Pirelli, Tronchetti alza le stime E ora tocca al piano industriale

Fine anno in forte accelerazione per il gruppo Pirelli, e non solo per il ritorno della Bicocca nel circus della Formula 1 con le gomme prodotte nella fabbrica modello di Izmit, in Turchia. A poche settimane dalla presentazione del piano industriale 2011-2013 che il presidente Marco Tronchetti Provera ha disegnato guardando agli scenari del 2015 e focalizzato sull’ulteriore sviluppo della divisione Pneumatici, ieri il consiglio di amministrazione ha messo il sigillo sui risultati preliminari del terzo trimestre, insieme a quello operativo post oneri di ristrutturazione: la crescita è del 65%. Ossia oltre 330 milioni. I ricavi dei primi nove mesi, a livello consolidato, ammontano a circa 3,7 miliardi, in aumento del 19%. Su queste basi il consiglio ha deciso di rivedere nuovamente gli obiettivi per fine anno. Il giro d’affari è così atteso «superiore a 4,9 miliardi, il margine operativo netto oltre il 7,5% e l’indebitamento finanziario netto inferiore a 700 milioni». Il board ha anche nominato Vittorio Malacalza, cooptato nel cda a luglio, come vicepresidente del gruppo. Tutte notizie che hanno movimentato positivamente la Borsa, caratterizzata per buona parte della giornata dalla forte corrente di acquisti e scambi sul titolo milanese, proprio grazie alla crescita del 65% del risultato operativo dei primi nove mesi e la revisione al rialzo degli obiettivi. A luglio Pirelli aveva fissato un target di ricavi tra 4,8-4,9 miliardi, stimando un margine Ebit al 7%. Rivisti anche gli obiettivi di Pirelli Tyre per la quale sono attesi «ricavi superiori a 4,7 miliardi, un margine Ebit oltre l’8,5% con un Ebit di circa 420 milioni, in aumento rispetto a un Ebit di almeno 360 milioni previsto in precedenza». Le azioni sono così salite dello 0,96% chiudendo a 6,34 euro dopo aver toccato quota 6,42 euro. Il periodo gennaio-settembre 2010 conferma «il buon andamento già registrato nel primo semestre, evidenziando un deciso miglioramento dei risultati della gestione operativa», spiega la nota che accompagna i dati.
Sotto osservazione, in particolare, l’andamento positivo di Pirelli Tyre, la divisione guidata da Francesco Gori. In proposito, aggiunge la Bicocca, «la componente commerciale rappresentata dalla crescita dei volumi e dal positivo apporto della variante prezzo/mix, unitamente alle efficienze interne, hanno più che compensato l’impatto dell’incremento del costo delle materie prime e degli altri fattori produttivi, con un conseguente miglioramento dei risultati operativi».
Novità, intanto, potrebbero arrivare prima del 4 novembre, giorno della presentazione del piano (replica a New York l’8 novembre per gli analisti Usa) e riguardano il riassetto del gruppo, ormai focalizzato sulle attività industriali (pneumatici e filtri antiparticolato per motori diesel). Ecco allora più vicina la cessione di Pirelli Broadband Solutions, insieme alla conclusione (25 ottobre) dell’operazione di scorporo di Pirelli Re.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti