Nazionale

"Bonaccini rozlamer...". L'insulto al governatore sull'argine del fiume

Stefano Bonaccini paragonato a uno scarafaggio stercorario: l'insulto apparso lungo la sponda del fiume dopo la visita del governatore a Cervia

"Bonaccini rozlamer...". L'insulto al governatore sull'argine del fiume

Ascolta ora: ""Bonaccini rozlamer...". L'insulto al governatore sull'argine del fiume"

"Bonaccini rozlamer...". L'insulto al governatore sull'argine del fiume

00:00 / 00:00
100 %

Una scritta offensiva contro Stefano Bonaccini è apparsa in un caldo pomeriggio d'agosto lungo il nuovo argine del fiume Savio a Castiglione di Cervia. Il governatore della Regione Emilia-Romagna è stato paragonato dagli ignoti "writer" a un insetto, in particolare a uno scarabeo stercorario. "Bonaccini rozlamerda", si legge nella scritta in bianco, ben visibile anche a centinaia di metri di distanza. Le immagini sono state condivise sui social e il sindaco della cittadina romagnola ha condannato il gesto: "Nel manifestare piena solidarietà e riconoscenza e stima al presidente Bonaccini, ci auguriamo che le indagini possano risalire prontamente ai responsabili".

Solo pochi giorni fa, il governatore ha fatto visita alla città di Cervia per un sopralluogo nelle saline, un'area che è stata duramente colpita dalla piena del fiume. Ed è probabile che sia legata alle polemiche relative al maltempo questa contestazione a Bonaccini. ""Dobbiamo tenere accesi i fari su questo luogo molto particolare e completamente alluvionato", ha detto il presidente in quell'occasione, sottolineando che il parco nel quale l'area umida insiste ha subito un danno per diversi milioni di euro. Nei prossimi giorni, ha aggiunto il governatore, dovrebbe essere in programma un incontro con il commissario Figliuolo, nominato dal governo per la gestione delle risorse necessarie stanziate dalle casse statali per la ricostruzione.

Un incontro, ha spiegato Bonaccini, "per decidere gli investimenti necessari affinché non venga pregiudicato un patrimonio così importante per la Romagna e per l'intero Paese". Il presidente continua a far pressioni sul governo e anche durante la sua visita a Cervia ha rimarcato che "qui servono subito alcuni milioni di euro per permettere che la prossima estate si riprenda a produrre sale". E anche durante quella visita il governatore non ha perso l'occasione per ribadire la sua posizione sui fondi per il dopo alluvione e sul commissario. "Il ritardo c'è stato. Errani fu nominato commissario straordinario alla ricostruzione una settimana dopo il terremoto. Figliuolo è entrato in carica ufficialmente solo pochi giorni fa. Nemmeno 'Mandrake' se non ha strumenti e risorse può risolvere le cose".

Commenti