Di Battista, in Italia fino alle Europee: poi un reportage in Congo

Dopo il "patto del bombardino" con Di Maio sulle piste delle Dolomiti, Alessandro Di Battista rimarrà in Italia per aiutare il M5s fino a maggio, quando sono in programma le elezioni europee. Quindi andrà in Congo per un nuovo reportage

Di Battista, in Italia fino alle Europee: poi un reportage in Congo

Chi pensava a un ritorno in pianta stabile nello scenario politico di Alessandro Di Battista si sbagliava di grosso. Il "Dibba", dopo il "patto del bombardino" con Luigi Di Maio siglato a Capodanno sulle piste da sci delle Dolomiti, secondo il Fatto quotidiano sta già pensando a un nuovo viaggio, con annesso reportage e libro. Non in centro America come l'ultima volta, ma in Africa, nel Congo.

Già a inizio dicembre, il Corriere della sera aveva svelato l'intenzione dell'esponente grillino di affiancare all'impegno politico nella campagna elettorale delle elezioni europee del 2019 la realizzazione di un altro reportage, dopo quello girato in Sudamerica. Retroscena parzialmente smentito dallo stesso Di Battista, che di qui a maggio si dedicherà solo alla causa pentastellata. L'obiettivo? Aiutare i 5 Stelle a risalire nei sondaggi, colmando il gap che si è andato allargando negli ultimi tempi con la Lega di Matteo Salvini.

Per Di Battista, in questi primi mesi del 2019, qualcuno parlava di un ruolo politico all'interno del governo giallo-verde, in alternativa una prestigiosa poltrona da commissario europeo. Niente di tutto ciò. Probabilmente "Dibba" punta a qualcosa di più...