Opec, stop ai colloqui per produrre di più

da Milano

L’Opec ha sospeso i negoziati su un nuovo aumento produttivo di 500mila barili al giorno, ha detto un portavoce dell’organizzazione. «I negoziati sono stati sospesi finché il Cartello rivedrà la decisione presa il 15 giugno di aumentare la produzione di 500.000 barili al giorno» ha detto il portavoce, Abdulrahman al Kheraigi.
«Il presidente ha voluto lasciare al mercato il tempo di assorbire la decisione e se ce ne sarà bisogno il Cartello attuerà in tempi brevi la seconda tappa dell’accordo, cioè un altro aumento di 500mila barili al giorno» ha aggiunto.
Il presidente dell’organizzazione, lo sceicco kuwaitiano Ahmad Fahad Al Sabah, ha detto ieri che un valore a quota 53 dollari al barile sarebbe accettabile, mentre a 57 dollari i prezzi del petrolio «sono troppo alti».
Le quotazioni del greggio sono intanto scese ieri a New York sotto i 56 dollari il barile, il più basso livello delle ultime due settimane. A Londra il Brent è stato quotato a 55,75 dollari, in calo dello 0,7% rispetto a giovedì.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento