Audio-choc su Berlusconi, Renzi: "Fare chiarezza". Lega e FdI: "Un audio disgustoso"

Il centrodestra fa quadrato attorno a Silvio Berlusconi dopo l’audio choc del giudice di Cassazione che parla di sentenza "decisa dall’alto"

"Disgustoso", "affronto", "non si può far finta di niente". L’intercettazione in cui il giudice Amedeo Franco, il magistrato che fu relatore della sezione feriale della Cassazione presieduta dal magistrato Antonio Esposito che nel 2013 condannò Silvio Berlusconi per frode fiscale, parla di sentenza "decisa dall’alto" ha scatenato reazioni indignate. Al momento, però, quasi tutte le voci di protesta si alzano dal centrodestra. Escludendo, infatti, l’intervento del leader di Italia Viva, Matteo Renzi nel campo del centrosinistra domina il più totale silenzio.

"Disgusto, rispetto anche ai magistrati perbene", ha affermato il leader della Lega Matteo Salvini ospite su Rete 4 a Quarta Repubblica. L’ex ministro ha, poi, anche promesso di agire per portare a termine “una riforma della giustizia. Una riforma non contro ma con i magistrati". “Dopo le intercettazioni di Palamara contro il sottoscritto- ha aggiunto Salvini- spunta un altro audio di un magistrato che ammette l’uso politico della Giustizia: solidarietà a Silvio Berlusconi per il processo farsa di cui è stato vittima. È l’ennesimo episodio che ci ricorda la necessità di una riforma profonda”.

"Quello che è stato documentato ieri sera da "Quarta Repubblica" sulla sentenza di condanna di Silvio Berlusconi è l'ennesima prova che in Italia esiste un pezzo di magistratura che fa politica e attacca avversari politici, invece di cercare la giustizia e dare risposte ai cittadini”, è il duro commento postato su Facebook da Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia spiega che "fa rabbrividire l'idea che la legge non sia uguale per tutti e che ci siano giudici che utilizzino il loro potere per colpire qualcuno". Secondo la Meloni quanto scoperto grazie alle intercettazioni "è un affronto a tutti quei servitori dello Stato che ogni giorno fanno il loro lavoro e sono in trincea per difendere i diritti degli italiani. Perché senza giustizia non c'è libertà".

"Finalmente abbiamo la verità su un pezzo di storia italiana che non fa onore alla magistratura e all'Italia, perchè ogni volta che il centrodestra ha vinto le elezioni e si profilava la possibilità dell'elezione di un Presidente della Repubblica di centrodestra, una giustizia ad orologeria ha eliminato dalla vita politica uno dopo l'altro i suoi protagonisti. Occorre una commissione di inchiesta per pulire quelle stalle d'Augia in cui è stata ridotta una certa magistratura", ha affermato, intervenendo in Aula, il deputato di Fratelli d'Italia Tommaso Foti.

Ancora più diretto è Amedeo Laboccetta, ex deputato del Pdl e Presidente di Polo Sud. "Dieci anni fa Giorgio Napolitano e Gianfranco Fini- ha raccontato l’ex parlamentare- avviarono un vero e proprio colpo di stato contro il governo guidato da Silvio Berlusconi. Un mio libro mai smentito da nessuno lo sta a testimoniare". Per Laboccetta "oggi, che finalmente si riparla di commissioni parlamentari di inchiesta, rispetto alle tante torbide ed opache vicende che hanno segnato la politica nella nostra Nazione, violentandola, penso proprio che dovremmo partire da quel che accadde nel 2010".

Nel centrosinistra, l’unico ad aver speso qualche parola sulla vicenda è Matteo Renzi. Per il leader di Italia viva non si può far finta di niente su ciò che è uscito dagli audio. Attraverso la sua Enews, Renzi ha sottolineato che "ieri, Nicola Porro ha trasmesso uno scoop sul processo a Berlusconi. Non so quanto ci sia di vero in ciò che ieri è uscito a "Quarta Repubblica": un magistrato della Cassazione che ha firmato quella sentenza espone dubbi molto forti sulla fondatezza giuridica di quella decisione". Il senatore spiega di non conoscere dove sia la verità ma sa "che un Paese serio su una vicenda del genere non può far finta di nulla". L’ex premier ha poi aggiunto: "Non ho mai appoggiato i governi Berlusconi e Berlusconi non ha mai votato la fiducia al governo Renzi (a differenza di altri governi anche di centrosinistra): quindi, per me Berlusconi è un avversario politico". "Ma, proprio per questo – ha concluso- è doveroso fare chiarezza su ciò che esce dagli audio di quella trasmissione e nessuno può permettersi il lusso di far finta di niente".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ager

ager

Mar, 30/06/2020 - 15:46

Solidarietà assai pelosa e penosa quella di Renzi

ulio1974

Mar, 30/06/2020 - 15:51

il bene e l'amore vincono sempre sul male e sull'odio. la storia insegna.

traianus2

Mar, 30/06/2020 - 15:53

Caro Renzi, lei dice che "...un Paese serio su una vicenda del genere non può far finta di nulla". In realtà qui non si tratta di un Paese, ma del Capo Supremo del CSM, vale a dire del Presidente della Repubblica, dal quale, in veste di Capo della magistratura, vorremmo sentire qualcosa. Ormai il silenzio è il suo pezzo forte. Peccato per il Paese e per gli italiani.

