Maxi sequestro di "bionde", sigilli a 8 tonnellate di sigarette

L'operazione della Guardia di Finanza tra le province di Napoli e Salerno, tre arresti. La merce avrebbe fruttato circa due milioni di euro

Maxi sequestro di "bionde", sigilli a 8 tonnellate di sigarette

Sequestrate otto tonnellate di sigarette di contrabbando provenienti dall’Est europeo. In azione i finanzieri che hanno intercettato, e quindi fermato, un tir e un furgone nel Salernitano. Ingente il sequestro, gli investigatori stimano che, se immesse sul mercato, le “bionde” avrebbero potuto fruttare introiti pari a circa due milioni di euro.

L’operazione porta la firma dei militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, in azione i finanzieri in servizio presso la compagnia di Giugliano in Campania. Tutto è cominciato quando i militari hanno notato la presenza di uno piccolo e strano convoglio di veicoli, un furgone e un tir con targa polacca. I due mezzi hanno percorso la stessa strada per un lungo tratto, col furgone che fungeva da apripista al mezzo pesante. La circostanza è parsa sospetta ai finanzieri che, così, hanno seguito i due veicoli per vedere dove erano diretti. Sono giunti fino in provincia di Salerno, nell’area di Mercato San Severino; il camioncino e l’autotreno hanno raggiunto un capannone e lì hanno terminato il loro tragitto. A quel punto i finanzieri hanno deciso di intervenire.

I militari della Guardia di Finanza hanno sottoposto ad accurati controlli i due veicoli e hanno scoperto che erano carichi di sigarette di contrabbando. Per la precisione, i finanzieri hanno rinvenuto poco più di 40mila stecche di “bionde” ritenute provenienti dall’Est europeo col marchio, ritenuto falsificato, della Marlboro perché ogni pacchetto avrebbe riportato lo stesso codice alfanumerico per la tracciatura del prodotto. In tutto si trattava di otto tonnellate di tabacchi che, stando alle stime degli inquirenti, avrebbero potuto fruttare una somma astronomica pari a circa due milioni di euro. Per “schermare” il carico illegale, sulla stiva dei mezzi stradali erano stati stipati anche dei corn-flakes. I bancali colmi di fiocchi di cereali costituivano quello che gli inquirenti hanno ipotizzato essere il carico di copertura per movimentare le “bionde”.

Al termine dell’operazione sono scattati i sequestri e gli arresti. In tre, presunti corrieri e tutti di nazionalità ucraina, sono stati arrestati mentre sotto i sigilli, insieme alle sigarette di contrabbando sono finiti anche il furgoncino, l’autotreno e i cereali utilizzati per “schermare” il vero carico.

Si tratta dell’ennesima operazione anti-bionde portata a termine con successo dalla Guardia di Finanza napoletana che, come hanno fatto sapere dal comando provinciale, nell’anno in corso è riuscita, in oltre 1.300 interventi, a sottoporre a sequestro più di settanta tonnellate di tabacchi illegali.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti