Nel 2006 Scontri infuocati quando erano ministri nel governo Prodi

Tra Antonio Di Pietro e Clemente Mastella i rapporti non sono mai stati idilliaci. Troppo diversi l’ex pm arrivato alla politica a suon di populismo e il politico di razza, cresciuto alla vecchia scuola della Democrazia cristiana. Amici mai, anzi tutt’altro. Soprattutto quando, quasi per una beffa del destino, Tonino e Clemente si sono ritrovati allo stesso tavolo, quello del Consiglio dei ministri del secondo governo Prodi: l’uno, Clemente, nel ruolo che sarebbe stato naturale per un’ex toga come Tonino, ministro di Giustizia; l’altro, Tonino, alla guida di quell’ottima cabina strategica che è il ministero delle Infrastrutture.
Tra i due ministri sono scintille. E subito, dopo soli tre mesi. Le prime avvisaglie a luglio del 2006, sull’indulto. Lo scontro frontale a ottobre, quando si vota il ddl Mastella di riforma dell’ordinamento giudiziario. Idv al Senato, si astiene (e a Palazzo Madama il «ni» vale «no»), la maggioranza va sotto. Ed è bufera. La sinistra minimizza, ma lo scontro tra i ministri è un terremoto. «A questo punto - minaccia Mastella - non posso far passare i provvedimenti suoi. Qui al Senato blocchiamo tutte le attività del ministero delle Infrastrutture». E ancora: «La pazienza è finita, mi sono rotto i c... di Di Pietro». Quindi l’aut aut: «O Prodi ricorda al ministro Di Pietro che anche lui fa parte della maggioranza e lo convince a votare la riforma dell’ordinamento giudiziario così come concordato con gli alleati, oppure saremo noi Udeur a prendere atto che la maggioranza non esiste più e ne trarremo le conseguenze».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti