Nazionale

Amanda Knox di nuovo nella bufera: ancora una "frecciata" all'Italia

Amanda Knox continua a far discutere su Twitter: dopo la polemica dei giorni scorsi, stavolta ha commentato la foto di un piatto di pasta non risparmiando una "stoccata" all'Italia e al sistema carcerario italiano. Ma gli utenti non hanno apprezzato: "In America saresti ancora in carcere"

Un primo piano di Amanda Knox
Un primo piano di Amanda Knox

Era tornata a far parlare di sé pochi giorni fa, rimarcando quanto a suo avviso fosse fantastico studiare in Italia in risposta al "tweet" polemico di una studentessa americana nei confronti della città di Firenze. Un commento giudicato inopportuno da numerosi utenti del web, suscitando non poche polemiche. E nelle scorse ore, Amanda Knox ci è cascata di nuovo, esprimendo sempre su Twitter una critica nemmeno troppo velata al sistema carcerario italiano. O per essere più precisi, al vitto destinato ai detenuti. Tutto è iniziato quando la blogger americana Ash Ambirge ha pubblicato su Twitter la foto di un piatto di pasta, invitando i propri followers ad indovinare in quale Paese si trovasse.

"Basandovi su questo piatto, dove sono?" la domanda a corredo dell'immagine nella quale si scorgeva una pietanza a base di pesce, servita forse in qualche ristorante stellato. Una sorta di "gioco" al quale ha partecipato tra i vari iscritti al social anche l'ex-studentessa statunitense, arrestata nel 2007 a seguito dell'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Knox ha trascorso in carcere quasi quattro anni, a Perugia, prima di essere assolta da un crimine del quale si era sempre dichiarata estranea. E il suo tweet di risposta al quesito posto dalla blogger non ha lasciato indifferente l'utenza: "Sicuramente non ti trovi in un carcere italiano", il pensiero dell'ex-studentessa. Non è come la prima volta che Knox si rende protagonista di azioni o di esternazioni che fanno discutere. La scorsa estate destò ad esempio scalpore il suo incontro con il magistrato (ormai in pensione) che oltre quindici anni fa diresse le indagini successive alla morte di Meredith.

Il mese scorso pubblicò su Twitter una foto risalente ad oltre un decennio fa, che la ritraeva in cella in Italia. Solo qualche giorno fa, replicando alla connazionale Stacia Datskovska che si lamentava del semestre trascorso a Firenze, aveva nuovamente sollevato un polverone. E nemmeno la sua ultima uscita in ordine cronologico è passata come detto inosservata, specie agli occhi dell'utenza italiana: una "battuta gastronomica" che davvero pochi sembrano aver gradito. Questo è quel che si può intuire dal tono dei commenti, molti dei quali tracimati in veri e propri insulti che le sono stati rivolti direttamente su Twitter. E che continuano ad arrivarle ancora adesso. "Sei ossessionata dall'Italia - il commento di un utente - rifatti una vita". "Ringrazia di esser stata in Italia - l'opinione di un altro utente - se fosse successo in America, non so se oggi saresti libera". C'è poco da fare, insomma: Knox sembra non lasciarsi sfuggire nessuna occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

Commenti