La città al collasso per i ritardi: "Class action contro il ministro"

L'associazione degli spedizionieri attacca Toninelli. Danni milionari per le imprese. Porto a rischio ko

Tre mesi per partorire il decreto su Genova mentre sul nuovo ponte siamo fermi al 14 agosto. Nell'attesa, i danni al sistema che ruota attorno alla viabilità genovese al collasso (120 km in più per l'attraversamento di Genova da Levante a Ponente) si sommano giorno dopo giorno per formare una voragine da profondo rosso. Solo per le aziende delle zone rosse e arancione, quelle vicino al viadotto crollato e quindi isolate, la Camera di commercio di Genova stima finora un danno di 120 milioni di euro tra danni diretti e mancati guadagni. Ma è il Porto di Genova, asset strategico per la logistica nazionale con una filiera da 11 miliardi di euro, a subire il colpo più pesante. A partire da chi deve trasportare le merci. Secondo una stima di Conftrasporto-Confcommercio il danno economico per le sole imprese di autotrasporto in transito per il nodo di Genova è di 2 milioni di euro al giorno, in aumento. Spediporto, l'associazione spedizionieri corrieri e trasportatori che rappresenta il 20% delle imprese nazionali del settore, ha deciso di passare ai fatti con l'assemblea che ha deliberato una class action «in sede civile, penale e amministrativa» contro il ministero delle Infrastrutture e contro Autostrade. «Il fatturato è in calo, l'import/export è diminuito dell'8% con un trend negativo che si è accentuato sull'export che a ottobre è arrivato a toccare un -12,5%» spiega il presidente di Spediporto Alessandro Pitto, molto pessimista su una soluzione in tempi ragionevoli: «Dopo il crollo i corrieri impiegano più tempo per muoversi in città, e hanno dovuto raddoppiare il numero di mezzi e personale per fare le stesse consegne. I trasportatori devono aumentare la percorrenza chilometrica. L'unica certezza è che non vi sono certezze, soprattutto sui tempi. È questa la difficoltà più grande». Anche i turisti stranieri sono scoraggiati: - 7,85% le presenza in Liguria rispetto al settembre 2017.

L'incertezza sul futuro e la scarsa attendibilità delle promesse che arrivano da Roma è l'incubo peggiore. «Il vero pericolo è che il traffico si sposti su Rotterdam» spiega a Panorama Paolo Signorini presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale. «Non sono arrivate meno navi, ma meno merci. Gli spedizionieri le mandano altrove. Oppure aspettano». Conferma Gian Enzo Duci, presidente di Federagenti: «L'effetto più rischioso è però quello psicologico. I genovesi alle code si possono abituare. Ma la logistica vive di certezze: tempi, aspettative, zero pericoli. E Genova oggi è un rischio. Quindi la evitano. Gli spedizionieri stanno cambiando le rotte». Collassa Genova, brindano Rotterdam e Anversa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Ven, 16/11/2018 - 08:39

la causa di risarcimento maggiore sarà quella di Autostrade contro il Governo (leggi tutti noi). Quando mai si è visto che 'per Legge' una società è esclusa e pure costretta a pagare dei risarcimenti? Solo nelle monarchie/dittature assolute! non voglio difendere chi ha già di suo fior di avvocati, certamente questa vicenda dimostra molta approssimazione, dilettantismo e tantissima incompetenza.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 16/11/2018 - 08:44

se ti sembra giusto ci siano leggi per cui un magistrato deve sequestrare un intero ponte e pezzi di città. come coda per curiosi. poi c'è la storia che per nom dar troppo potere a uno ci vogliono tre mesi per un decreto d'emergenza. però a fare il governo ci è voluto di piu. e c'è toninelli, sottospecie di patetico caso umano più simile a una macchietta della gialappa's che un uomo. ma va beh, d'altronde oggi i leghisti fanno bruscit con l'nduja...

Ritratto di gianpiz47

gianpiz47

Ven, 16/11/2018 - 08:59

Genovesi non preoccupatevi, Tonino-elli ha la situazione in pugno.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 16/11/2018 - 09:16

PREMESSO CHE I GRULLINI MI STANNO SUL...SONO PASSATI SOLO 90 GG ED I PDIOTI E SINISTROIDI PIANTANO GRANE IMMEMORI DEL TERREMOTO DI TRE ANNI FA CON ANCORA PIU' EL 50% DI MACERIE..MA ANNATE A ZAPPARE,ALMENO VI RENDETE UTILI!!!

Fjr

Ven, 16/11/2018 - 09:20

E questo perché come al solito a Roma invece di lavorare giocano con la pelle degli italiani si’ ma fino a quando?

nonna.mi

Ven, 16/11/2018 - 11:22

Questo disastro di Genova,data l'incertezza per i collegamenti saltati per l'inerzia del blocco stradale e conseguenze varie pesantissime ( vedi pericolo di spostamenti delle merci verso Rotterdam) non dovrebbe far entrare nella testa dei NOTAV che cercare di bloccare la ferrovia ad Alta Velocità verso Lione e l'Europa tutta è una follia imperdonabile per il Domani della nostra Italia, per i nostri giovani? Myriam

27Adriano

Ven, 16/11/2018 - 12:08

Cosa volete pretendere:...è toninelli dei 5 stalle.

roberto zanella

Ven, 16/11/2018 - 12:22

...che strano caro Bracalini che i Comunisti di Genova che non hanno perso il vizio di contestare perchè ovviamente vorrebbero il ponte subito , che dico , domani, e pure quei cittadini genovesi probabilmente sempre stati di sinistra , che pretendono ora di avere una villetta vista mare , perchè nella disgrazia , che bello mollare l'appartamento soto il ponte e andare in qualche altra parte e alla fine dico, i genovesi li conosco e bene e il braccino è sempre corto...

batpas

Ven, 16/11/2018 - 12:31

facile prendersela con Toninelli: lui esegue e basta. secondo voi avrebbe le palle per decidere qualcosa ?

steacanessa

Ven, 16/11/2018 - 12:37

Lasciare il timone della vicenda ad un inetto come toninelli è uno dei più grandi errori della Lega. Per fortuna il sindaco Bucci è un vero capo e saprà operare nel migliore dei modi nonostante la legge vergognosamente carente. La magistratura si è ancora una volta rivelata inadeguata. Che bisogno c’è di sequestrare un’area così estesa per così tanto tempo quando i pezzi interessanti per l’indagine sono i pochi inviati in Svizzera ed esiste una documentazione di filmati, fotografie, testimonianze immensa? Vergogne italiote a carico della mia splendida città economicamente distrutta da precedenti amministrazioni sinistre di merenda.

lorenzovan

Ven, 16/11/2018 - 13:07

@bandog..devi essere masochista..ogni post conferma le tue toninelliane capacita..con tutto il rispetto per le vittime e i danni mageriali e morali ai terremotati..paragonare l impatto ecomico sulla citta di genova ..sull indotto e sullintero Pil nazionale e un esercizio e una dimostrazione di cervello espatriato..peccato qua ci sia rimasto il resto

peter46

Ven, 16/11/2018 - 14:31

Bracalini...(2)...anzi meglio che t'hanno aperto a mare na superstrada per arrivarci prima e meglio dal/al casello che preferisci,o esci a Ge-voltri,COME PRIMA,se proveniente da qualsiasi nord se l'imbarco/sbarco deve avvenire in quel porto.Devi solo attraversare?E stai a lamentarti per i 15 minuti da perdere(e solo se vi date appuntamento' tutti alla stessa ora),AGEVOLATI dalla superstrada di cui sopra,per arrivare all'altro casello e continuare per la destinazione prefissata?Andate a lavorare,ca...volo,altro che 'battere' miseria che tutto sta rientrando nella normalità a quel che si dice e si vede.Stanno ad impiegare troppo tempo magistrati a 'studiare' le responsabilità?Colpa delle leggi approntate per cercare di non far mai pagare i colpevoli.(2)segue,forse.

lorenzovan

Ven, 16/11/2018 - 18:19

Roberto zanella..ma tu non conosci neanche il tuo azzerato QI figurati conoscere qualcosa d altro

peter46

Ven, 16/11/2018 - 19:15

Bracalini...12(dodici)commenti stanno ancora parcheggiati di Là...possibile che i due mancanti non sono fra quelli e 'trombabili' soprattutto?