Botti "potenziati" in casa, 51enne nei guai

Petardi "modificati" dotati di inneschi manuali o elettrici conservati in casa e in magazzino, scatta la denuncia a Torre Annunziata

In casa conservava dei botti “potenziati”, di fabbricazione artigianale: finisce nei guai un 51enne a Torre Annunziata, in provincia di Napoli.

La scoperta è stata fatta dai carabinieri della stazione locale che, insieme ai militari del Reggimento Campania, hanno posto in campo un’operazione di controllo e monitoraggio del territorio del comune oplontino.

I carabinieri hanno passato al setaccio la zona del Rione dei Poverelli e hanno deciso di procedere a controllare anche l’abitazione, con un magazzino annesso, di un 51enne del posto, già noto alle forze dell’ordine. E così hanno rinvenuto materiale pirotecnico “sospetto” che è risultato essere stato modificato per aumentare il potenziale esplosivo. Veri e propri ordigni, secondo i carabinieri, dotati di inneschi sia manuali che elettrici.

I botti, di fabbricazione artigianale e per un peso complessivo stimato in circa ventotto chilogrammi, sono stati sottoposti a sequestro. Per l’uomo, invece, è scattata la denuncia.