Il Papa incontra Berlusconi, poi vola a Praga: "Comunismo dittatura basata sulle menzogne"

Benedetto XVI è arrivato a Praga, prima tappa del viaggio apostolico di tre giorni nella Repubblica Ceca. Citando l’ex presidente ceco Vaclev Havel il Santo Padre ha denunciato la dittatura comunista. Prima di lasciare Roma breve colloquio con Berlusconi

Il Papa incontra Berlusconi, poi vola a Praga: 
"Comunismo dittatura basata sulle menzogne"

Praga - Sull’aereo che lo portava a Praga, Benedetto XVI ha voluto rendere omaggio all’ex presidente ceco Vaclev Havel che, ha ricordato il Pontefice, "ha dato all’Europa un messaggio di cosa è libertà e di come dobbiamo vivere ed elaborare la libertà". "Come ha detto Havel la dittatura è basata sulla menzogna e se se la menzogna andasse separata, se nessuno mentisse più, se viene alla luce la verità c’è anche la libertà. Così è elaborato questo nesso tra libertà e verità perché libertà non è libertinismo né arbitrarietà". A Praga per la prima tappa del viaggio apostolico di tre giorni nella Repubblica Ceca il santo Padre ha subito spiegato il messaggio di libertà che, inquesti giorni, è venuto a portare proprio nel cuore dell'Europa.

La denuncia di Benedetto XVI Se la Repubblica Ceca è il paese più secolarizzato dell’Europa Centrale (il 51 per cento dei cittadini si dichiarano atei) e quello dove si fanno meno figli (le morti superano le nascite), per Benedetto XVI tutto questo ha delle cause ben precise. "Non si deve sottovalutare - ha detto nel discorso all’aeroporto Starà Ruzyne di Praga - il costo di quarant’anni di repressione politica". "Una particolare tragedia per questa terra - ha ricordato il Papa proprio all’inizio del suo viaggio di tre giorni - è stato il tentativo spietato da parte del Governo di quel tempo di mettere a tacere la voce della Chiesa. Nel corso della vostra storia, dal tempo di San Venceslao, di Santa Ludmilla e Sant’Adalberto fino a San Giovanni Nepomuceno, vi sono stati - ha ricordato il Papa alla popolazione ceca - martiri coraggiosi la cui fedeltà a Cristo si è fatta sentire con voce più chiara e più eloquente di quella dei loro uccisori".

Testimoni da seguire "Quest’anno - ha continuato il Papa - ricorre il quarantesimo anniversario della morte del Servo di Dio il cardinale Josef Beran, arcivescovo di Praga. Desidero rendere omaggio a lui e al suo successore, il cardinale Frantisek Tomasek, che ho avuto il privilegio di conoscere personalmente, per la loro indomita testimonianza cristiana di fronte alla persecuzione. Essi, ed altri innumerevoli coraggiosi sacerdoti, religiosi e laici, uomini e donne, hanno mantenuto viva la fiamma della fede in questo Paese". "Ora che è stata recuperata la libertà religiosa, faccio appello a tutti i cittadini della Repubblica - ha continuato il Santo Padre - perché riscoprano le tradizioni cristiane che hanno plasmato la loro cultura ed esorto la comunità cristiana a continuare a far sentire la propria voce mentre la nazione deve affrontare le sfide del nuovo millennio".

Riscoprire le radici cristiane "Se l’intera cultura europea è stata profondamente plasmata dall’eredità cristiana, ciò - ha sottolineato Benedetto XVI - è vero in modo particolare nelle terre ceche, poichè, grazie all’azione missionaria dei Santi Cirillo e Metodio nel nono secolo, l’antica lingua slava fu per la prima volta messa in iscritto. Apostoli dei popoli slavi e fondatori della loro cultura, essi a ragione sono venerati come Patroni d’Europa. E' poi degno di menzione il fatto che questi due grandi santi della tradizione bizantina incontrarono qui missionari provenienti dall’Occidente latino".