Il parlamento ha arricchito tutti i membri del M5S. Per questo nessuno se ne va

La poltrona in Parlamento ha fatto gonfiare i portafogli di molti grillini, passati dall'essere (quasi) nulla tenenti a dichiarazioni a vari zeri

Per molti deputati e senatori grillini, l'elezione in Parlamento vale più di un 6 al Superenalotto. La poltrona rossa ha permesso loro di accrescere in maniera esponenziale le entrate personali e tanti di loro, entrati quasi nulla tenenti, oggi hanno dichiarazioni dei redditi che sfiorano, o addirittura superano, i 100mila euro. Ci sono lavoratori stagionali, saltuari e studenti che sono passati dal dichiarare meno di 5mila euro a 90mila e più ed è comprensibile che arrivati a questo punto cerchino di aggrapparsi con le unghie e con i denti a quella poltrona, per evitare di ripiombare nel baratro della salutarietà e dell'insicurezza lavorativa. Arrivare a fine legislatura, per i parlamentari del Movimento 5 Stelle, è fondamentale.

Di esempi di deputati che grazie all'elezione in Parlamento hanno visto lievitare le dichiarazioni dei redditi ce ne sono tantissimi. Uno degli esempi più eclatanti è Roberto Fico. La Verità rivela che il presidente della Camera dei deputati sarebbe passato dal reddito 0 del 2012 allo stipendio come presidente della Camera dei deputati. Che dire, poi, di Barbara Lezzi, che nel 2012 dichiarava 20mila euro all'anno come impiegata in una Pmi e che nel 2018 è diventata ministro per il Sud con un compenso di 99.747 euro. Francesco D'Uva, che oggi ha 33 anni, è entrato in parlamento che ne aveva 26, con in tasca una laurea in chimica. Fino a quel momento aveva svolto esclusivamente lavori saltuari e nel 2012 la sua dichiarazione dei redditi pare sia stata di poco più di 3mila euro. Da consulente scientifico occasionale a questore dell'ufficio di presidenza nominato nell'ottobre 2019, Francesco D'Uva nel 2020 ha dichiarato 94.412 euro.

La Verità, poi, porta l'esempio di Mirella Liuzzi, laurea magistrale in comunicazione, che lavorava per un ente di formazione a Matera prima di arrivare a Montecitorio. Il suo reddito nel 2012 era di 114 euro, poi nel governo Conte bis è stata nominata sottosegretario allo Sviluppo economico con la delega strategica delle Tlc, il che le ha permesso di portare a casa oltre 98mila euro. Claudio Cominardi era un operaio metalmeccanico. Dichiarava 11.855 euro, poi è diventato sottosegretario nel governo Conte I e nel 2019 ha dichiarato 97.300 euro. Fabiana Dadone è arrivata in Parlamento da praticante avvocato e nel 2012 la sua dichiarazione dei redditi era pari a zero. La sua prima dichiarazione in qualità di deputato della Repubblica è pari a 78.229 euro. Ora è alla sua seconda legislatura, con un compenso di 98.471 euro. Poi, tra gli altri La Verità cita anche Giovanni Vianello, che quando mette piede per la prima volta a Montecitorio nel 2018 ha un reddito di 13.504 euro. lavorava come camiere e impiegato di un call center. Nel 2020 ha dichiarato 98.4721 euro. Ma sono tantissimi gli esempi come questi, che dimostrano e spiegano uno dei motivi per i quali molti del MoVimento si dimostrano draghiani convinti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 17/02/2021 - 11:36

Gli uomini male arricchiti sono un problema sociale.

Rugantino49

Mer, 17/02/2021 - 11:52

Con quello che rende l'appartenenza alla "casta" dei parlamentari, ben pochi sono quelli che "ci rimettono" a far politica parlamentare, e non solo fra i 5*!

ROUTE66

Mer, 17/02/2021 - 12:22

Articolo assolutamente inutile: Che senso ha scrivere questo articolo? Cosa facciamo?ritorniamo ad un parlamento fatto SOLO DI NOBILI?

ossola

Mer, 17/02/2021 - 12:34

Oltre alle unghie, alla poltrona, anche i denti. Daltronte come biasimarli ( e non solo 5s...) tutti quelli che assaggiano l'ambrosia non possono farne più a meno, come una droga

ST6

Mer, 17/02/2021 - 12:41

Dice invece che tutti gli altri di Lega, FdI, PD etc. pagano di tasca loro una volta diventati Parlamentari. E si sa del resto, ad esempio Salvini Meloni Delrio etc. hanno lasciato quei carrieroni e professioni per entrare in Politica, eh eh...

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mer, 17/02/2021 - 12:59

Vi siete fatti il vostro bel gruzzoletto, bene, adesso togliete il disturbo al più presto.

Giorgio Colomba

Mer, 17/02/2021 - 13:04

Ma no, dai, vogliono restare solo per il bene del Paese...

killkoms

Mer, 17/02/2021 - 13:20

è per quello che appoggerebbero anche monty,oltre a dra ghi!la loro preoccupazione è solo conservare lo stipendio di parlamentare!

Abit

Mer, 17/02/2021 - 13:34

Non mi pare che si debba essere grandi "finanzieri" per immaginarlo!

Eridano

Mer, 17/02/2021 - 13:56

Motivo per cui hanno pensato più a sistemare loro stessi che ai problemi del italiani

Gianca59

Mer, 17/02/2021 - 14:33

Nessun dubbio su questo....

quarantena

Mer, 17/02/2021 - 14:50

JAGUAR forse sono io che non riesco a capire COME SI FACCIA AD ANDARE IN PENSIONE PRIMA Mantenendo il medesimo trattamento, SENZA AVER VERSATO NECESSARI CONTRIBUTI ; SE VERAMENTE SI PERCEPISCE SECONDO QUANTO VERSATO SENZA CHE L'ERARIO CI RIMETTA NEMMENO UN CENT. ALLORA SI CHE CI SIAMO... ma purtroppo temo che Quota 100 non sia esattamente così

barbarablu

Mer, 17/02/2021 - 15:07

@quarantena, sbagli quota 100 nulla ha a che fare con la diatriba contributivo/retributivo. quota cento permette di andare in pensione hac chi ha 62 nni e 38 anni di contributi versati... null ha a che fare con quelli che non hanno mai versato - o versato molto poco - e percepiscono pensioni mai coperte neppur in minima parte da qualto versato (es pratico: sindacalisti che non hanno mai versato un centesimo - sono versamenti contributivi figurativi- oppure baby pensionati, andati i pensione dopo 15 anni 6 mesi ed 1 giorno - dai 35 anni hanno percepito esattamente lo stipendio intero che prendevano quando ufficialmente lavoravano, - parlamentari con vari vitalizi etc etc etc. vuoi mettere l'operaio che ha lavorato ai forni per 38 anni e magari a 62 vorrebbe andare in pensione???? lui non ne ha diritto, ma paghiamo pensioni da 1200 euro/mese a chi a timbrato buste alle poste per meno di 16 anni!

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 17/02/2021 - 15:08

@ ST6 12:41- Ma almeno loro si sono fatti le ossa sul campo...non sono stati eletti con un click! Come i 5Stalle.