Napoli, per bere gratis picchia titolare del bar: arrestato marocchino

La violenza nel difficile quartiere del Vasto a Napoli. Lo straniero ha anche mandato in frantumi la vetrina del locale e ha tentato di portare via l’incasso

Terrore in un bar di via Firenze, zona Vasto, a Napoli. Un immigrato africano ha prima picchiato la titolare dell’esercizio commerciale, poi ha infranto la vetrina del locale e, infine, ha provato a portarsi via i soldi presenti nella cassa. Il tutto perché la donna aveva rifiutato di concedergli, in modo gratuito, una bottiglia di liquore.

L’azione di violenza, verificatasi in una delle aree più difficili della città partenopea, è stata compiuta nel pomeriggio di ieri da un marocchino risultato, in seguito agli accertamenti, irregolare sul territorio nazionale e con precedenti. Lo straniero era entrato nel bar come un cliente qualsiasi ma subito ha mostrato le sue poco pacifiche intenzioni. Il nordafricano, infatti, ha chiesto di poter portare via senza pagare una bottiglia di alcol.

La proprietaria del locale, però, ha detto al magrebino che ciò non era possibile. Quest’ultimo, innervosito dalla risposta negativa, è andato in escandescenza e si è avventato contro la donna che aveva osato opporsi al suo desiderio e, come se fosse una cosa normale, inizia a percuoterla. Non soddisfatto, il marocchino ha continauto a sfogare la sua ira tanto che ha ridotto in frantumi la vetrina del negozio. Ma era ancora poco. Lo straniero, ormai senza più controllo, prima di scappare ha anche tentato di prelevare l’incasso.

Il pericoloso show dell’immigrato si è concluso solo quando l’esagitato, temendo l’arrivo delle forze dell’ordine, ha deciso di allontanarsi dal luogo teatro della violenza. La sua fuga, però, è stata breve. L’uomo è stato intercettato dagli agenti dell’Ufficio prevenzione generale, in servizio di controllo del territorio nel quartiere Vasto, e dopo un breve inseguimento a piedi è stato bloccato ed ammanettato.

A seguito degli accertamenti del caso è risultato che il soggetto è Alì Mohamed, un 42enne marocchino irregolare sul territorio nazionale e con precedenti di polizia. Il nordafricano è stato arrestato per tentata rapina aggravata, lesioni personali, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

Più volte i residenti del Vasto hanno denunciato che l’alcol è una delle cause delle continue azioni di violenze compite dagli immigrati. In questa zona, infatti, c’è una altissima concentrazione di stranieri che passano il loro tempo in strada a fare e nulla o al massimo ad ubriacarsi. La vendita di alcolici a tutte le ore crea i maggiori problemi. Gli immigrati dopo aver alzato il gomito danno il via a violente risse anche per i motivi più banali. La mattina, spesso, i marciapiedi sono coperti da una distesa di bottiglie sulla quale è difficile anche il solo camminare.

''Per fortuna ieri c’erano gli agenti impegnati nel controllo del territorio altrimenti chissà cosa sarebbe accaduto'', ha dichiarato Adelaide Dario presidente del comitato Vasto- Nolana ''Progetto per Napoli''. ''La situazione è sempre più difficile- ha aggiunto la Dario- ed i commercianti non si sentono tutelati . Si parla di lanciare l’imprenditoria giovanile a Napoli ma come si può fare? In zona stanno avendo problemi anche i proprietari di alberghi e di bed and breakfast a causa di disdette da parte di turisti preoccupati”. “Nel Vasto- ha concluso la presidente dell’associazione- per la mancanza di sicurezza si sta svalutando il valore delle abitazioni e gli imprenditori non riescono più a lavorare con tranquillità. Anche questi sono problemi”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

corto lirazza

Dom, 09/02/2020 - 14:10

Visto che è poco democratico far sparire i fannulloni clandestini dalle strade del quartiere, il sindaco partenopeo ha deciso di chiudere i bar, così nessuno si potrà più ubriacare

ziobeppe1951

Dom, 09/02/2020 - 14:24

E dove la mettiamo la violenza sulle donne?....ah già è una risorsa....

Teobaldo

Dom, 09/02/2020 - 15:29

l'avete voluto a Napoli Giggino settebellezze? E mo' attenetevelo! Lui e tutti i clandestini che vorrebbe andare a prendere in altomare con la flotta Brancaleone... attenetevelo...!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 09/02/2020 - 15:37

Sempre loro.

Malacappa

Dom, 09/02/2020 - 15:56

Ma posibile che non ci sia mai nessuno che gli da un sacco di legnate da fargli passare la sbronza........ahhhh gia dimenticavo se gli torci un capello ti metti nei guai

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 09/02/2020 - 15:58

Clandestino africano? Avevo capito Svizzero...

Ritratto di babbone

babbone

Dom, 09/02/2020 - 16:30

ringraziate le risorse.

Divoll

Dom, 09/02/2020 - 16:42

Bisognerebbe applicare la legge che i marocchini hanno a casa loro: taglio della mano...

Ritratto di Lissa

Lissa

Dom, 09/02/2020 - 16:44

Il Vasto zona che conosco molto bene, mi meraviglio che gli abitanti non riescono a reagire.

Malacappa

Dom, 09/02/2020 - 17:10

QUI BISOGNA COMINCIARE A DARE SONORE BATOSTE A STI DELINQUENTI SENNO'NON FINIRA'MAI

Reip

Dom, 09/02/2020 - 18:12

Ma facciamo la finita e ammazziamo di botte queste bestie! Servono le ronde, ronde di volontari di cittadini armati! Bisogna reagire contro codesti invasori africani, trogloditi animali, virulenti finti profughi clandestini! Lo Stato non vuole, non puo’ e non riesce a garantire la sicurezza dei cittadini! Continuano a entrare cani e porci da mare e da terra! Bisogna organizzarsi e reagire! Non e’ una questione politica, oramai si tratta solo di sopravvivenza!

Reip

Dom, 09/02/2020 - 18:12

Ma facciamo la finita e ammazziamo di botte queste bestie! Servono le ronde, ronde di volontari di cittadini armati! Bisogna reagire contro codesti invasori africani, trogloditi animali, virulenti finti profughi clandestini! Lo Stato non vuole, non puo’ e non riesce a garantire la sicurezza dei cittadini! Continuano a entrare cani e porci da mare e da terra! Bisogna organizzarsi e reagire! Non e’ una questione politica, oramai si tratta solo di sopravvivenza! La parola d’ordine e’... COMBATTERE!

Ezeckiel

Dom, 09/02/2020 - 19:10

a casa di giggino tutt'appost,

Garganella

Dom, 09/02/2020 - 19:43

Risorsa boldriniana in esercitazione!

Ritratto di Adespota

Adespota

Dom, 09/02/2020 - 19:59

Ma come ? Non c'è Allah al bar che impedisca ai muslim di ubriacarsi ..?

cgf

Dom, 09/02/2020 - 20:58

Quando sento di episodi di questo tipo, dove al massimo si beccano la denuncia a piede libero, allora mi rendo conto che Mafie e Camorre non esistono più e mi viene in mente che si può togliere la scorta a Saviano. Se non corre alcun pericolo un pesciolino così piccolo… sardina?

albyblack

Dom, 09/02/2020 - 22:09

leggo nell'articolo che l'energumeno “ha picchiato la titolare...”, quindi una donna. Ha usato violenza contro una donna. Mi aspetto, me lo auguro quantomeno, commenti indignati da parte della sinistra. Soprattutto da parte delle donne di sinistra. Sono convinto che arriveranno iniziative contro questo ennesimo sopruso contro una donna. Ne sono convinto. Come quando un italiano si permette non di alzare le mani, ma magari di dire una mezza frase fuori posto rivolto ad una donna straniera che, apriti cielo, subito a tirare in ballo razzismo, fascismo, e scrivere articoli e rilasciare interviste, che qui c'è il pericolo 'fassista', e magari organizziamo un bella manifestazione. Ecco, stavolta il manesco soggetto è, pare, marocchino. La vittima napoletana. Vediamo...

il sorpasso

Lun, 10/02/2020 - 07:05

Grazie PD