Napoli, orrore in strada: rider picchiato e rapinato da 6 malviventi

La rapina, ripresa in un video, è avvenuta a Calata Capodichino, zona nord di Napoli. L’uomo ha provato a difendere lo scooter ma è stato massacrato di botte. Avviata una raccolta fondi per ricomprare al rider un motorino

Una violenza che lascia senza parole quella accaduta nella serata di sabato tra le strade di Napoli. Un rider di 50 anni è stato circondato, picchiato selvaggiamente e trascinato via dal proprio scooter da una banda composta da 6 rapinatori.

Il gravissimo episodio è accaduto in Calata Capodichino, zona nord del capoluogo partenopeo, ed è stato ripreso da un residente della zona. La svolta sul caso, che ha suscitato un enorme clamore, è stata quasi immediata. Nella notte sono stati fermati i presunti autori della rapina: sono di Secondigliano e Miano e alcuni sono minorenni. Le forze dell'ordine hanno anche recuperato lo scooter.

Le immagini della rapina riprese con un telefono mostrano tutta l'efferatezza dell’azione compiuta dai malviventi con il volto travisato anche dalle mascherine anti-Covid. I banditi, per sottrarre il mezzo con cui l’uomo stava effettuando le consegne, non si sono fatti scrupolo di massacrare la vittima a pugni e a calci, arrivando persino a andargli addosso con gli altri motorini per farlo cadere a terra. Il rider, nonostante fosse da solo contro il branco di belve, non si è arreso ed ha eroicamente provato a difendere se stesso e lo scooter dai rapinatori. Approfittando di un momento di distrazione dei malviventi, che forse temevano il sopraggiungere delle forze dell’ordine, il 50enne ha provato anche ad allontanarsi ma è stato subito bloccato dai criminali.

Alla fine il rider è stato costretto a capitolare. L’uomo è stato scaraventato sull’asfalto mentre uno degli aggressori si è impadronito dello scooter ed è fuggito via. Compiuto il colpo, gli altri cinque malviventi, divisi sugli altri motorini, sono scappati via dileguandosi lungo Calata Capodichino. Le immagini sono crude e raccontano una violenza assurda compiuta da un gruppo di malviventi e il coraggio indomito dell’uomo ma non mostrano quanto accaduto dopo.

Nonostante il grandissimo spavento ed il dolore per le botte ricevute, Gianni (questo il nome del 50enne) ha preso l'auto del titolare ed ha continuato a fare le consegne per guadagnarsi ancora una volta in modo onesto il pane. Il rider ha perso di recente il lavoro e si è dovuto reinventare: utilizzava il motorino della figlia, regalo per i 18 anni della ragazza, per effettuare le consegne.

Il video della rapina è divenuto subito virale in rete. Non solo indignazione per quanto accaduto ma anche gesti concreti. Sul web, infatti, è partita una raccolta fondi sul sito "Gofundme" per ricomprare al rider un motorino. L’iniziativa ha avuto subito successo: in poche ore il denaro raccolto ha superato gli 11mila euro. Tra i donatori anche il calciatore Mohammed Fares che ha elargito 2500 euro.

Gianni ha raccontato a FanPage che la sera della rapina aveva appena fatto una consegna nei pressi di via Janfolla e poi aveva percorso il corso Secondigliano prima di imboccare calata Capodichino. "Mi hanno bloccato dopo il ponte dell'Asse Mediano", ha affermato il 50enne. "Erano tutti ragazzini – ha proseguito-tutti ventenni. Non parlavano, mi dicevano solo di lasciare lo scooter". Gianni ha fatto di tutto per non farsi prendere lo scooter ma alla fine ha dovuto arrendersi. "Ho dolori ovunque, ho preso calci ovunque", ha confessato il rider dicendo di essere pieno di lividi, soprattutto sulle gambe.

"Quando mi hanno intimato di consegnare il motorino, ho provato a resistere urlando ma non ho avuto paura perché ho solo provato a difendere qualcosa di mio, utile alla mia famiglia", ha raccontato in seguito Gianni. Dopo aver visto il video della rapina, il rider ha riflettuto a lungo. "Quanta crudeltà Sono ragazzini ma non dovrebbero agire così", ha poi aggiunto la vittima della brutale rapina. In merito alla raccolta fondi organizzata su internet Gianni è stato chiaro: "Ringrazio tutti per la solidarietà: c'è tanta gente di buon cuore. Ma io vorrei solo un lavoro stabile, pagare le tasse come ho sempre fatto e vivere tranquillamente". Il rider ha ammesso di essersi commosso per l'affetto ricevuto: "Io ringrazio tutti coloro che mi sono vicini. Io non vorrei approfittare della bontà dei napoletani".

"L'aggressione al rider avvenuta a Napoli è una pagina indegna e criminale in un momento così terribile. Evidenzia la precarietà di un lavoro non di rado espletato senza adeguate garanzie; la violenza di una banda di criminali che agisce indisturbata senza che nessuno intervenga; la desertificazione dei territori dovuta ad una pandemia che sta piegando le nostre città", ha denunciato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. Il primo cittadino si è augurato che i responsabili "di questa brutale aggressione siano presto assicurati alla giustizia e che la vittima possa ritornare a lavorare con un nuovo motociclo e con maggiore serenità".

Solidarietà al rider picchiato e derubato dello scooter è stata espressa anche dal ministro per il Lavoro, Nunzia Catalfo, che su Facebook ha scritto che "quella ripresa da alcuni residenti è un'aggressione brutale, su cui mi auguro che le Forze dell'Ordine facciano luce al più presto, assicurando i colpevoli alla Giustizia". Duro anche il commento di Giorgia Meloni che sui social ha scritto: "Immagini agghiaccianti. A Napoli un rider è stato assalito e derubato da un branco di rapinatori. Spero che questi vigliacchi vengano immediatamente identificati e severamente puniti".

Sempre sui social il parlamentare di Italia viva, Gennaro Migliore, ha inviato "un abbraccio al rider aggredito" a Napoli. "Sei contro uno: vigliacchi oltre che delinquenti. Unica nota positiva le migliaia di euro raccolti in poche ore sul web per ricomprare lo scooter: l'Italia solidale è meravigliosa", ha scritto ancora Migliore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Lun, 04/01/2021 - 11:44

A parte il censurabile fatto, consiglio al Rider di rivolgersi ai Navigators... Povera Italia...

ulio1974

Lun, 04/01/2021 - 11:46

se i "tutori della legge" anzichè multare i ragazzini che si sbaciucchiano senza mascherina girassero di più per le strade, certe collette non sarebbero necessarie....

ulio1974

Lun, 04/01/2021 - 11:52

non capisco perchè se la prendono con i rider e non con i politici....

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 04/01/2021 - 11:54

... ulio1974 questa volta l'hai indovinata! non so se in altre città è uguale, ma si da il caso che quando succede qualcosa di brutto dalle mia parti, le forze di polizia stanno sempre operando altrove!

claudioarmc

Lun, 04/01/2021 - 12:20

Lo sceriffo De Luca era a farsi il richiamo?

carpa1

Lun, 04/01/2021 - 13:12

Lasciamo perdere i commenti di rito del ministro Catalfo che lasciano il tempo che trovano; ma il sindaco De Magistris, peraltro già magistrato, perchè non si toglie, per qualche ora almeno, dal video dove è costantemente presente in tutti i talk shows e si mette a girare u po' per le strade della sua città in modo da rendersi conto della realtà di Napoli? Già che c'è non farebbe torto a nessuno se prendesse carta e penna ed inviasse ai suoi ex colleghi, che hanno già pronte belle e firmate le sentenze di assoluzione per i delinquenti, qualora venissero individuati dalle FFOO, un invito a stracciarle dimostrando, almeno una volta, di appartenere ancora a quella giustizia ormai perduta.

jaguar

Lun, 04/01/2021 - 13:23

È strano che a Napoli accadano questi fatti.

nerinaneri

Lun, 04/01/2021 - 13:30

...arrivati col barcone...

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 04/01/2021 - 13:49

@jaguar...commento ironico e, perciò,"carino"....

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 04/01/2021 - 14:09

jaguar... fai il bravo! altrimenti ti faccio la famigerata classifica del sole 24 ore dove milano è prima classificata... come nel calcio!

ST6

Lun, 04/01/2021 - 14:09

Che dire: il rider riprende immediatamente a lavorare, le FF.OO. subito li rintracciano e la popolazione avvia quanto può per ricomprare il mezzo rubato. Quando la Civiltà e la vera Forza asfaltano 6 criminali di periferia.

ST6

Lun, 04/01/2021 - 14:14

carpa1: "qualora venissero individuati dalle FFOO". Ma per caso voti Salvini? Perchè non sai leggere evidentemente: nell'articolo è scritto chiaramente tutto.

ulio1974

Lun, 04/01/2021 - 14:34

giovinap 11:54: ciao giovinap, auguri di buon anno! Passate bene le ferie?

ulio1974

Lun, 04/01/2021 - 14:35

concordo con jaguar: strano che sia successo a napoli e non a pordenone.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Lun, 04/01/2021 - 14:40

Probabilmente la società del rider non ha pagato il pizzo alla camorra; strano però che tutte le forze dell'ordine in giro per verificare il coprifuoco non si siano accorte del pestaggio...

carpa1

Lun, 04/01/2021 - 15:08

ST6, non sono solito commentare i rilievi ai miei post, ma farò un'eccezione: intendevo semplicemente rimarcare ciò che succede dalle parti di certa magistratura e, cioè, che i moduli copia/incolla delle assoluzioni a prescindere, recanti le più assurde e spesso ridicole motivazioni, sono sempre pronte all'uso già prima che i delinquenti vengano acciuffati. Poi, prova a toglierti per un attimo l'ossessione Salvini dalla zucca: vedrai che vivi meglio.

