Mondo

The Rock vuole candidarsi davvero a Presidente Usa?

The Rock si candiderà davvero a Presidente degli Stati Uniti d'America? Quello che sembrava uno scherzo, sta diventando una notizia vera. Ecco tutto quello che sappiamo sino ad'ora

The Rock vuole candidarsi davvero a Presidente Usa?

The Rock sembrerebbe davvero intenzionato a candidarsi come Presidente degli Stati Uniti d'America. Donald Trump, insomma, potrebbe non essere l'unico Hall of Famer WWE, cioè membro dell'arca della gloria del wrestling enterteinment, a candidarsi per la Casa Bianca. The Rock, d'altro canto, è ormai uno degli attori più famosi in tutto il mondo. La notizia della sua candidatura arriva da una sua stessa ammissione. L'ex wrestler di origine samoane, infatti, ha dichiarato al magazine GQ di ritenere una "concreta possibilità" una sua candidatura alla presidenza degli Stati Uniti.

La storia ha riscosso un discreto successo negli States, tant'è che"The Rock" è entrato nella trend di Twitter per alcune ore. Se alcuni hanno letto la cosa come una provocazione, però, la WWE, l'azienda leader nel mondo del wrestling, l'ha presa in modo molto serio, pubblicando un articolo sulla vicenda. Intervistato da Caity Weaver, il protagonista della notizia ha parlato principalmente del suo mestiere di attore, l'intrattenitore famoso in tutto il globo, però, si è anche soffermato sulla reale possibilità di entrare in politica. L'origine di tutto questo sembrava non essere seria: se n'è già parlato in alcuni articoli usciti durante gli scorsi anni. Dwayne Johnson, tra l'altro, non ha specificato con quale partito vorrebbe presentarsi ed è attualmente registrato come elettore indipendente.

"Penso ci sia una reale possibilità. Da un anno il desiderio sta aumentando sempre di più. Ho provato una grande serietà, un senso di responsabilità che mi ha fatto tornare a casa e pensare 'Lasciatemi ripensare con cura la mia risposta ed essere sicuro che la risposta sia veritiera e rispettosa ", sono state le sue parole al riguardo.

Il 45enne, poi, ha anche affrontato, sempre nell'intervista a GQ, l'argomento della presidenza di Donald Trump, nello specifico ha sottolineato la sua opinione rispetto la politica di chiusura delle frontiere promossa dal tycoon: " Sono completamente in disaccordo. Credo molto nella sicurezza nazionale ,ma non penso che si debbano interdire gli immigrati. Io credo nell'accoglienza. La nostra nazione è stata costruita per questo e continua a essere forte per questo". E ancora: " Penso avremmo bisogno di una leadership migliore. Io vorrei vedere una leadership migliore. Quando c'è un disaccordo, e hai un grande gruppo di persone con cui sei in disaccordo (ad esempio i media) mi sento come se mi informassero che io potrei fare meglio".

Dopo Marck Zuckerberg, insomma, la politica americana potrebbe presto ritrovarsi con un altro aspirante presidente al di fuori degli schemi tradizionali. L'elezione del magnate americano, in definitiva, sembra aver aperto la strada ad uno scompagimento dei protagonisti per la lotta al più alto scranno che le competizioni elettorali d'occidente possano offrire. Immaginiamo, per quanto sia ancora un'ipotesi molto fumosa, uno scontro tra il Ceo di Facebook, l'attuale P.O.T.U.S. e l'ex campione made in WWE.

The Rock, infine, ha già trovato i primi sostenitori: il Presidente di NBC Universal, Ron Meyer, come riporta E!Online, ha immediatamente dichiarato che lo voterebbe. Michael Moore, invece, si era già espresso favorevolmente nei confronti di questa candidatura.

Commenti