Il complice di Ugo Russo ai pm: "Ci servivano i soldi per la disco"

Decreto di fermo per il 17enne, complice del 15enne che ha tentato di rapinare un carabiniere. Secondo il pm, i soldi della rapina sarebbero serviti ai due per andare a ballare

Volevano recuperare i soldi per andare a ballare. Sarebbe questo il movente della tentata rapina compiuta a Napoli ai danni del carabiniere 23enne. Ugo Russo e il complice 17enne avevano preso di mira l'automobilista con un Rolex al polso, senza immaginare che si trattasse di un militare armato.

Secondo quanto riporta il Corriere del Mezzogiorno, il movente emerge dal decreto di fermo nei confronti del 17enne emesso dal pm minorile. L'udienza di convalida è fissata per questa mattina. Il ragazzo è accusato di tentata rapina. Secondo il pm, "non ci sono dubbi" sulla partecipazione del 17enne al tentativo di rapina "che era nato dal desiderio di procurarsi del denaro per andare a ballare (movente condiviso anche dal complice deceduto)". Secondo il pm, i due ragazzi avevano individuato la vittima e avevano seguito l'auto, nell'intenzione di sorprendere l'uomo durante le manovre di parcheggio. E così è stato: Ugo Russo si era avvicinato all'auto e, puntando una pistola (poi rivelatasi finta) alla tempia del carabiniere, gli aveva intimato di sfilarsi l'orologio. Ma il militare 23enne aveva reagito, sparando al 15enne, poi morto in ospedale per le gravi ferite.

Per il pm sussisterebbero anche il pericolo di reiterazione del reato e quello di fuga dell 17enne. La reiterazione sarebbe giustificata dal fatto che la pistola e lo scooter con targa falsa erano suoi: "La detenzione di tali beni chiarisce che il minore aveva preparato gli strumenti di azione programmando la rapina e tanto dimostra la certa probabilità di reiterazione", si legge nel documento. Inoltre, come avrebbe ammesso lui stesso, non frequenta la scuola e spesso trascorre le giornate per strada. Il pericolo di fuga, invece, sarebbe giustificato dalla difficoltà nel ritracciare il giovane, dopo gli eventi: il 17enne si era recato prima dalla nonna, per poi recarsi in un'altra abitazione. "Resta il fatto - scrive il pm - che i familiari del minore, contattati più volte al telefono, non fornivano indicazioni utili per rintracciarlo e questi non era raggiungibile. Appare chiaro che vi è stata una interruzione dei contatti con l' autorità dalla notte del delitto fino alle 13.30, quando la polizia giudiziaria recuperava il minore con il padre". Proprio questi eventi indicherebbero il pericolo di fuga, "se il minore venisse messo in libertà".

Secondo quanto riporta AdKronos, il ragazzo che accompagnava Ugo Russo avrebbe ripercorso gli eventi di quella notte, raccontando: "Guidavo il motorino, ma non è mio. Mi sono fermato a due, tre metri dalla macchina del ragazzo, Ugo è sceso, gli ha chiesto l'orologio, lui ha fatto il gesto, come per sfilarselo, e a quel punto ha sparato. Ma no, non ha detto di essere un carabiniere". Poi ha aggiunto: "Un primo colpo ha raggiunto Ugo al petto tanto da farlo sbalzare indietro. Si è girato per tornare verso di me. Il secondo proiettile, però, lo ha preso alla testa. Altri due colpi sono stati esplosi, credo verso di me e infatti sono scappato via".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Italy4ever

Mar, 03/03/2020 - 11:39

Perchè avrebbe dovuto identificarsi come carabiniere? Come se io mi identificassi come impiegato! Dopotutto non era in servizio e neppure lo aveva fermato. Ha fatto tutto il ragazzino. Credo poco al fatto che il carabiniere dopo aver sparato la prima volta lo abbia colpito alle spalle ed abbia cercato di colpire anche il 17enne sul motorino. Questo è scappato immediatamente e adesso cerca di scaricare la colpa del compagno di bravate sul carabiniere. Gli sarà passata la voglia di giocare a fare rapine??? Scommetto che di lui ne sentiremo parlare ancora per fatti simili.

Italy4ever

Mar, 03/03/2020 - 11:40

I soldi per la discoteca??? Ma non era un bravo ragazzo che andava a lavorare??? Possibile che non avesse qualche soldino per i propri divertimenti??? In caso contrario, come hanno insegnato a me, se non puoi permettertelo stai a casa!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 03/03/2020 - 11:48

I "bravi ragazzi" ed il "cattivo" carabiniere ora indagato per omicidio volontario... Boh!

cgf

Mar, 03/03/2020 - 11:50

ma come? due guappi come loro DEBBONO pagare la disco? ma dove siamo andati a finire!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 03/03/2020 - 11:53

..capito che soggetti?...E il Carabiniere che si è difeso è indagato per omicidio...

Ritratto di computerinside

computerinside

Mar, 03/03/2020 - 11:57

Carcere minorile!

marinaio

Mar, 03/03/2020 - 12:00

Azz.. avevano già rubato un rolex e una catenina d'oro, stavano per rubare un altro rolex,... e dove dovevano andare a ballare? Al Billironaire, o a Brooklyn?

Ilsabbatico

Mar, 03/03/2020 - 12:28

Sono basito! Sono scioccato anche dall'omertà dei genitori che non hanno dato indicazioni di dove poteva essere il figlio...

Divoll

Mar, 03/03/2020 - 12:30

Magari, sara' un esempio per gli altri criminali in erba. Sapendo che c'e' il rischio di lasciarci la pelle, ci penseranno due volte. Mi dispiace di piu' per il carabiniere che avra' la vita rovinata.

Ritratto di Mario96

Mario96

Mar, 03/03/2020 - 12:51

Non gli faranno niente... sarà il carabiniere ad essere processato e lui con la famiglia della "vittima" chiederà di essere risarcito economicamente con il gratuito patrocinio dello stato come parte civile. Le leggi ci sarebbero, è demenziale il modo in cui vengono interpretate. Bisogna riscrivere chiaramente i diritto alla difesa e riformare la magistratura politicizzata.

Ritratto di Mario96

Mario96

Mar, 03/03/2020 - 12:57

Con i soldi del risarcimento potrà andare in disco tutte le sere...... PS: naturalmente il carabiniere che si è difeso rischia il carcere e sicuramente avendo voluto evitare un bel funerale affronterà un brutto processo.

hectorre

Mar, 03/03/2020 - 12:57

alla nascita aprendo gli occhi si può avere la fortuna di essere in una famiglia benestante, onesta e serena.....però si può nascere in Africa o in una baraccopoli, con genitori delinquenti o chissà cos’altro....non è certo colpa del nascituro....questo ragazzo ha avuto tanta sfortuna, tutto qui!!!!.....archiviare subito la posizione del carabiniere!

savonarola.it

Mar, 03/03/2020 - 13:12

Ah beh. Se servivano i soldi per la discoteca allora sono giustificati.

martinsvensk

Mar, 03/03/2020 - 13:14

Napoli vive di leggi e cultura propria, estranea al resto d'Italia (quasi tutto) e all'Europa (quasi tutta). Lo si vede anche da come affronta il problema dell'immigrazione, con il messaggio: venite venite in questa opulenta città!

gjallahorn

Mar, 03/03/2020 - 13:34

ilsabbatico 12.28: ma cosa si aspettava da delinquenti abituali, piena confessione? Per rapinare in quei quartieri devi essere organico ai clan della zona. Per chi sgarra nel mondo della criminalità organizzata c' è una sola sentenza: morte! Non parlerà mai, fa "ammuina", ma il giorno dopo si è fatto intervistare con una freddezza, che lascia "basiti", quella sì. Aveva precedenti penali per reati analoghi e in ogni caso, se si è dissociato non è stato in grado di dare un' educazione civica al figlio. A Napoli in determinati quartieri chi "fatica" è "un fesso", chi agisce con la criminalità non fatica più di tanto, ma mette in conto di non vivere a lungo!

Manlio

Mar, 03/03/2020 - 13:39

Non sarà mai sufficiente affermare l'importanza educativa dei genitori ed il loro esempio. Tutti noi padri dobbiamo renderci ben consapevoli che possiamo rovinare il futuro dei nostri figli o renderlo felice e positivo

Malacappa

Mar, 03/03/2020 - 14:18

Mario96 12.51 12.57 lei ha perfettamente ragione purtroppo succede questo nella nostra martoriata patria saluti

Happy1937

Mar, 03/03/2020 - 14:25

Questa è la dimostrazione che si trattatava di un delinquente allevato da delinquenti. Ora è delinquenziale anche indagare per omicidio il carabiniere che si è legittimamente difeso da un mascalzone che gli puntava la pistola alla tempia.

frabelli1

Mar, 03/03/2020 - 14:51

Beh, se per andare a ballare allora si deve fare una rapina perché non si hanno i soldi, allora c’è molto da lavorare su quelle famiglie.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 03/03/2020 - 14:52

La nomea che un certo sud si è conquistata deriva proprio da questa mentalità. Andate avanti così,se volete,ma poi non lamentatevi se si parla male di voi in tutto il mondo

Tip74Tap

Mar, 03/03/2020 - 15:13

Chissà se andranno in fondo per arrivare al ricettatore che prende la merce rubata... un Rolex non è che lo vendi al mercato rionale...

ziobeppe1951

Mar, 03/03/2020 - 15:16

E il padre di questo ragazzo, avrà sempre votato la SINISTRA ..per avere gli sconti di pena..naturalmente

anita_mueller

Mar, 03/03/2020 - 15:27

Spero che ti diano l'ergastolo. Se avessi rubato per fame o necessità non avresti dovuto fare neanche un giorno di prigione (a mio avviso). Ma rubare con tanto di pistola (poco importa se finta) per andare in discoteca, questo lo trovo schifoso e imperdonabile.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 03/03/2020 - 15:31

@Memphis35 - gestione sinistra.

titina

Mar, 03/03/2020 - 15:34

Non è necessario andare in discoteca. Ma in Campania non hanno bisogno di chi va a raccogliere frutta e verdura?

maxxena

Mar, 03/03/2020 - 15:45

Chissa se ci saranno tante attenzioni (che non siano dei magistrati) verso un ragazzo di 23 anni che sta vivendo una tragedia non cercata. Voleva solo passare una sera con la fidanzata dopo aver ONESTAMENTE lavorato PER DIFENDERCI;avrà la vita sconvolta per aver difeso se stesso. Teniamo conto che non era solo ed il fatto che ci fosse la sua fidanzata ha sicuramente modificato la forza della sua reazione. Purtroppo un altro ragazzo è morto, si tratterà solo di capire se la linea della reazione non sia stato superata sconfinando nella "punizione".

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 03/03/2020 - 16:06

Dei bravi ragazzi.

Italianocattolico2

Mar, 03/03/2020 - 19:42

Ripeto : Peccato non sia stato beccato anche lui. Una rapina fatta da due minorenni per andare a ballare dimostra l'attenzione delle famiglie per i problemi dei figli. Invece che andare a scuola meglio stare in giro a fare danni.

ST6

Mer, 04/03/2020 - 10:54

Italy4ever: "Perchè avrebbe dovuto identificarsi come carabiniere?". Lo obbliga il suo status, vome dice la legge: anche se fuori servizio è tenuto ad intervenire in presenza di reati, quindi identificandosi. Ma studiare un pò _la realtà e i fatti_ del Mondo Reale, invece che ripetere la propaganda scema che certi politici vi iniettano virtualmente nel cervello no, eh?

ST6

Mer, 04/03/2020 - 11:02

Italy4ever: "Credo poco al fatto che il carabiniere dopo aver sparato la prima volta lo abbia colpito alle spalle ed abbia cercato di colpire anche il 17enne sul motorino.". Io, te e gli altri non dobbiamo "credere" ma pretendere sia accertata la verità. Ci sono 5 colpi sparati, di cui due mortali. Ci sono testimoni estranei ai fatti vhe non corroborano le dichiarazioni del carabiniere. C'è la fidanzata del Carabiniere che asserisce di essere fuggita subito via rifugiandosi altrove e di non aver visto nulla di cosa è accaduto. L'Arma, che da subito ha riscontrato incongruenze tra i fatti rilevati e le versioni fornite dai protagonisti, sta procedendo con molta cautela anche cercando l'aiuto dei residenti che hanno assistito da varie angolazioni alla scena. Sul posto continuano le perizie della scientifica. È un bene che i colleghi del Carabiniere agiscano così quando in presenza di forti dubbi, tanto per tutelare l'Arma tutta quanto il Carabiniere protagonista. Io sto con l'Arma, e non con gli sciacalli della politica italiana.

ST6

Mer, 04/03/2020 - 11:16

Italy4ever: "I soldi per la discoteca???". Gioventù criminale moderna. Nei verbali di questure e caserme a Napoli, Roma, Milano, Palermo etc. se ne leggono di tutti i colori: volevo comprarmi il jeans alla moda, stavamo raccogliendo i soldi per andare in vacanza, faccio il barista ma la paga non mi basta per prendere un tavolino nel privè con gli amici in disco la notte, la coca solo il sab sera è poca etc. La triste realtà

ST6

Mer, 04/03/2020 - 11:21

anita_mueller: "Se avessi rubato per fame o necessità non avresti dovuto fare neanche un giorno di prigione (a mio avviso).". Ma voi siete tutti pazzi :O ma che siamo sotto le bombe nella Grande Guerra? Ma quale necessità... È stato commesso un crimine e va punito.

ST6

Mer, 04/03/2020 - 11:33

mbferno: "La nomea che un certo sud si è conquistata deriva proprio da questa mentalità.". Esattamente. E lo Stato non ha mai mostrato vero interesse per cambiare le cose: lo stesso Stato che lascia cadere opere come il Morandi, che ha sempre lasciato la gestione dei disaatrati acquedotti in Sicilia alle mafie locali, etc. Lo Stato Italiano, a volte sovrrbbe pensare proprio di auto-commissionarsi...

ST6

Mer, 04/03/2020 - 11:37

Divoll: "Magari, sara' un esempio per gli altri criminali in erba.". Esempi inutili, visto che anche nei peggiori regimi con la polizia corrotta e militarizzata che t'accoppa come e quando vuole oppure negli stati dove vuge la pena capitale, i crimini sono sempre gli stessi. I deterrenti da mettere in campo sono altri (come dice il Dr. Gratteri, rendere anti-economico delinquere a tutti i livelli).

ST6

Mer, 04/03/2020 - 11:44

ziobeppe1951: "E il padre di questo ragazzo, avrà sempre votato la SINISTRA". Nicola Gratteri: "prescrizione, amnistia e indulto in un paese civile dovrebbero sparire dal vocabolario...". Un'infinità di gente come il papà di questo ragazzo ha beneficiato dell'indulto. Grazie a Berlusconi, ad esempio. Questi _i fatti incomfutabili_ dalle leggi e dalle carte processuali di tutta Italia. Punto cit.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 04/03/2020 - 11:50

al "ragazzo"...... o al padre del ragazzo napoletano che diceva ad un giornalista " Voi non abitate qua', non potete capire..." Ecco NOI non possiamo capire ne LEI, ne suo figlio purtroppo morto a 15/16 anni. Non riusciamo a capire come per LEI /Voi sia NORMALE comportarsi cosi'. POi le colpe sono SEMPRE di altri, stato/regione/comune ecc... dalle mie si dice: Male non FARE, PAURA non AVERE. da VOI ?