EVODIO

Lun, 04/01/2021 - 15:28

...ITALIA ...SOLIDALE E MERAVIGLIOSA!!! recita migliore ... no, italiani quelli veri e solidali si... sono invece i politici che dovrebbero impegnarsi per far si che tutti gl italiani, con il lavoro,ritrovino la serenità, la dignità che meritano e l'orgoglio di essere italiani. Purtroppo,purtroppo e solo un sogno,perdcè ci troviamo con una classe politica scarsa e inadeguata ad un grande Paese.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 04/01/2021 - 15:29

ulio1974 14,35, le feste le ho passate nel migliore dei modi... in famiglia! la stessa cosa spero di te, auguri per un 2021 migliore di quello che è andato via!

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 04/01/2021 - 15:32

theredpill, certo il pestaggio del ragazzo di consegna a napoli è stata una porcata! non come le sciocchezzuole che succedono in patania dove il figlio leghista che ammazza il padre leghista... pur troppo noi ci accontentiamo di piccole cose... non possiamo competere con i patani!

jaguar

Lun, 04/01/2021 - 15:44

giovinap, ma io non sono di Milano, abito in un'altra tranquilla città lombarda dove questi fatti non accadono.

ST6

Lun, 04/01/2021 - 15:45

carpa1: leggili gli articoli. Farai miglior figura

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 04/01/2021 - 16:02

giaguar, la differenza tra me e te sta tutta li, tu nascondi in quale città vivi(e non dove sei nato che è un altra cosa)mentre io l'ho sempre chiarito dove sono nato e dove vivo, tanto è vero che in mio nick è "giovinap" che in chiaro è "giovanni napoli" ! guagliò, noblesse oblige!

ulio1974

Lun, 04/01/2021 - 16:09

giovinap 15:29: grazie! anch'io ho trascorso le feste in famiglia, nel pieno delle regole!anche a te e alla tua famiglia un caro augurio di buon 2021 e che iddio ce la mandi buona!!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 04/01/2021 - 16:10

Finché in Italia saranno in vigore le attuali Leggi a dir poco lassiste e finché i giudici, per giunta, le applicheranno con troppo buonismo, beh i delinquenti avranno sempre buon gioco a discapito di chi subirà le loro angherie.

ST6

Lun, 04/01/2021 - 16:11

giovinap: giaguar è il proverbiale "amico del giaguar(o)" LOL

jaguar

Lun, 04/01/2021 - 17:15

giovinap, sono lombardo da diverse generazioni o come dici tu"patano". Ciao e buon anno.

mozzafiato

Lun, 04/01/2021 - 17:52

ULIO1974 evidentemente non hai mai messo piede a Napoli! Ho prestato 10 mesi di servizio militare a Caserta e spessissimo ero a Napoli. Ero giovane allora ma capii immediatamente che li vivono su un altro pianeta! Se uno straccio di istituzione dovesse far rispettare la legge, come minimo 2/3 dei napoletani vivrebbero nelle patrie galere.Passando con la ronda nei vicoli del centro, una volta cercarono di ammazzarci tutti e 3 investendoci con un'auto, per il resto dalle finestre ci pioveva in testa di tutto! Una civiltà esemplare quella partenopea!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 04/01/2021 - 17:56

Qui non si tratta questione di Napoli o Milano, soltanto che certa feccia deve sparire dalla società per sempre. In un carcere a lavorare per tutta la vita, per mantenere noi, non che noi dobbiamo mantenere loro. Questa vigliaccata la vorrei non rivedere più. Purtroppo la feccia è molto prolifica in tutti i campi.

Cheyenne

Lun, 04/01/2021 - 18:27

BRAVI GIGGINO E LAMORGESE AVETE FATTO UN BUON LAVORO

Ritratto di Lupry

Lupry

Lun, 04/01/2021 - 18:35

Napoli?! Strano...LOL Tutti col casco.....

sukram

Lun, 04/01/2021 - 18:52

A parte il fatto che le forze dell'ordine non possono essere sempre e ovunque, mi sembra strano che nessuna delle due autovetture passate di lì durante la rapina e pestaggio, da come si vede nel filmato, nessuno si è fermato a prestargli aiuto. Questa la dice lunga sui napoletani. Gran bella gente, davvero!!!

antonmessina

Lun, 04/01/2021 - 19:04

malviventi che possono circolare senza problemi a qualsiasi ora ..ma tanto i controlli li fanno alle persone per bene mica ai delinquenti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 04/01/2021 - 19:27

I 70.000 poliziotti che dovevano vegliare le srtade di notte dove sono, signora Lamorgese?

cecco61

Mar, 05/01/2021 - 10:13

Dall'articolo sembrerebbe che alcuni siano minorenni. Pure gli altri, poverini, famiglie disagiate e bla bla fratelli, quindi i soliti magistrati libereranno tutti nel giro di poco tempo garantendogli l'impunità. E fortuna che il Signore non ha reagito altrimenti oggi sarebbe indagato per lesioni a dei poveri ragazzini.