A Bagheria, alunni disabili senza assistenza. Il Comune: "Situazione temporanea"

Anno nuovo, vecchi problemi. I bambini disabili che frequentano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado sono senza assistenza specialistica

L'allarme era scattato poco prima che riprendessero le lezioni. L'assistenza agli alunni disabili che frequentano le scuole comunali di Bagheria è stata sospesa. Mentre sono ripresi i servizi igienico-personali e di trasporto, resta sospesa l'assistenza specialistica per le scuole dell’infanzia, primaria e della secondaria di primo grado. "L'amministrazione comunale di Bagheria chiarisce che già da oggi il servizio igienico personale e di trasporto per alunni disabili per tutte le scuole comunali è partito come da programma - si legge in una nota dell'amministrazione comunale -. L'unica temporanea sospensione è relativa al servizio di assistenza specialistica per le scuole dell'infanzia, primaria e della secondaria di primo grado". Una sospensione "che comunque verrà ripristinato a brevissimo", dice l'assessore alle Politiche sociali Emanuele Tornatore. "È volontà dell'amministrazione guidata da Filippo Maria Tripoli risolvere al più presto il problema ed è per questo che incontreremo oggi le cooperative che gestiscono il servizio: per informarle sull'iter. Abbiamo trovato la copertura finanziaria. Per i mesi di maggio e giugno - spiega l'assessore al ramo - abbiamo ereditato un debito fuori bilancio e gli operatori del servizio hanno continuato a lavorare senza la necessaria copertura finanziaria; Ecco perché i ritardi nei pagamenti. La sospensione del servizio di assistenza specialistica, e solo di questa, è temporanea, il bilancio non è stato ancora approvato pertanto occorre fare l'ennesima variazioni di bilancio per trovare la copertura finanziaria del servizio che verrà ripristinato in tempi ristrettissimi - promette l'assessore -. La sospensione temporanea è stata necessaria proprio per effettuare i procedimenti e garantire sia il diritto al servizio che gli stipendi".

Per quanto concerne invece, la vicina Palermo. L’Assessorato regionale della Famiglia ha destinato 5,8 milioni di euro alla Città Metropolitana di Palermo per garantire le attività di assistenza agli alunni con disabilità. Si tratta di un primo acconto rispetto al fabbisogno totale che è di 8,5 milioni di Euro. Adesso si attende il saldo del fabbisogno richiesto a novembre scorso che è pari a 2,7 milioni di euro. "Auspichiamo per il prossimo anno scolastico che le somme di competenza delle città metropolitane e dei liberi consorzi per tali servizi, possano essere assegnati in un'unica soluzione, cioè prima dell’inizio dell’anno scolastico. Questo per una serena e migliore programmazione da parte dei nostri uffici di competenza e per garantire agli studenti diversamente abili i loro diritti, e serenità alle loro famiglie", afferma il sindaco metropolitano Leoluca Orlando. "Come città metropolitana di Palermo siamo lieti di avere notizia di un finanziamento di 5 milioni e 800mila euro per i servizi d'integrazione scolastica degli studenti diversamente abili degli istituti medi superiori di Palermo e Provincia. Così si da serenità alle famiglie degli studenti per l'anno scolastico - afferma il dirigente dell'ufficio Politiche Sociali Filippo Spallina -. Confido che nei prossimi mesi possa essere erogato anche il saldo del fabbisogno richiesto per chiudere l'anno scolastico 2019/20”.

Una boccata di ossigeno che comunque non risolve il problema a monte, dato che da anni si continua ad andare avanti di proroga in proroga e la prossima proroga riguarderà il periodo gennaio-giugno 2020.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.