Il caso Arcuri e il malore di Tabacci

Il caso Arcuri e il malore di Tabacci

È infondata la notizia che il sottosegretario di Stato, on. Bruno Tabacci, abbia assegnato una consulenza al dott. Domenico Arcuri. Quella che alcuni articoli di stampa definiscono consulenza è in realtà una convenzione in essere dal 2014 - più volte prorogata con modifiche - tra il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (Dipe) e Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa. Tale convenzione è relativa al finanziamento dei codici unici di progetto (CUP), obbligatori per legge per la realizzazione di qualsiasi opera finanziata dallo Stato, pena la nullità. La convenzione è stata esaminata e registrata dalla Corte dei Conti, al pari delle altre.

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (Dipe)

***

Il dottor Domenico Arcuri grazie a questa convenzione porta a casa 4 milioni di euro tramite la sua Invitalia. È sua la firma nella convenzione. La stessa, si legge nell'accordo firmato a marzo e pubblicato lo scorso 14 luglio, può essere revocata, dunque non c'è nessun automatismo. Spiace che all'onorevole Tabacci dispiaccia l'accostamento al dottor Arcuri ma il Dipe che firma la convenzione dipende da lui dallo scorso 1 marzo. Cogliamo l’occasione per augurare all’onorevole Tabacci, colto oggi da malore, una pronta guarigione.

Commenti