Boccia attacca la Lombardia. Fontana: "Ritardi del governo"

Il ministro critica l'autonomia: "Da sola non poteva farcela". La replica: "Avete sottovalutato l'emergenza"

La pressione sugli ospedali scende, ma al momento è l'unico dato acquisito come positivo. L'emergenza sanitaria resta elevata in Lombardia, e ora torna ad alzarsi anche il livello della tensione politica con Roma. Anche stavolta, è stato il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia a innescare lo scontro, a cui ha dovuto rispondere con fermezza il governatore, Attilio Fontana. E con lo stesso tono perentorio, uno stop al ministro è arrivato anche dal governatore veneto Luca Zaia.

Boccia, esponente del Pd, è lo stesso che pochi giorni fa si è esibito sulle mascherine, in quello che anche a sinistra è stato percepito come un discutibile siparietto, per poi giustificarsi in modo poco convincente. Ieri mattina, nel corso di un'intervista rilasciata a Maria Latella a Sky Tg24, ha pensato bene di aprire un nuovo fronte polemico - di cui nessuno sentiva il bisogno in piena emergenza Coronavirus - e ha rischiato di delegittimare ancora una volta la Regione più impegnata nello sforzo per contenere l'epidemia e curare i malati. «Se l'autonomia è sussidiarietà è un conto - ha detto Boccia - se l'autonomia è fare da soli perché si pensa di fare meglio la risposta è no perché crolli. Nessuna Regione ce l'avrebbe fatta da sola, sarebbero crollate tutte». A nessuno, a dire il vero, era passato per la testa di «fare da sé», tanto meno in questi giorni. La Lombardia ha aspettato l'intervento governativo per l'istituzione della zona rossa, si è attenuta alle indicazioni degli organismi ministeriali sui tamponi da eseguire e ha gestito nell'interlocuzione con Roma anche la partita delle misure di rallentamento sociale ed economico. La Lombardia, insomma, ha pazientemente rispettato (e a volte aspettato) il governo.

A Milano, quindi, le frasi del ministro sono suonate pretestuose. E a Boccia ha risposto ufficialmente il presidente della Regione Attilio Fontana: «Invito il ministro Boccia - ha detto - a fare il ragionamento inverso. Quale sarebbe la situazione nel Paese se le Regioni non avessero fatto fronte alla emergenza anche nella fase della sottovalutazione del rischio che ha attanagliato il Governo per giorni e giorni? Basti pensare che in Lombardia abbiamo attivato quasi 1.000 terapie intensive da destinare all'emergenza e stiamo lavorando a tutto campo anche per ciò che riguarda le altre necessità. Come ad esempio il reperimento di mascherine e di ventilatori». «Mi fermo qui perché in questo momento le energie vanno concentrate in altre più gravi direzioni - ha concluso Fontana - Trovo comunque avventate e inopportune, soprattutto per quanto riguarda la Lombardia, le affermazioni del ministro Boccia».

Anche la Lega Lombarda ha risposto per le rime a Boccia. «Dovrebbe cambiare delega e diventare il ministro per il Centralismo» ha ironizzato il segretario Paolo Grimoldi. E il governatore veneto Luca Zaia non si è tirato indietro: «Spero che quello del ministro sia stato uno scivolone o un'uscita infelice» ha detto. Più tardi Boccia ha smussato, arrivando all'aeroporto di Verona per accompagnare i medici albanesi diretti a Brescia, dove ha trovato ad attenderlo proprio Fontana: «Dire che in questa fase di emergenza nessuno ce la fa da solo non è una critica alle Regioni - ha spiegato - ma è semplice realismo». «Lo ribadisco, nessuno ce la fa da solo. Nemmeno noi».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

McGeorge

Lun, 30/03/2020 - 11:27

SUSSIDIO SIGNIFICA SOCCORSO. L’art. 8 (Attuazione dell'articolo 120 della Costituzione sul potere sostitutivo) della legge n. 31/2003 indica in quali casi il Governo si può sostituire a organi delle Regioni. L’art. 120 Cost., a questo proposito, così dispone: “La legge definisce le procedure atte a garantire che i poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del principio di sussidiarietà e del principio di leale collaborazione”. A proposito del “principio di sussidiarietà“, nell’Enciclopedia Treccani si legge:esso è “il concetto per cui un’autorità centrale avrebbe una funzione essenzialmente sussidiaria, essendo ad essa attribuiti quei soli compiti che le autorità locali non siano in grado di svolgere da sé”. On. Boccia, è lo Stato che in certi casi può avere una funzione sussidiaria rispetto alle Regioni, e non viceversa.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 30/03/2020 - 11:31

Il problema è di capire dove ci sia maggiore incapacità nell’affrontare il coronavirus. Cioè se l’incapacità nasce direttamente nelle regioni del nord o se vi sia un’incapacità a livello centrale, là dove comanda il Presidente del Consiglio, al momento ancora in carica.

glasnost

Lun, 30/03/2020 - 13:47

Boccia, un pover'uomo con la sindrome del "cane piccolo" :abbaia perché ha paura. Alla sua scemenza con la mascherina ha risposto anche il suo compagno di partito Vincenzo De Luca, ed anche in modo brillante!

Duka

Lun, 30/03/2020 - 14:40

Questa è l'Italia dei FENOMENI da 20.000 Euro/mese

Giorgio1952

Lun, 30/03/2020 - 15:29

Tutto vero ma leggete anche l’articolo di Santucci sul Corriere di ieri “Coronavirus, gli errori fatti in Lombardia: un piano da 10 anni nel cassetto e le misure inapplicate. La Regione Lombardia preparò 10 anni fa un piano contro le pandemie, a seguito dell’influenza suina. Rimasto inattuato su due punti drammatici: medici di base e Rsa”. Segnalo per la par condicio anche da Il Sole 24ore (12 luglio 2019) “Sono già migliaia i medici, gli infermieri e gli altri operatori che hanno lasciato il lavoro prima del previsto approfittando di Quota 100, il trend rischia di svuotare gli ospedali, con effetti sulle prestazioni. A lanciare l'allarme è la Federazione delle aziende ospedaliere, che ha fatto i conti per il periodo gennaio-maggio: I pensionamenti dovuti a «Quota 100» a maggio 2019 sono stati secondo 5.325. Il 30% di quelli complessivi”.