Pace tra Bertinotti e Lella Dagospia: "Messinscena"

Venerdì 22 gennaio, nel pomeriggio, Dagospia annuncia: «Sora Lella ha mollato Fausto Bertinotti». Qualcuno ha infatti visto la signora, al party di un giornalista romano dov'era invitata col marito, «sola e funerea». Apriti cielo. Ieri Fausto Bertinotti ha preso carta e penna, come avevano fatto in passato altri politici e ha scritto a Mario Calabresi, affidando a una lettera alla Stampa il chiarimento sulla presunta fine del suo matrimonio con la moglie, la signora Lella. A gettare acqua sul fuoco del gossip aveva già provveduto la diretta interessata, Lella Bertinotti, che aveva assicurato che il focolare Bertinotti non aveva crepe. «Se volete, vi passo mio marito, è qui con me».
Gabriella Fagno Bertinotti aveva anche risposto a un articolo sul Riformista, rimarcando: «Non è vero che l’ultima uscita pubblica insieme a mio marito è stata all’inaugurazione del Maxxi». Ieri sera l’ultimo colpo di scena. Dagospia non solo conferma la crisi in casa Bertinotti, ma addirittura rilancia con uno scoop dal titolo: «Fausta & Lella, come Albano & Romina: cena di (finta) riappacificazione». Qual è la tesi di Dagospia? I coniugi Bertinotti avrebbero organizzato una falsa cena di riappacificazione in un noto ristorante romano, la velina sarebbe poi stata passata ai fotografi che hanno infatti realmente immortalato i due a cena. Ma Dagospia svela il bluff: «È sufficiente una sbirciatina al volto di Fausto nero come l'asfalto di piazza del Popolo per capire quanto dolore gli procuri la messinscena orchestrata dalla Sora Lella al Bolognese, nemmeno fossero Albano & Romina dei bei tempi».
E la telenovela continua...
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.