Acido sul viso del suo ex e l'ultima promessa: "Devi soffrire come me"

L'uomo ustionato rischia di perdere un occhio L'intervista alle Iene 3 giorni fa: sono tranquilla

Milano - Sul frigorifero aveva lasciato un post it, probabile retaggio di un momento di disperazione, quando persino buttar giù un'idea su un foglio può sembrare un gesto catartico. «Aiuto! Ancora lei? Quando la finirà?». Ma no, purtroppo non era ancora finita per questo giovane operaio 29enne di Legnano. Una relazione durata meno di un mese con una concittadina più grande di lui di nove anni, Sara Antonella Del Mastro, cominciava a costargli cara, anche troppo. Lo dimostra l'epilogo drammatico di martedì sera. Quando lei - mai rassegnatasi al termine della storia, a dicembre, al suo stato di «ex» - lo ha aspettato sotto casa e dopo averlo invitato ad avvicinarsi al finestrino dell'auto, gli ha lanciato addosso il contenuto di un bicchiere di acido. Il liquido era talmente irritante che persino la donna, che pure si è limitata a tirarlo, è rimasta ustionata lievemente alle mani. Ad avere la peggio, però, è stato ovviamente il ragazzo: ricoverato in prognosi riservata prima all'ospedale locale quindi al Centro specialistico di Niguarda, ha ustioni di terzo grado al viso e al torace e adesso rischia anche di perdere un occhio. Dopo l'aggressione la 38enne è scappata, lasciando il giovane sull'asfalto, piegato a metà per il dolore, quindi si è costituita ai carabinieri. Incensurata, la Del Mastro è stata arrestata con l'accusa di lesioni personali gravissime e atti persecutori. Ora è in confinata in una cella cosiddetta «a rischio» nel carcere di Busto Arsizio, dove viene seguita con cura nel timore che possa tentare un gesto disperato.

Il ragazzo era preoccupato da tempo per il comportamento squilibrato mostrato dalla biondina 38enne. Con cui aveva avuto quella che probabilmente per lui era stata una storia di brevissima durata e per lei al contrario, soprattutto dopo l'addio, aveva assunto dimensioni spropositate e in seguito addirittura inquietanti. Infatti il 29enne non solo l'aveva già denunciata per stalking e atti persecutori dopo che nel giro di poche settimane Sara lo aveva subissato di chiamate, messaggi e pare persino di minacce di morte, agganciandolo sulle chat attraverso falsi profili, quindi gli aveva tagliato le ruote della macchina parcheggiata fuori casa per tre volte. Al colmo dell'esasperazione e dopo aver tentato invano, incontrando la giovane donna di persona, di farla ragionare, l'operaio si era quindi rivolto alla trasmissione di Mediaset «Le Iene». Sabato, cioè tre giorni prima dell'agguato, attraverso l'inviata Veronica Ruggeri, aveva accettato di mettere la 38enne davanti alle sue responsabilità.

Sara Del Mastro, registrata a sua insaputa, aveva già ammesso lo stalking dinnanzi all'ex. Sottolineando di essersi comportata in quel modo perché desiderava che lui passasse «un quarto del male che avevo io dentro» e confessando persino di avere «assoldato» un ragazzo siciliano per farlo seguire (un uomo che «arriva dai bassifondi») di fronte alle telecamere non si è fatta pregare. E, consapevole di aver assunto comportamenti punibili penalmente, ha accusato prima il ragazzo di essersi comportato male, quindi si è lamentata perché, nonostante lei gli avesse chiesto scusa, lui non aveva fatto altrettanto. Infine la donna ha lasciato la sua intervistatrice, che la invitava a non molestare più il ragazzo, sostenendo di essere «tranquillissima».

Tre giorni dopo (proprio la sera in cui doveva andare in onda il servizio!) l'assalto con l'acido all'ex. Che, come proprio come Sara ha detto a Mediaset doveva «soffrire, come me».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Gio, 09/05/2019 - 09:22

Ora questa simpaticissima malata di mente venga rinchiusa per almeno 10 anni, e senza sconti demenziali.