Il "portafoglio" di Conte&Co. Chi è il più ricco del governo

Tutti i redditi dell'esecutivo giallorosso. Non mancano le sorprese: da Conte alla Lamorgese fino a Gualtieri. Ecco le cifre

Il "portafoglio" di Conte&Co. Chi è il più ricco del governo

Il più ricco del governo non è Giuseppe Conte. Stupisce quanto si apprende dalla dichiarazione dei redditi 2020 consegnata dal presidente del Consiglio il giorno della vigilia di Natale. Come riporta Il Tempo, il premier ha dichiatato "solo" 205.048 euro a fronte degli oltre 1.2 milioni dichiarati nell'anno precedente. Mica poco. Il decremento è stato sostanzioso per Conte ma nonostante la forte riduzione di compensi, si evince che anche nell'anno che sta volgendo al termine il presidente del Consiglio ha avuto altre rendite oltre al compenso spettante per il suo ruolo. Lo si capisce dal fatto che ha dichiarato una cifra molto superiore rispetto a quello che è il compenso come premier della Repubblica Italiana, ridotto del 20% dallo stetto Conte quando si è insediato a Palazzo Chigi.

Giuseppe Conte aveva già dato spiegazioni, non dovute ma richieste dalla base grillina, sull'ammontare milionario della dichiarazione presentata nel 2019, che faceva riferimento a vecchie parcelle saldate in ritardo. È probabile che nella dichiarazione del 2020 ci siano ancora degli arretrati di parcelle saldate in ritardo, che hanno fatto lievitare, anche se in misura minore, anche la dichiarazione di quest'anno. Le tasse pagate da Giuseppe Conte sulla sua dichiarazione ammontano al 29,9%, per un totale di 61.314. Non certo un'aliquota fiscale importante ma va considerato che nella dichiarazione di Conte ci sono deduzioni notevoli, che ammontano a circa il 22,7%. C'è la deduzione di più di 2mila euro per l'abitazione principale e ci sono 44.247 di oneri deducibili non specificati. Potrebbero essere gli assegni versati da Conte all'ex moglie per il mantenimento di loro figlio. Al netto delle deduzioni, Giuseppe Conte ha un reddito tassabile peri a 158.474 euro. Il premier non ha aggiunto immobili di proprietà alla sua dichiarazione, oltre all'abitazione in pieno centro di Roma acquistata tempo fa.

A superare Giuseppe Conte per redditi dichiarati è Luciana Lamorgese, con 230.357 euro lordi nel 2020. Il ministro dell'Interno nel corso dell'anno ha venduto il portafoglio titoli e derivati, che avrebbe potuto causarle non pochi problemi visto il suo attuale status. Staccato dai primi due, con un reddito dichiarato ben sotto i 200mila euro, si posiziona Dario Franceschini, ministro dei Beni Culturali. Il resto dei ministri dell'attuale esecutivo sono più o meno livellati attorno ai 100mila euro, poco più o poco meno. I più poveri sono Elena Bonetti con poco più di 70mila euro e Vincenzo Amendola, con poco più di 34mila. Manca all'appello la dichiarazione di Roberto Gualtieri, ministro dell'Economia. La sua dichiarazione 2019 indicava redditi per 1.149, percHé mancavano quelli derivanti dall'attività parlamentare in Europa.

Commenti