Via Padova, i Lumbard fanno il pieno

Nessun sorpasso della Lega che, anzi, in città rimane dietro al Pdl di 22 punti. Risultati migliori rispetto a quelli regionali per il Pd che in città sta dietro di circa 8 punti. Percentuali che cambiano però, anche di qualche punto, da una zona all’altra

Nessun sorpasso della Lega che, anzi, in città rimane dietro al Pdl di 22 punti. Risultati migliori rispetto a quelli regionali per il Pd che in città sta dietro di circa 8 punti. Percentuali che cambiano però, anche di qualche punto, da una zona all’altra. Nel centro storico, che vuol dire Brera, Magenta, ma anche Chinatown, il Pdl fa il suo record meneghino con il 40,9% dei voti. Una promozione per Letizia Moratti che sta rispettando gli impegni presi in campagna elettorale, ovvero la riqualificazione di via Sarpi. In zona 1 la Lega si attesta al 14,19%, mentre il Pd è nettamente sotto, con il 24,34% dei voti. Diverso il quadro in zona 2, ovvero via Padova, dove a sbancare è la Lega Nord con il 16,04% di preferenze, in parte scippate al Pdl che scende al 36,46%. Dato che non sorprende: gli scontri del 13 febbraio, il degrado e il livello di esasperazione raggiunto dai cittadini, la tensione e la paura iniziano a farsi sentire a un anno dalle comunali. Le ordinanze firmate dal sindaco hanno scontentato anche i commercianti e i ristoratori, che hanno previsto un calo degli affari del 7%. Qui il Pd tiene e si attesta sul 24,76%, percentuale che sale di ben tre punti (27,6%) tra corso Venezia, Lambrate e Città Studi dove tiene il Pdl col 36,16% e scende la Lega (13,89%). Un risultato quasi identico in zona 4 (Porta Vittoria-Forlanini), mentre si differenzia la zona 5, quella dei quartieri Aler Stadera, Spaventa, via Palmieri, ostaggio di occupazioni abusive, immigrazione e spaccio. Qui «spopola» l’Idv, che raggiunge il suo record meneghino con l’8,21%. A sorpresa scende di due punti il Pdl, che ottiene il 34,97% delle preferenze, totalizzando il secondo peggior risultato sulla città, mentre sale di poco il Carroccio, 14,27, e scende leggermente il Pd, 26,6%. Anche in zona 6, che va da Lorenteggio-Barona ai Navigli e Darsena, il Pdl guadagna il 35,91% dei voti. Dato ben lontano da quel 40% della zona 1, che si può leggere come una bocciatura da parte del quartiere per l’operato del sindaco. Nel mirino delle polemiche la Darsena, ridotta a una palude, nonostante lo stop al parcheggio, le continue proteste dei commercianti per il no all’autosilo e i residenti esasperati dalla movida e dal degrado che comporta. Si conferma «rossa» la zona 9, Garibaldi-Niguarda-Comasina, dove il Pd (27,45%) è dietro al Pdl (33,24%) di soli 5,5 punti.

Autore

Commenti

Caricamento...