Nazionale

A Ischia si scava nel fango a mani nude: tra le vittime un neonato di 21 giorni

I soccorritori stanno scavando a mani nude per recuperare tutti i dispersi: sale a sette il numero di vittime accertate

A Ischia si scava nel fango a mani nude: tra le vittime un neonato di 21 giorni

Il fango sta restituendo le vittime della frana di Ischia, che nella notte tra venerdì e sabato ha inghiottito un intero quartiere dell'isola. Secondo il bilancio provvisorio della prefettura di Napoli, le vittime accertate della frana di Casamicciola sono sette, cinque i dispersi. A comunicarlo nella serata di domenica è il prefetto Claudio Palomba. L'ultimo corpo recuperato è quello di un neonato.

Nel corso della mattinata, i soccorritori hanno recuperato il cadavere di una bambina e di un'anziana. Poco dopo ne è spuntato un altro, non ancora identificato. Questa mattina era stato recuperato il corpo di Eleonora Sirabella, una 31enne ischitana il cui corpo è stato trascinato per circa 100 metri dalla sua abitazione in piazza. La furia dell'acqua e dei detriti ha trascinato il suo corpo mentre è ancora disperso il corpo di suo marito. Qualche ora dopo, invece, i soccorritori hanno individuato il corpo di una bambina in una delle case travolte dalla furia della frana che si è abbattuta sulla cittadina di Casamicciola. Il corpo della bimba è stato ritrovato sotto il letto. È stata sicuramente sorpresa dalla frana mentre ancora dormiva e probabilmente ha cercato riparo sotto il letto: quando i soccorritori l'hanno trovata indossava ancora il pigiama rosa.

Le ricerche continuano incessanti e nel primo pomeriggio è stato rinvenuto il cadavere di una donna anziana. I soccorsi l'hanno ritrovata in un'abitazione di via Celaio, l'area che è stata maggiormente investita dalla frana all'alba di sabato. Al momento non è possibile identificare la donna e nemmeno stabilire quale sia la sua età. Come per gli altri cadaveri, anche il corpo di questa donna sarà portata presso l'obitorio dell'ospedale Rizzoli. Ed è proprio nell'area di via Celaio che si trovano tutti i dispersi, secondo quanto dichiarato Simonetta Calcaterra, nominata commissario per la Protezione civile a Ischia. I soccorritori continuano a scavare a mani nude nel tentativo di trovare i corpi di tutti i dispersi.

Nel pomeriggio di domenica le squadre dei soccorritori hanno individuato ed estratto dal fango la quinta vittima. Altre due vittime sono state individuate, nella stessa zona, ma non è stato ancora possibile liberarle dal fango. Tra le vittime accertate e già recuperate anche un neonato di 21 giorni.

"Con il consiglio dei ministri di questa mattina, il governo ha dato risposta immediata per Ischia dichiarando lo stato di emergenza e disponendo un primo stanziamento di 2 milioni di euro per affrontare questa terribile situazione", ha dichiarato Giorgia Meloni attraverso io suoi profili social. Nello stesso messaggio, il premier ha rinnovato la sua vicinanza a tutta la popolazione ischitana, oltre che "profonda gratitudine nei confronti di tutte le forze impegnate nei soccorsi, in particolare ai vigili del fuoco, che da ieri lavorano nel fango".

Commenti