Azzolina sulle nuvole: "Sanati 20 anni di ritardi"

Il ministro sparge ottimismo. Critiche dal centrodestra su banchi, docenti e disabili

Ventiquattro ore alla riapertura, e tante, troppe incognite. Il premier Giuseppe Conte, che oggi a mezzogiorno rivolgerà un videomessaggio indirizzato a studenti, genitori e insegnanti, lo ribattezza «l'anno scolastico dell'emergenza sanitaria, ma deve essere anche l'anno dell'inclusione, del contrasto al bullismo». Per la ministra Azzolina è «un anno straordinario, perché siamo in pandemia». E al Corriere.it alla vigilia della ripartenza, la titolare del Miur rivendica che la «scuola ha fatto in pochi mesi quanto non fatto in 20 anni. Sono state date risorse a scuole per acquistare quello che mancava. Abbiamo stabilito linee guida e abbiamo fatto formazione». Prevedibili focolai, conseguenti quarantene e dunque anche il ricorso, ancora, alla didattica a distanza: «Ritengo che - precisa - che debba essere usata solo nelle scuola secondaria nelle altre è importante garantire la presenza in classe. Nulla vieta nel momento in cui ci sono attrezzature a scuole di videocollegarsi anche a chi ha un banale raffreddore. Più la scuola è inclusiva e meglio è. Da parte personale c'è tutta la buona volontà». Sulle mascherine, «se c'è il metro di distanza, lo studente può abbassarla». E poi la risposta a quanti in questo momento evocano il caos: «In 6 mesi dovevamo chiudere l'anno scolastico precedente. Lo so che stiamo chiedendo sacrifici, serve equilibrio tra tornare a scuola e tutto il resto, impossibile pensare che tutto resti come prima. Tutti noi dovremo rinunciare a qualcosa, non facciamo l'errore di pensare che la scuola negli anni passati fosse perfetta. Non sarà tutto come prima, questo è un anno straordinario. Siamo in pandemia, un miliardo di studenti nel mondo è ancora a casa».

L'opposizione attacca sulle criticità diffuse sollevate dai presidi a poche ore dalla campanella: «Nella sola Lombardia ci sono ancora trentamila cattedre scoperte, ma dappertutto arrivano segnalazioni allarmate per la mancanza di banchi, aule e insegnanti, a partire da quelli di sostegno. Avremo dunque riaperture parziali, con orario ridotto e senza neppure didattica a distanza - prevede l'azzurra Anna Maria Bernini - È il trionfo dell'improvvisazione e dell'incertezza che ricadranno sulle spalle delle famiglie. Conte, smentito perfino dalla preside di suo figlio, e la ministra Azzolina tornino con i piedi per terra e almeno accolgano l'offerta di collaborazione del cardinale Bassetti, che mette a disposizione gli spazi delle paritarie».

E poi c'è la questione banchi, i cui contratti di fornitura del bando Arcuri aggiudicato lo scorso 12 agosto e modificati in corso d'opera non sono ancora stati pubblicati. La Lega denuncia ancora «troppi punti oscuri. Perché non sono stati resi pubblicamente noti tutti gli operatori economici incaricati - anche in esito alla procedura ristretta - della fornitura dei banchi? A quanto ammontano le singole commesse? Quanti banchi sono stati complessivamente oggetto di queste forniture? Abbiamo presentato in proposito una seconda interrogazione - dicono i deputati del Carroccio in commissione Finanze - La Lega vuole chiarezza e vuole capire se presidi, insegnanti e famiglie sono stati presi in giro anche sulle date delle consegne dei banchi». Il leader Matteo Salvini invece vuole «mandare a casa Azzolina. Ci sono 259mila bimbi con disabilità che vorrebbero ricominciare e un ministro che non lo garantisce è un ministro che prima va a casa e meglio è per la scuola italiana. Finché non mandiamo a casa il ministro Azzolina, che è una calamità naturale per la scuola, non mi fermo». Proprio la Lega sino a domani sarà nelle piazze per una raccolta di firme contro la Azzolina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Trinky

Trinky

Dom, 13/09/2020 - 10:10

E' arrivato il genio della lampada! E' sprecata come ministro, farebbe molto meglio se fosse al posto di Conte o di Mattarella....... (non che sia molto difficile, purtroppo)

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 13/09/2020 - 10:41

Questa poveretta non sa neanche quello che raglia!

giovanni235

Dom, 13/09/2020 - 10:44

E pensare che se mi fossi trovato nel posto giusto al momento giusto sarei potuto diventare ministro all'istruzione.Ho un diploma di scuola media superiore,per male che mi fosse andata,avendo coltivato un orto per più di quaranta anni, avrei bagnato il naso a Clarabella,prendendo il suo posto.

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Dom, 13/09/2020 - 11:09

Fa quasi ridere di più dell'imitazione di Crozza.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 13/09/2020 - 11:40

Quello che più è strano, è che molti caproni ci credono a queste biscarate!!!

paolinorispondi

Dom, 13/09/2020 - 11:54

Poverina dobbiamo capirla, non dorme da giorni perchè non sa ancora come riempire l'imbutto.

Fjr

Dom, 13/09/2020 - 12:01

Vent’anni di ritardi per poi avere una Azzolina,alla faccia del bicarbonato di sodio direbbe il Principe Antonio De Curtis

Jon

Dom, 13/09/2020 - 12:04

E' IL SIMBOLO DELL'ISTRUZIONE ITALIANA..36 esimi su 56 Paesi al mondo.In Terzo dei giovani non studia e non lavora..E chi dovevano mettere??

Enne58

Dom, 13/09/2020 - 12:07

Tutto pronto? la preside della scuola frequentata dai miei nipoti non ci ha capito niente di con sequenza tutti i genitori non sanno ancora niente, le nonne allertate per eventuali primo, secondo e terzo turno, mensa si mensa no, febbre si febbre no, abbiamo capito ancora meno. Ma è tutto pronto

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 13/09/2020 - 12:22

il bello è che costei è proprio convinta di quello che dice

maxfan74

Dom, 13/09/2020 - 12:32

Vorrei sentire insegnanti e presidi di sinistra cosa ne pensano...abbiate gli attributi e andate contro l'incapacità...

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 13/09/2020 - 14:28

Da quanto leggo in questi brillanti commenti, la ministra Azzolina vi viene indicata come se stesse sulle nuvole. Purtroppo ciò non è completamente vero, dato che Lei sta sulla Terra, sembrerebbe a nostro danno. Però, stando alla sua versione dei fatti, Lei avrebbe “sanati 20 anni di ritardi”. Grandioso, ma vorremmo avere la possibilità di crederlo.