stesicoro

Mar, 30/06/2020 - 15:54

Onore a Matteo Renzi, unico tra gli avversari del leader di Forza Italia a far sentire la sua voce in questo fragoroso silenzio della Rai e della gran parte dei media. Al presidente Mattarella, stimato da tantissimi italiani (io tra costoro) chiedo un intervento che serva a promuovere azioni e provvedimenti idonei a fare piena luce su questa vicenda e sul comportamento di quel pezzo della magistratura che tanto hanno inciso sul destino dell'Italia e degli italiani.

antoniopochesci

Mar, 30/06/2020 - 15:54

Renzi sarà pure gradasso ma finora è l'unica vox clamantis nel deserto dell'ipocritume de sinistra, a cominciare della cosiddetta intellighentia che mette bocca su tutto e su tutti, sempre pronta a pontificare ex cathedra. E per chi è intellettualmente onesto, questa eccezione va rimarcata!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 30/06/2020 - 15:54

l'ipocrisia di renzi è veramente rivoltante! se fosse stato solamente un avversario politico, non avrebbe mai dovuto distruggere il patto di nazareno, nè tanto meno fregarsene delle sentenze contro di lui! adesso parla cosi perchè con il 3% di eventuali voti elettorali, non riuscirebbe nemmeno ad avere uno strapuntino in un prossimo governo :-)

venturelli.eros...

Mar, 30/06/2020 - 15:55

Travaglio batti un colpo se ci sei!

venturelli.eros...

Mar, 30/06/2020 - 16:01

Davigo, Bocassini che ne dite?

kallen1

Mar, 30/06/2020 - 16:11

E' lui che fa finta di niente. Proprio lui che è stato messo a Palazzo Chigi da Napolitano vuol farci credere che non sapeva nulla? Ma dai, almeno una volta, sii serio se ti riesce.

venturelli.eros...

Mar, 30/06/2020 - 16:25

povera Italia leggete i commenti sui giornali di sinistra!

Ritratto di ForzaSilvio1

ForzaSilvio1

Mar, 30/06/2020 - 16:30

"per me Berlusconi è un avversario politico. Ma, proprio per questo – ha concluso Renzi- è doveroso fare chiarezza". Quando un avversario parla così, onore all'avversario.

jaguar

Mar, 30/06/2020 - 16:33

Quella di Renzi è solidarietà disinteressata o sono prove di matrimonio tra Iv e Fi?

antonioarezzo

Mar, 30/06/2020 - 16:36

ma perché non s'era capito fino ad oggi ??????????

SPADINO

Mar, 30/06/2020 - 16:42

BERLUSCONI NON E' MAI STATO PERDONATO PER AVER ROTTO LE UOVA NEL PANIERE ALLA "GIOIOSA MACCHINA DA GUERRA" DI OCCHETTO CHE NEL 1994 ERA CONVINTO DI VINCERE LE ELEZIONI ED INVECE HA VINTO BERLUSCONI CON IL NUOVO PARTITO FONDATO QUALCHE MESE PRIMA. GLI ODIATORI ROSSI NON LO PERDONERANNO MAI.

investigator13

Mar, 30/06/2020 - 17:06

SPADINO esatto su proprio così I comunisti erano convinti di vincere le elezioni del 1994, dopo aver tolto di mezzo Craxi nel modo che conosciamo. erano certi di vincere loro le elezioni. Ma fu proprio Craxi a spingere Berlusconi a scendere in politica per fermare i comunisti.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 30/06/2020 - 17:11

Quella di Renzi è una solidarietà da prendere con le pinze. Non potrebbe dire altro anche perché lui stesso è stato premier diverse volte e sa cosa è accaduto in questi dieci anni di dittatura sinistra.

Nes

Mar, 30/06/2020 - 17:19

In tutto ciò sembra che la destra abbia le bistecche sopra gli occhi. Tutta l'Italia ha vissuto quei moneti e soprattutto 20 anni persi a causa di inerzia politica ove la sinistra non perdeva un giorno a rincorrere il suo avversario e quest'ultimo a difendersi con i vali lodi, ai danni del popolo italiano per mancanza di tempo di riformare il Paese e in parte tutt'oggi si continua. I Poteri dello Stato servono ai cittadini e non alla politica a senso unico. Oggi chi governa perde tempo a demolire quello che ha fatto precedentemente l'avversario politico, non é ammissibile assistere anni e anni a questo ritornello che non giova al Paese. Sarebbe giunta l'ora di fare qualcosa di serio per il popolo italiano e di buttare nel cexxo questa politica inservibile.

investigator13

Mar, 30/06/2020 - 17:21

cmq io su quell'audio ci faccio il mio film. ricordate le parole di Palamara? Se parlo io per il Pd è la fine. Ebbene in quel video ci vedo la vendetta di Palamara, Perche sennò solo adesso questa confessione. questo fulmine a ciel sereno?

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 30/06/2020 - 17:22

come sempre quelli di italia viva stanno seduti in piu' poltrone..non si sa mai

Giorgio Colomba

Mar, 30/06/2020 - 18:03

Se il golpe svelato dall'audio in questione fosse stato ordito contro un leader di sinistra, da ieri sera la guerra civile imperverserebbe nel paese.

Happy1937

Mar, 30/06/2020 - 18:17

Prima o poi le volpi finiscono in pellicceria. Fini ha già subito la concia, speriamo che presto tocchi a qualcun altro e sia messo in piazza il marcio diffuso in Italia dal 1992 in poi.

oracolodidelfo

Mar, 30/06/2020 - 19:10

Giorgio Colomba 18,03 - personalmente invito alla calma gli italiani e li esorto a sedersi comodamente per assistere al lancio dei coltelli fra i miserabili omuncoli coinvolti nella faccenda.