Personaggi

"Spendeva 92mila euro al mese". L'eredità sperperata di Lisa Marie Presley

Le carte del divorzio dall'ex marito Michael Lockwood hanno rivelato che la figlia di Elvis aveva accumulato almeno 3 milioni di dollari di debiti, di cui un milione in tasse arretrate

"Spendeva 92mila euro al mese". L'eredità sperperata di Lisa Marie Presley

Tre milioni di dollari di debiti, di cui un milione in tasse arretrate. Ma anche entrate per 100mila dollari al mese, che sperperava quasi fino all'ultimo centesimo. Era questa la situazione finanziaria di Lisa Marie Presley, morta lo scorso 12 gennaio per arresto cardiaco a 54 anni. A rivelare i conti in rosso della figlia di Elvis il sito The Blast, che è entrato in possesso dei documenti depositati in tribunale a fine novembre come parte della battaglia per il divorzio di Lisa Marie con l'ex marito Michael Lockwood, da cui si era separata nel 2016 e con cui aveva due gemelle di 14 anni.

I due avevano recentemente raggiunto un accordo: Lisa Marie aveva accettato di pagare 6mila dollari al mese a Lockwood per le figlie Harper e Finley (molto meno di quanto chiesto dall'uomo, sembra 40mila dollari). Dichiarando il cattivo stato delle sue finanze, erano anni che Presley non pagava il mantenimento delle figlie, ma l'anno scorso Lockwood era tornato in tribunale, sostenendo che l'ex moglie era piena di soldi, tra cui un anticipo di un milione di dollari per un libro e i fondi aggiuntivi dall'uscita del film Elvis, che ha registrato grandi successi al botteghino.

I calcoli di Lockwood erano in parte giusti, peccato non avesse previsto che Lisa Marie aveva sperperato, e ancora sperperava, il patrimonio del padre, da cui aveva ereditato 100 milioni di dollari, e ogni entrata che riceveva dalle sue attività. La figlia del re del rock, nonostante avesse venduto nel 2004 l'85% della sua partecipazione nella proprietà del padre, grazie al successo intramontabile di Elvis guadagnava comunque più di 100mila dollari al mese. Più precisamente, ricavava 4.400 dollari dalla tenuta di Graceland e 104mila dollari dalla Elvis Presley Enterprise. Ma viveva decisamente oltre le proprie possibilità, spendendo poco meno di quanto guadagnava: più di 92mila dollari ogni 30 giorni, tra cui 23.500 dollari per l'affitto e circa 1000 dollari per il noleggio di una Maserati.

Secondo i documenti depositati in tribunale, in passato la situazione finanziaria di Presley era, se possibile, anche peggiore. La stessa Lisa Marie avrebbe dichiarato di essersi trovata, a un certo punto, con 16 milioni di dollari di debiti, a causa dei disastrosi affari conclusi dal suo manager Barry Siegel. Tanto che nel 2018 lo aveva citato in giudizio, accusandolo di aver gestito male la sua eredità. Siegel e la sua società, la Providence Financial Management, avevano risposto con un'altra causa legale, sostenendo che erano state le "spese fuori controllo" della Presley a svuotare i suoi conti. All'epoca Lisa Marie doveva allo Stato più di 10 milioni di dollari di tasse per il periodo che va dal 2012 al 2017 ed era inadempiente sul debito di oltre 6 milioni di dollari contratto con la sua casa nel Regno Unito. Doveva inoltre 263mila dollari di onorari professionali, quasi 48mila dollari accumulati con le carte di credito e una stima di 250mila dollari di fatture varie non pagate.

Le carte del divorzio rivelano però che qualcosa è rimasto. Al momento della sua morte, Presley sarebbe stata in possesso di più di 95mila dollari in contanti e di quasi 715mila dollari in azioni e obbligazioni. Al netto dei 3 milioni da restituire ai creditori, tra cui appunto il fisco statunitense, il suo patrimonio è stato stimato in 4 milioni di dollari.

Commenti