Organizzano una vendetta via internet

Si erano dati appuntamento giovedì, attraverso internet, nella centralissima piazza del Popolo, per un regolamento di conti dopo l’aggressione avvenuta ai danni di un ragazzino picchiato da alcuni coetanei perché si vestiva in modo strano. Ma i giovani, alcuni dei quali avevano coltelli e tirapugni, appartenenti a due distinti gruppi, i «truzzi» e gli «emo», sono stati fermati dai carabinieri.
I militari della stazione San Lorenzo in Lucina hanno scoperto un blog su internet nel quale alcuni giovani appartenenti alle due fazioni si erano dati appuntamento. Ma ad aspettare gli adolescenti c’erano decine di carabinieri che hanno impedito che i due gruppi si affrontassero. Quando hanno visto i militari alcuni sono riusciti a scappare, mentre un centinaio di ragazzi sono stati controllati dai militari. Un giovane di 27 anni, appartenente al gruppo dei «truzzi», aveva alcune dosi di hashish ed è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga. Altri quattro giovani dello stesso gruppo, tra i 15 ed i 17 anni, sono stati denunciati dopo essere stati trovati con alcuni coltelli di genere proibito ed un tirapugni metallico. I controlli dei carabinieri proseguiranno anche nei prossimi giorni per evitare che i due gruppi si possano organizzare per dare vita ad ulteriori scontri.

Commenti

Grazie per il tuo commento