Altri miliardi a Erdogan, padrone delle rotte. Così sottrarrà all'Italia il controllo sulla Libia

Soldi Ue alla Turchia per controllare le partenze da Tripoli. Beffa per Roma

Altri miliardi a Erdogan, padrone delle rotte. Così sottrarrà all'Italia il controllo sulla Libia

Attenzione: il «dittatore» Erdogan è di nuovo tra noi. E grazie a una Angela Merkel attenta solo agli interessi tedeschi minaccia di regolare i conti con un SuperMario convinto, fino a ieri, di strappare all'Europa qualche impegno sui migranti. Invece nisba. Assente e lontano il «gendarme» americano e complici le paure tedesche, la Turchia di Recep Tayyp Erdogan punta a diventare l'arbitro incontrastato dei flussi migratori. Un ruolo che gli consentirebbe, con nostro grande scorno, di mettere in campo il consueto mix di minacce e ricatti anche su quella rotta del Mediterraneo Centrale che s'allunga dalla Libia alle coste siciliane. Per comprendere il perché di questo pericoloso ritorno in gioco di Erdogan bisogna guardare non solo al Consiglio europeo di ieri, ma anche alla Conferenza di Berlino di mercoledì. Una Conferenza durante la quale non si sono risolti né i problemi riguardanti il ritiro delle truppe mercenarie pagate da Ankara e Mosca, né quelli legati allo svolgimento delle elezioni libiche previste, sulla carta, per il prossimo dicembre. In questo vuoto pneumatico ha così preso corpo l'idea di estendere anche alla Libia gli accordi per il controllo dei flussi di migranti sulla rotta balcanica stretti con il «dittatore» nel 2016 e appena rinnovati dall'Unione europea su sollecitazione di Berlino. All'origine del rinnovo del ricatto impostoci nel 2016 quando - sempre su input tedesco - l'Europa promise al Sultano 6 miliardi di euro per chiudere il rubinetto dei migranti c'è l'incognita Afghanistan. Terrorizzata dall'arrivo sulla rotta balcanica di centinaia di migliaia di afghani in fuga da un paese pronto a ricadere in mani talebane dopo il ritiro americano la Germania ha appena promesso a Erdogan un nuovo balzello europeo. Un balzello da tre miliardi e mezzo di euro negoziato da Berlino, ma pagato, anche stavolta, con i fondi di tutti i 27.

Mario Draghi, comprendendo i timori della Cancelliera e di una Cdu che minaccia il ridimensionamento alle elezioni del prossimo settembre, aveva fin qui accettato di far buon viso a cattivo gioco. E così durante il summit con la Merkel di lunedì scorso a Berlino aveva detto sì al nuovo assegno da 3 miliardi e mezzo a favore del «dittatore». In cambio però s'aspettava una minima disponibilità tedesca a rilanciare il tema dei ricollocamenti e dei rimpatri. Invece oltre al nulla è arrivata l'ennesima tegola, ovvero l'insana idea, materializzatasi alla Conferenza di Berlino, di pagare Erdogan per controllare anche le partenze dalle coste di Tripoli. Come dire se non riusciamo a convincerlo a portarsi a casa le truppe turche e i mercenari già presenti a Tripoli e dintorni almeno convinciamolo ad usarli per bloccare i migranti. Una proposta perfetta per la Germania e per gli altri paesi europei assolutamente disinteressati alle questioni libiche, ma disastrosa per un Italia che rischia di vedersi nuovamente sottratto il ruolo di potenza di riferimento appena restituitole per volere di Washington. Anche perché grazie all'ennesimo regalo tedesco la Turchia finirebbe con sottrarci il controllo di una Guardia Costiera libica che - oltre ad esser stata pagata e addestrata da noi - rappresenta l'unica vera garanzia per evitare di tornare in balia delle navi delle Ong e dei trafficanti di uomini.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti