Nella Valle delle Mele arte, cultura, castelli Un paradiso tra montagne senza tempo

Quel mondo di «dame, cavalier, armi ed amori» torna a vivere in Val di Non. Il simbolo montanaro del «viver cortese» risiede poco a nord di Vigo di Ton in Val di Non: Castel Thun da poco riaperto al pubblico con visite guidate e attività per adulti e bambini (www.buonconsiglio.it). Solenne vedetta ai piedi delle Alpi, questa fortezza effonde fascino e profumo di storia da ogni pietra. Si tratta di una residenza signorile, punta di diamante della nobile famiglia Thun. Il castello consta del palazzo, un compatto parallelepipedo a pianta quadrata avvalorato da collezioni d'arte che abbracciano secoli, e dei giardini racchiusi da ben due cinte murarie complete di torri e bastioni. Castel Thun è l'emozione di guardare il mondo dall'alto. Per chi desidera un soggiorno da principe, un trattamento a 4 stelle è assicurato all'hotel Casez (www.hotelcasez.it, dal 27/06 all'1/08 da 54 euro al giorno a persona, mezza pensione per almeno 3 giorni) o all'agritur maso San Bartolomeo, antico insediamento romano poi «gastaldìa» dei Principi Vescovi di Trento e, infine, ospizio per i viandanti (www.agriturmasosanbartolomeo.it). Si possono gustare pranzi regali al ristorante hotel Alpino a Brez o piatti tradizionali a base di mortandela, speak e formaggi d'alta montagna, accompagnati dai tradizionali «tortiei da patate» e da una coppa di vino groppello, nel magico ed intimo agritur Castel Vasio, dimora storica immersa nei boschi e nel silenzio (a partire da 80 euro al giorno, ristorazione su prenotazione, www.castelvasio.net). La Val di Non svela anche dei volti nascosti e avventurosi: il paese di Fondo è spaccato dal Canyon Rio Sass, 1.100 m di adrenalina ed emozione a 100 m nel cuore della terra. Qui regna la natura che dona uno spettacolo di rocce colorate, di gole profonde, di giochi di luci e di rapide che conducono all'incantevole Lago Smeraldo (visite guidate tutti i giorni, prenotazione obbligatoria allo 0463.850000, www.canyonriosass.it). Infine, chi viaggia «con gusto» può partecipare, dal 23 aprile al 27 giugno, ad «Adotta un melo», che permette di diventare contadini per qualche giorno osservando da vicino la coltivazione della mitica Melinda. L'iniziativa propone di «adottare» un albero in primavera in agriturismo e tornare in autunno alla raccolta dei suoi frutti, in concomitanza con «Pomaria», la festa del raccolto che anima tutta la valle (pacchetti weekend da 70 euro a persona in camera doppia, trattamento B&B, chi torna in autunno, quote a partire da 60 euro. Info: tel.0463.830133, www.visitvaldinon.it.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti