Nostre task force di super esperti in appoggio ai private banker

Proprietari di patrimoni Oltreconfine, ma anche intermediari finanziari o consulenti dell’area legale o fiscale, si trovano di fronte a difficili interpretazioni della normativa che determinano orientamenti non sempre univoci. Forte dell’esperienza derivante dall’aver gestito con successo le precedenti operazioni di emersione delle attività detenute all’estero realizzate dal governo italiano negli anni scorsi, Ubi Banca si è mossa già prima dell’estate con task force dedicate a fornire supporto ai clienti e alla rete commerciale sullo scudo fiscale ter: task force costituite da specialisti in materia legale e fiscale che si affiancano ai 370 private banker che abitualmente gestiscono i grandi patrimoni.
Parallelamente, un percorso di formazione interna su circa 700 risorse delle banche del gruppo garantisce un costante aggiornamento sulla normativa e permette alla clientela di ricevere un supporto fattivo sulle attività da porre in essere per procedere alla finalizzazione dell’operazione di scudo.
La capacità di gestire i grandi patrimoni è garantita da Ubi Private banking, terzo player nazionale, con oltre 65.000 clienti, 36 miliardi di euro di asset in gestione, e una rete di esperti dislocata su 120 uffici in Italia.
Sul tema dello scudo fiscale Ubi Banca offre anche una serie di servizi in sinergia con altre società del gruppo, in particolare Ubi Fiduciaria. Ubi Banca è infatti uno dei pochi istituti nazionali a poter vantare una fiduciaria interna che garantisce maggiore privacy e riservatezza.
Per aiutare clienti e intermediari a comprendere e interpretare al meglio la normativa dello Scudo fiscale ter, Ubi Banca ha programmato un calendario di convegni che interesserà le maggiori 18 città italiane in cui è presente. Durante questi incontri, gli specialisti e i consulenti di Ubi Banca presenteranno un’analisi dello scenario determinato dalla nuova normativa sullo scudo fiscale, chiarendone alcuni aspetti interpretativi, e suggerendo le soluzioni operative idonee a coglierne tutte le opportunità.
«Lo scudo fiscale ter è una materia complessa - commenta Gianluca Bisognani, responsabile Ubi Private banking -, per questo abbiamo previsto anche il supporto di un pool di fiscalisti e legali di primaria importanza a livello nazionale».