Non solo adozione a distanza

Scopri gli altri progetti di Alice for Children: con Alice Village, Alice School e Alice Home puoi dare agli orfani di Nairobi la possibilità di studiare e di crescere in case accoglienti con famiglie "adottive" che li faranno sentire parte di una comunità

Non solo adozione a distanza

Alice for Children non è solo adozione a distanza: sono numerosi i progetti di Alice for Children a Nairobi per far sì che i "figli degli slum" possano crescere all'interno di una comunità accogliente che li faccia sentire parte di una famiglia e per assicurare loro un'educazione che consenta loro un futuro dignitoso.

Alice Village ll 3 maggio 2008, nella periferia a sud di Nairobi, nasce Alice Village: un orfanotrofio situato su un terreno di circa 2 ettari immerso nel verde, dove i bambini possono crescere lontani da baraccopoli, malattie e violenze. Intorno ad una casa centrale si trovano due dormitori che ospitano oggi 16 bambine e 16 bambini tra i 3 e i 12 anni. I piccoli qui hanno trovato l'affetto di vice madri che offrono loro l'atmosfera serena di una famiglia. Il 5 dicembre è stata inaugurata una nuova casa per 24 ospiti e presto darà il via ad un'ulteriore casa per altri 24. Alla fine del 2009 i bambini di Alice Village sono 56.

Alice Home È una piccola casa per 24 bambini, situata nello slum di Kariobangi, che accoglie bambini orfani. Una famiglia keniota vive con loro e li cura sotto il controllo del capo dell'orfanotrofio principale che è stato fondato dall'associazione Outreach Community Center. Alice Children Home è stata costruita all'interno di un orfanotrofio che ospitava già un centinaio di bambini. Qui Alice for Children ha sistemato gli alloggi pre-esistenti e creato strutture come bagni e ampi saloni per migliorare la vita dei bambini. Il 5 dicembre è stata inaugurata una nuova casa ospitante altri 13 bambini.

Alice For School Questa piccola scuola situata nello slum di Korogocho è raggiungibile solo a piedi, attraversando fognature a cielo aperto e cumuli di rifiuti. In mezzo al degrado di una immensa baraccopoli, sorge questa piccola oasi, guidata dalla locale ONG Grapesyard, dove 350 bambini vanno a scuola regolarmente, giocano e mangiano. Grazie ai fondi raccolti, Alice for Children è riuscita a portare l'acqua e la luce e a fornire le classi di banchi, sedie, lavagne e finanziato maestri esigenti nello studio e umani nei rapporti.