Ora Unicredit sfida i «grandi» dell’investment banking europeo

«Piazzetta Cuccia? Un concorrente locale di qualità»

da Milano

«Vogliamo diventare uno tra i maggiori player europei, ma sarebbe una missione impossibile scontrarsi con i colossi globali del settore». Sergio Ermotti, 46 anni, vicedirettore generale di Unicredit, ieri alla prima milanese come responsabile della divisione Markets & Investment banking del gruppo, mette sul tavolo i suoi programmi: giocare lo stesso campionato con istituti come Bnp Paribas, Abn, Barclays e Société Générale, lasciando perdere il girone delle banche d’affari modello Ubs, Morgan Stanley e Goldman Sachs. «In ogni caso non avrebbe senso una crescita distinta da quella di Unicredit. Le nostre aree di forza sono Italia, Germania e Austria, ma abbiamo anche una forte presenza nella nuova Europa. In Polonia siamo i primi, in Russia siamo tra i primi cinque. Con i nostri partner turchi abbiamo progetti ambiziosi. E il 75% del mercato dell’Est è in questi tre Paesi». Nel Far East invece il gruppo consoliderà solo presenze «tattiche», rafforzate intorno a competenze di prodotto.
«È la prima volta che una banca italiana assume un ruolo europeo così di rilievo», ha aggiunto il manager di Unicredit. Quanto alla concorrente Mediobanca, Ermotti è sembrato sottolineare la vocazione tutta peninsulare di Piazzetta Cuccia: «È sicuramente un concorrente locale di tradizione e qualità». Nel 2006 la divisione Markets & Investment banking ha inciso per il 14% dei ricavi di Unicredit, una percentuale che sale al 15% se si guarda all’allocazione di capitale e al 19% per quanto riguarda gli utili. La scorsa settimana il gruppo ha completato la sistemazione formale del comparto: il cda di Ubm ha approvato il conferimento dell’area investment banking ad Hvb, la consociata tedesca del gruppo, che da Monaco di Baviera rappresenterà il centro di competenza nel settore.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti