"Lei è libera...". Salvini sbotta con la giornalista

Il leader della Lega ribadisce la propria contrarietà all'utilizzo di qualsiasi genere di droga, e sbotta contro la giornalista: "Libera di farsi le canne, io sono contro"

"Lei è libera...". Salvini sbotta con la giornalista

Eutanasia legale, depenalizzazione della coltivazione della cannabis, referendum sulla giustizia: questi i temi principali all'esame della Corte costituzionale. C'è attesa per la decisione dei giudici, perché se la pronuncia sarà a favore, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella procederà con l'indire via decreto i referendum stessi. Le date fissate, in quel caso, saranno tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Raggiunto dai giornalisti, il leader della Lega Matteo Salvini ha espresso un commento sulla questione referendum, non mancando di ribadire la propria posizione in merito all'utilizzo della cannabis. Il segretario del Carroccio si è infatti dichiarato fortemente contrario all'impiego di qualsiasi genere di droga. "Vediamo cosa verrà accolto o meno, io sono contro l'utilizzo di ogni genere di droga", ha dichiarato. E ancora: "Io sono contro la coltivazione, la distribuzione e l'utilizzo di ogni genere di droga".

Incalzato dalle domande di una giornalista che, insistendo sull'argomento, presentava anche dei casi specifici, Salvini ha infine sbottato: "Io sono contro l'utilizzo di ogni genere di droga. Se lei vuole farsi le canne può farsele io no. Punto. Basta. Adesso stiamo parlando del referendum sulla giustizia".

Nello specifico, il referendum sulla cannabis chiede di renderne legale la coltivazione, andando così ad eliminare la pena del carcere, fatta eccezione per coloro che portano avanti l'attività per traffici illeciti. Il referendum, inoltre, propone di abolire la sospensione della patente di guida e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori attualmente in vigore per quelle condotte finalizzate all’uso personale di qualsiasi sostanza stupefacente o psicotropa.

Restando in tema di referendum, il leader della Lega ha quindi dichiarato che si tratta di un momento in cui viene esercitata la democrazia. "I referendum fanno scegliere il popolo sovrano", ha affermato. "Sono 30 anni che il Parlamento non riesce a far approvare una riforma della giustizia degna di questo nome. La grande riforma possono farla i cittadini italiani", ha concluso.

Commenti