Nazionale

Il neonato, i due fratellini, Nina: chi sono le sette vittime di Ischia

Le ricerche proseguono, ma ci sono già sette vittime accertate. Una famiglia distrutta, i fratellini, la 31enne che aveva chiamato il padre e la 58enne bulgara

Il neonato, i due fratellini, Nina: chi sono le sette vittime di Ischia

La tragedia che si è abbattuta su Ischia ha portato via, sino ad ora, sette persone. Attualmente, secondo i dati diffusi dalle autorità competenti, la terribile frana ha provocato sette morti, mentre invece restano cinque i soggetti dati ancora per dispersi.

Eleonora, la prima vittima

La prima vittima accertata è stata la 31enne Eleonora Sirabella, rimasta travolta dal fango mentre si trovava all'interno della propria abitazione. Il suo corpo è stato trascinato per metri lontano dalla sua casa, ed è stato rinvenuto in piazza Maio. Il volto era quasi irriconoscibile.

"Mi hanno mostrato la borsa per vedere se la riconoscevo. Il volto no, mi hanno detto che non proprio era il caso di farmelo vedere", ha dichiarato addolorato don Gino Ballirano, parroco di Casamicciola, a Repubblica.

Di lei sappiamo che aveva chiesto aiuto al padre, atterrita dai rumori che precedevano la frana e il fiume di fango. L'uomo aveva cercato di raggiungerla presso la sua abitazione, sita in zona del Rarone, a poca distanza dalla frattura principale della montagna. Malgrado la tempestività non è stato possibile far nulla per salvare la vita alla 31enne. Giunto sul posto, il padre di Eleonora si è trovato di fronte un muro di detriti.

Ancora nessuna notizia, invece, del marito di Eleonora, Salvatore Impagliazzo. Impagliazzo è un marinaio e attualmente risulta disperso.

I due fratellini, Francesco e Maria Teresa

Ischia piange anche i due fratelli Francesco Monti e Maria Teresa Monti, rispettivamente di 11 e 6 anni. I bambini sono figli di Valentina Castagna e Gianluca Monti, ancora dispersi insieme a un altro figlio. La bambina è stata trovata sotto il letto. Maria Teresa aveva ancora il pigiamino rosa, quando la valanga è arrivata stava ancora dormendo. Probabilmente per cercare di salvarsi si è rifiugiata sotto il letto.

Del padre Gianluca sappiamo che è un tassista dell’isola, conosciuto per il suo umorismo. In tanti turisti erano soliti cercare proprio lui per spostarsi per la zona. Valentina, invece, è una casalinga, dedita alla cura dei figli.

Subito dopo aver saputo della tragedia, i parenti della famiglia hanno raggiunto l'abitazione dei Monti, provvedendo da soli a iniziare le ricerche. Tutto vano. Anche le numerose telefonate ai cellulari sono state inutili, nessuno ha mai risposto. La casa è stata investita solo per metà dalla valanga di fango e detriti, ma i danni sono stati ingenti. Trovato anche il cavallo di Gianluca: l'animale è stato rinvenuto privo di vita, a valle.

Maurizio, Giovanna e il bimbo di 22 giorni

Non ce l'ha fatta neppure la famiglia composta da Maurizio Scotto Di Minico e Giovanna Mazzella, di 32 e 30 anni. A morire insieme a loro anche il figlioletto di soli 22 giorni, il piccolo GiovanGiuseppe, nato lo scorso 4 novembre. Sono stati i vigili del fuoco a trovare il corpo del neonato, recuperato all’interno di un’abitazione.

La casa dei Di Minico è stata completamente sepolta dalla frana. Non c'è stato scampo per la famiglia. I corpi di tutti e tre si trovano ora nella camera mortuaria dell’ospedale Anna Rizzoli di Lacco Ameno.

Di Maurizio e Giovanna sappiamo che il primo lavorava come pizzaiolo, mentre la seconda come impiegata in un piccolo negozio. Da qualche mese i due avevano deciso di allargare la famiglia, ed era nato il piccolo GiovanGiuseppe. Un sogno di felicità infranto.

La signora Nina

A perdere la vita anche la 58enne Nikolinka Gancheva Blangova, di nazionalità bulgara. Il consolato bulgaro è stato avvisato dalla prefettura di Napoli. Nikolinka frequentava Ischia da quando era ragazzina e lavorava come cameriera in alcune strutture ricettive. Si faceva chiamare "Nina", ed erano in tanti a conoscerla.

Stando a quanto riferito, la donna era tornata da tre giorni per svolgere alcune pratiche burocratiche. Voleva infatti ottenere la cittadinanza italiana. Nina viveva da qualche anno in Germania, dove si era trasferita con il compagno, un ristoratore che aveva conosciuto proprio a Ischia.

Una giornata di ricerche

Proseguono le ricerche di cinque persone disperse. I soccorritori continuano a scavare nel fango mentre gli abitanti del posto pregano e sperano che il conteggio dei morti si interrompa. Stando alle ultime informazioni, tuttavia, sembra che i cani 'molecolari' abbiano fiutato un'altra traccia, rinvenendo, forse, un'ottava vittima.

Commenti