è stato accolto con soddisfazione dalle associazioni dei familiari delle vittime e dei sopravvissuti.

Commenti