Planetario Tra scienza e cabaret, l’astronomia a portata di tutti

Planetario Tra scienza e cabaret, l’astronomia a portata di tutti

Il planetario fa sua la notte capitolina. E ai visitatori, oltre allo spettacolo della volta stellata regala qualcosa di più: una serie di performance allestite appositamente per speciali aperture serali. Il primo appuntamento in cartellone è il 20 settembre alle 20.30 con «La terra vista dalla luna», un allestimento di teatro, musica e danza. Cinque giorni dopo (il 25) fino a notte fonda (precisamente dalle 15 alle 2) il museo di piazza Agnelli sarà la sede italiana di «Light 2009», una maratona di spettacoli, conferenze, installazioni, a ingresso gratuito, organizzate per la «Notte europea dei ricercatori», realizzata con il CNR. Ma il planetario va anche in trasferta. Lo fa con la sua struttura mobile e gonfiabile che il 27 settembre alle 20 sarà allestita al giardino degli Aranci per una «Serata pubblica di osservazione del cielo estivo». Sempre all’aperto (ma in questo caso a fare da cornice sarà Campo de’ Fiori) a ottobre sono previsti diversi incontri che si inseriscono nel «Progetto speciale dedicato ai mondi extrasolari». In più curate dal planetario saranno le animazioni, le visite e i laboratori relativi alla mostra «Astri e particelle» in programma a dicembre al Palazzo delle Esposizioni. Infine nei prossimi mesi questo museo scientifico diventa anche sinonimo di teatro: una ministagione è attesa tra novembre e dicembre con "La matematica sentimentale" di Pino Palladino e un "monologo astronomico" di Paola Minaccioni. In questo modo il planetario con la sua cupola di 14 metri di diametro dalla quale si ammira una perfetta riproduzione del cielo stellato con i pianeti, la via Lattea e quasi 5mila stelle si è inserito in pochi anni tra i dieci musei scientifici più visitati d’Italia e solo nei mesi estivi ha registrato un aumento del 20% di visitatori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Parte del successo si deve alla straordinaria apertura serale: così tra giugno e agosto 12 mila persone hanno affollato le sale del museo astronomico e la cupola del planetario assistendo ai diversi spettacoli dal vivo, e ammirando anche le trenta foto del «Concorso di fotografia astronomica» vinto da Claudio Paris con lo scatto «Luna nel capricorno». Biglietto di ingresso 6,50 euro.

Commenti

Grazie per il tuo commento