La Nuova Zelanda festeggia: "Sconfitta la seconda ondata"

La Nuova Zelanda ha sconfitto di nuovo il Covid-19. Nel Paese non ci sono più casi attivi di coronavirus a tramissione locale da 12 giorni

La scorsa primavera era riuscita ad arginare la prima ondata di coronavirus adottando un piano organizzato fin nei minimi dettagli e concretizzato con estrema precisione. Adesso la Nuova Zelanda si è ripetuta, sconfiggendo, ancora una volta, il Covid-19.

Una nuova vittoria contro il virus

Gli ultimi dati parlano chiaro. Il ministro della Salute neozelandese, Chris Hipkins, ha annunciato che nel Paese non ci sono più casi attivi di coronavirus a tramissione locale. "È una grossa pietra miliare. I neozelandesi ancora una volta hanno schiacciato il virus grazie al loro comportamento collettivo", ha concluso il ministro Hipkins.

Negli ultimi mesi il governo locale, guidato da Jacinda Ardern, aveva celebrato il raggiungimento del traguardo di nessun nuovo caso a trasmissione locale per oltre cento giorni consecutivi (102 per l'esattezza). L'idillo era poi terminato a metà agosto, con la comparsa di quattro pazienti misteriosi positivi al Covid: tanto è bastato per richiamare tutti alla massima attenzione.

Non solo: in piena estate la Nuova Zelanda scelse di attuare subito, per quasi una settimana, misure restrittive, comprendenti pesanti restrizioni alla libertà di movimento ad Auckland, città colpita dai nuovi contagi, e limitazioni agli spostamenti nel resto del Paese. Scendendo nel dettaglio, Auckland dovette fare i conti con un lockdown di livello tre.

In quei giorni furono consentite soltanto uscite per motivi indispensabili e furono chiuse le attività commerciali non essenziali, inclusi ristoranti e bar. Ecco il cuore del modello neozelandese sta proprio qui, e si basa su due pilastri: intervenire subito, in modo rapido e chiaro, e affidarsi a una comunicazione diretta lineare.

"Seconda ondata" sconfitta

Nel primo intervento, durante la prima ondata, Ardern bloccò sin da febbraio i viaggiatori cinesi, chiuse, da marzo, le frontiere a tutti i non residenti, impose quarantene lungo i confini, tamponi a tappeto e tracciabilità dei contatti. Dal 23 marzo, inoltre, fu imposto il lockdown per un mese, prolungato di una settimana.

Nella seconda ondata, come abbiamo visto, il governo neozelandese ha scelto interventi più soft e mirati. La missione, a quanto pare, è riuscita nuovamente. La curva epidemiologica si è avvicinata allo zero nel giro di poche settimane. Da agosto a oggi sono state registrate 186 infezioni, il 100% delle quali ora rientrate. Un traguardo che non deve far cantare vittoria anticipatamente, ha avvertito la premier, esortando i suoi connazionali a mantenersi costantemente vigili e a partecipare all'impegno collettivo per continuare a dominare il virus.

Un modello che funziona

Il focolaio di agosto verrà considerato ufficialmente chiuso tra un mese se non saranno emersi nuovi casi al termine di due periodi di incubazione. Tre contagi sono stati scoperti oggi, ma tutti al confine. Da 12 giorni non compare invece più un singolo nuovo contagio da Covid-19 a trasmissione locale.

Il modello neozelandese ha mostrato di funzionare alla grande. Tuttavia, tra gli esperti, sorge un dubbio: è replicabile anche in altri Paesi? I dubbi restano. Anche perché la Nuova Zelanda è un'isola che conta circa 5 milioni di abitanti e una densità piuttosto limitata (18 per chilometri quadrato).

Intanto la popolarità di Ardern, con le elezioni alle porte, è salita alle stelle. La premier ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa che le possibilità che il Paese abbia eliminato la trasmissione del virus si aggirano intorno al 95%. "La nostra piccola squadra di cinque milioni di abitanti, un po’ affaticati questa volta, ha fatto quello che fanno sempre le nostre nazionali sportive: ha abbassato la testa e tirato avanti", ha spiegato con orgoglio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 08/10/2020 - 16:48

se avessimo CHIUSO BLINDATO le nostre frontiere, ora saremo a posto anche NOI, ma i Fenomeni del governo cosa avevano fatto: chiudiamo tutti i voli in arrivo dalla Cina,peccato , si siano dimenticati che puoi fare Pechino, Berlino,Roma, Pechino Londra,Milano ecc......... INCAPACI .

fabioerre64

Gio, 08/10/2020 - 16:55

Grande quasi come l'Italia non arriva a 5.000.000 milioni di abitanti, probabilmente il virus se nè andato da solo perché non aveva persone da infettare.

cgf

Gio, 08/10/2020 - 17:00

Conte vorrebbe imitare, ma non basta solo il lockdown, già in tempi precovid entrare anche clandestinamente in Nuova Zelanda era molto difficile, da noi è molto più facile ora che un anno fa. NB 3 contagi ma al confine, 12 giorni senza contagi locali. Noi non sappiamo nemmeno chi entra, ed anche esce per poi rientrare, ci sono anche quelli.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 08/10/2020 - 17:34

Perchè questa "sviolinata" sulla Nuova Zelanda?Ha una situazione ambientale,densità di popolazione,economico-produttiva,COMPLETAMENTE diversa dalla nostra,completamente differente da altri Paesi "virtuosi",con una situazione,decisamente più simile a noi,tipo Taiwan con 0,3(zerovirgolatre)morti/milione...Corea del Sud,...(/milione...Giappone...13/milione..e loro che si occupano prevalentemente di capre e pecore,hanno avuto 5 morti/milione di abitanti.....Dove stà tutta questa "sviolinata"!!!Perchè,perchè LORO sono stati bravi a "chiudere tutto"(chiudere le pecore e le capre negli stalli),per dimostrare che anche NOI dovevamo essere ancora più rigidi,continuare ad essere TERRORIZZATI?

Marcbe

Gio, 08/10/2020 - 17:39

Gli Italiani non sono capaci nemmeno di blindare i confini di una piccola isola come Lampedusa...

BEPPONE50

Gio, 08/10/2020 - 17:56

Questo e' stato possibile perche' non ci sono i governatori che voglio imporre le loro idee al governo centrale e non hanno un oppozione ottusa come da noi Salvini e Meloni

Gabriele184

Gio, 08/10/2020 - 18:00

Ne parliamo tra qualche mese..

manson

Gio, 08/10/2020 - 18:02

Avevano aperto confini e porti?

ROUTE66

Gio, 08/10/2020 - 18:08

aA volte risulta veramente difficile, NON INSULTARE. Lo sapete vero che Lì hanno 18 abitanti per kilometro quadro. Lo sapete VERO che hanno la metà degli abitanti della LOMBARDIA.E se sapete tutto questo perchè fate simili articoli,NON cè confronto con l"ITALIA o L"EUROPA

Ritratto di MaurizioR

MaurizioR

Gio, 08/10/2020 - 18:19

Hanno bloccato tutto ma sono col sedere scoperto perchè appena entrano in contatto con il resto del mondo la beccano anche loro come tutti gli altri. Avrebbero ancora qualche possibilità di cavarsela se il vaccino arrivasse presto e fosse efficace. Temo che il prezzo da pagare per il blocco totale sia altissimo anche lì. Comunque la signora guida un'amministrazione di sinistra psico-ambientalista, quindi la cosa non mi stupisce più di tanto.

Jon

Gio, 08/10/2020 - 19:18

Ma quale SECONDA ONDATA ?? 25 decessi in totale dall'inizio, magari con pazienti gia' compromessi..!! Ma di cosa parlate?? FANTASIE DI PERSONE MALATE, ma non di Covid..!!

ruggerobarretti

Gio, 08/10/2020 - 19:55

Amplificheranno i cicli PCR dei tamponi il giusto che basta.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 08/10/2020 - 19:58

MaurizioR 18:19....CONCORDO!!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 09/10/2020 - 10:42

beati loro senza Conte e senza comunisti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 09/10/2020 - 11:03

@BEPPONE50 - trova un'altra scusa, comunista. Salvini e Meloni non governano. L'incapacità è soltantao vostra, millantatori comunisti.

Ramese

Ven, 09/10/2020 - 11:25

La Nuova Zelanda sta andando verso l'estate ...

baio57

Ven, 09/10/2020 - 11:45

Probabilmente anche all'Isola di Pasqua a Tonga e Takutea hanno sconfitto il virus. Il personaggio Guareschiano BEPPONE50 ci crede e commenta pure....

dagoleo

Ven, 09/10/2020 - 14:00

per un paese piccolo ed isolato come quello è più facile contenere il virus. bravi ma sono molto avvantaggiati rispetto ad altri.

dagoleo

Ven, 09/10/2020 - 14:02

i dati non lo dicono la le infezioni sono oggi molto maggiori tra rom ed extracomunitari.

kobler

Sab, 10/10/2020 - 10:50

Al loro posto eviterei perché forse il virus neppure li ha sfiorati e parlano di sconfitta. Aspettino che si presenti veramente e vedranno chi è lo sconfitto. Queste sono balle per tenere calma la gente!