Tutte le ricchezze del Principe William. “Il suo patrimonio sarà di 40 milioni di euro

Un patrimonio da fare invidia quello del Principe William, eppure il primo figlio di Carlo, resta con i piedi per terra, vivendo una vita senza nessun eccesso

Non è di certo un segreto. I reali inglesi hanno un conto in banca da fare invidia a tutti. Cifre da capogiro che arrivano da eredità, rendite e fondi fiduciari. Nel mirino dell’edizione americana di Cosmopolitan è finito questa volta il Principe William. Il primo figlio di Carlo e Diana, ora duca di Cambridge e marito di Kate Middleton, ad oggi è uno dei reali più ricchi (dopo la Regina) con un patrimonio che sfiora i 40 milioni di euro. E le fonti e gli analisti di palazzo sono sicuri di una cosa: "Una volta che William diventerà Re, le cifre si moltiplicheranno in maniera esponenziale". Eppure, nonostante tutto, il principe resta un uomo con i piedi per terra che non ostenta le sue ricchezze.

Come ha ricostruito il magazine americano, la prima entrata che è stata incassata dal futuro Re d’Inghilterra è arrivata dalla bisnonna. La sorella della Regina Elisabetta è stata la prima a "regalare" a William ben 19 milioni di euro in un fondo che è stato stanziato per i nipoti. Bloccato fino al raggiungimento dei 21 anni, la cifra è stata poi spartita tra Harry e William. Anche se i più attenti riportano che il secondogenito avrebbe ricevuto qualche euro in più rispetto al duca di Cambridge come forma di "compensazione". Ma non è finita qui. Perché il Principe William a 40 anni di età dividerà con il fratello altri 8 milioni di euro, nati da un altro fondo comunitario istituito anche e soprattutto per chi è indietro nella linea di successione. E poi ci sono le proprietà di Lady Diana.

Ad esempio, allo scoccare dei 25 anni, sia Harry che William, secondo le disposizioni della Principessa triste, avrebbero ricevuto a testa più di 450 mila euro, da sommare ai dieci milioni arrivati dopo l’incidente in cui è morta lady D. Tutti questi introiti, però, non restano di certo bloccati in banca. La vita di corte, si sa, è molto costosa e mantenere un certo stile di vita non è affatto facile. E su questo, il principe William è molto oculato. Tutto quello che guadagna viene speso per il “working royal". Ovvero, tutti i viaggi di stato e le visite ufficiali sono pagate esclusivamente con le finanze del principe. Una scelta per non pesare sulle casse dello stato e della stessa Regina. Ci sono però due step importanti che regaleranno una linfa vitale al suo patrimonio. Quando Carlo diventerà Reggente, William erediterà il ducato di Cornovaglia che frutterà ben 20 milioni di euro. E poi una volta che lui sarà Re, il parlamento riconosce uno stipendio annuo di 100 milioni di euro. A questi guadagni si devono aggiunger le proprietà immobiliari e gioielli. Una vita nell’oro, questo è certo, ma senza strafare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 18/05/2020 - 10:45

Tutto merito della regina Elisabetta e delle altre Regine che, alla faccia delle femministe, sono sempre rimaste fedeli ai loro consorti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 18/05/2020 - 10:50

Se per assurdo sua madre Diana fosse diventata la "signora" del Dudù Al Fayed, il cospicuo patrimonio finiva disperso in Arabia.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 18/05/2020 - 10:56

... Oppure in Cina. Con grande soddisfazione, gioia e gaudio, dei "Redistributori di risorse" quali Prodi, Bergoglio, Grillo, Contespierre e compagnia comunista cantante: "Avanti il Popolo alla riscossa, bandiera rossa.. ".