Tajani avverte: "Meloni premier? È presto per dirlo"

Priorità alle elezioni: "Pensiamo prima a vincerle". Il vicepresidente di Forza Italia è ottimista: "Noi azzurri in crescita, saremo più protagonisti con il ritorno di Berlusconi"

Tajani stoppa la Meloni: "Premier? È presto..."

La priorità per Forza Italia è tenere compatta la coalizione, evitare fughe in avanti e incassare la vittoria nelle importanti città che tra settembre e ottobre saranno chiamate al voto. Le elezioni Amministrative hanno una portata non indifferente, ma lo sguardo è rivolto già alle prossime consultazioni nazionali. In tal senso ieri Giorgia Meloni si è detta pronta per indossare i panni di candidata premier del centrodestra: "Mi preparo a governare la nazione. Sono pronta ad assumermi le responsabilità che gli italiani mi chiederanno di assumere". Ma a frenarla è stata Antonio Tajani, intervenuto ai microfoni di 24 Mattino su Radio 24.

Il vicepresidente azzurro ha infatti richiamato l'attenzione sul voto locale, sottolineando l'importanza di restare concentrati per ottenere quante più preferenze possibili sui territori. Per il momento si stanno cercando candidati sindaci che possano allargare i confini del centrodestra per consentire sia di vincere sia di governare: "Bisogna trovare soprattutto degli ottimi sindaci. Su Roma puntiamo sempre su Bertolaso. Siamo convinti che con Bertolaso andremo al ballottaggio e vinceremo". Invece per Milano è arrivato il "no" di Albertini: "Peccato, troveremo un candidato vincente".

Tajani sulle elezioni Politiche è stato chiaro, esprimendosi così sulla possibilità che la leader di Fratelli d'Italia possa guidare un eventuale prossimo governo di centrodestra: "Mi pare veramente molto presto individuare il candidato premier. Probabilmente sarà fatto dopo le elezioni". Non a caso è proprio questa la linea seguita dalla coalizione. "Noi lavoriamo per vincere le elezioni. Se non le vinciamo è inutile esercitarsi nella ricerca del candidato premier. Si vedrà, l'importante è avere i voti", ha aggiunto il coordinatore nazionale di FI.

"Forza Italia è in crescita"

Tajani poi ha rimarcato con grande ottimismo il buon periodo politico che Forza Italia sta attraversando. Il che permette di guardare con entusiasmo ai prossimi appuntamento elettorali: "Senza di noi non si vince. Forza Italia è in crescita, ha un potenziale quasi doppio dei punti che abbiamo oggi". Soprattutto perché la convinzione è che con un ritorno di Silvio Berlusconi sul palcoscenico della politica "ci sarà una Forza Italia più protagonista".

Il vicepresidente forzista ha inoltre parlato delle condizioni di salute del Cav, dopo essere stato dimesso dall'ospedale San Raffaele dove era ricoverato da martedì scorso 11 maggio per complicazioni legate al post Covid-19 e alla somministrazione del vaccino ricevuta: "Berlusconi ora è a casa, sta riposando, sta cercando di uscire in tempi rapidi da un post Covid e un post vaccino che gli hanno creato qualche problema. Speriamo di averlo quanto prima protagonista della vita politica".