Pdl e Lega vogliono la «Grande coalizione»

Intesa a tutti i costi, anche a costo di mettere su una «Grande coalizione», pur di dare ai cittadini di Sampierdarena e San Teodoro un Municipio che funzioni e che sia in grado di risolvere i problemi: è quanto chiedono di verificare i gruppi di Pdl e Lega nel parlamentino Centro Ovest. I quali propongono di «sondare la disponibilità di tutti i partiti e dei singoli eletti» per dar vita a una sorta di maggioranza trasversale su un programma condiviso. «Il Commissariamento, che potrebbe essere decretato entro 40 giorni, e le successive elezioni in concomitanza con le regionali - spiegano gli esponenti del Popolo della libertà e del carroccio - non sono affatto lo sbocco obbligato della crisi politica in cui versa il Municipio, in quanto il presidente Minniti non è stato eletto in modo diretto dai cittadini, come accade ad esempio, nel caso del sindaco, e quindi il regolamento prevede di verificare se in consiglio sono possibili maggioranze alternative».
Pertanto il Pdl (che ha la maggioranza relativa dei consiglieri) e la Lega si dichiarano «disponibili a confrontarsi in modo trasparente con tutti coloro che hanno un approccio non ideologico», anche se constatano che l’Idv «sembra attratta dalle sirene delle elezioni anticipate e il Pd pare propenso a porre fine alla legislatura per “regolare i conti“ con la sinistra radicale, Prc e Verdi, colpevole di aver avanzato precise richieste programmatiche».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.