Coronavirus, scontro tra Marche e Conte: "Governo schizofrenico"

Il governatore Ceriscioli attacca l'esecutivo giallorosso: "Si mettano d'accordo con loro stessi, staremo a vedere chi ha fatto bene"

Non si placa lo scontro tra le Marche e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nettamente in contrasto dopo la decisione da parte del governatore di chiudere le scuole. Nella serata di ieri Luca Ceriscioli ha confermato l'ordinanza, poi impugnata dall'esecutivo attraverso l'Avvocatura generale dello Stato al fine di evitare che le Regioni vadano "in ordine sparso" generando "confusione nei cittadini". Sulla questione è tornato a parlare Ceriscioli, che reputa l'impugnazione un'occasione utile "per tutti, per la salute dei marchigiani e aiuterà il governo a tenere comportamenti più coerenti". Dunque la sfida al premier è chiara: "Vediamo chi ha fatto bene: noi o il governo che si oppone".

Il presidente della Regione Marche non fa marcia indietro sulle sue decisioni e anzi va all'attacco dei giallorossi sulla gestione dell'emergenza Coronavirus: "Ho l'impressione che Conte faccia fatica a dare a tutto il territorio indirizzi omogenei. Non possiamo star dietro a questa schizofrenia". È fondamentale che si decida e si mostri una linea comune a cui attenersi: "Da una parte abbiamo la struttura tecnica che ci invita a prendere alcuni provvedimenti e il decreto di domenica che ci attribuisce le responsabilità di questi atti e poi dall'altra un comportamento difficilmente comprensibile in termini di indirizzi da parte del governo".

"Regioni di destra favorite"

Ceriscioli ha poi sferrato un altro durissimo attacco al governo, accusato di "favorire" le regioni governate dal centrodestra: "Dà più tutele alle Regioni di centrodestra, come la Liguria, che non a quelle amiche. I cittadini devono capire che le regole o sono valide per tutti o non solo valide. Non vogliamo aumentare ma ridurre la paura facendo prevenzione". Anche perché c'è da considerare che prima l'avvocato aveva detto "che era pronto a revocare i poteri alle Regioni", ma in realtà "il decreto di domenica ci dava più responsabilità". E ha avvisato l'esecutivo: "Si mettano d'accordo con loro stessi. Io non ho sfidato nessuno, se è diventata una sfida è una scelta del governo".

Le misure adottate prevedono, tra le altre cose, la sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, della frequenza delle attività scolastiche, universitarie (lezioni, esami di profitto e sedute di lauree) e di alta formazione professionale e dei percorsi di istruzione e formazione professionale. In tal senso il governatore delle Marche ha assicurato: "Si va avanti con l'ordinanza e confermiamo le nostre decisioni. Le scuole rimangono chiuse".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Korgek

Mer, 26/02/2020 - 13:06

Paura di perdere le prossime elezioni, eh Luchì?

DRAGONI

Mer, 26/02/2020 - 13:34

ATTENZIONE A GIUSEPPI CHE, DA AZZECCA GARBUGLI, HA CONFIDENZA CON LA CARTA BOLLATA!!

Raffaello13

Mer, 26/02/2020 - 13:51

Un Uomo intelligente, l'ho sentito in Tele, diceva che le Marche sono geograficamente vicine a Cattolica (10 Km) ove c'è un focolaio, mentre Bologna che dista più di 100 Km hanno chiuso le scuole senza rilievi dal governo. Un Capo Regione deve pensare alla Salute dei suoi cittadini, NON far piacere (atto di sottomissione) ad un governo che decreta in modo confuso, ora in senso prudente ora temerario. Poi finora ci sono 3,5% di morti, e la risposta è "tanto erano vecchi e malandati", ma se l'influenza ha fatto 5000 000 di casi l'altr'anno, il 3,5% sono 175 000 Morti! Come un Anno di guerra Mondiale!

Calmapiatta

Mer, 26/02/2020 - 14:24

Ma che ragionamento è? Esistono regioni amiche e nemiche? Il governo deve favorire le regioni "amiche"? Ma questi stanno veramente in pizzo al cornicione!

dredd

Mer, 26/02/2020 - 14:40

Regioni amiche? Puoi spiegare per favore?

Marzio00

Mer, 26/02/2020 - 14:43

Governo con poche idee e confuse (vedi spot e proclami autoincensati smentiti dai fatti) con la presunzione di non ascoltare e ironizzare chi temeva un'epidemia (governatori di Veneto - Lombardia). In casi come questi si dovrebbe abbandonare l'interesse politico di parte e aprire immediatamente tavoli di comuni per il bene nazionale! Dimenticavo che siamo in Italia non in Francia o Germania dove tutelano sempre e comunque gli interessi nazionali alla faccia nostra.

frank173

Mer, 26/02/2020 - 15:12

Io sto con le Marche, io sto con la P prevenzione seria.

Libertà75

Mer, 26/02/2020 - 15:33

Conte è alla follia, se gli fanno presente che ci son state poche quarantene se la prende con le regioni. Se le regioni chiedono la quarantena per i bimbi, Conte da l'allarme nazzismo. Se qualche regione vuol chiudere le scuole, Conte da l'allarme unità nazionale... Rendiamoci conto che questo è più allarmista di Salvini.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 26/02/2020 - 17:42

La confusione è totale. Il più confuso è il Presidente del Consiglio Conte, da liquidare al più presto.

RolfSteiner

Mer, 26/02/2020 - 18:20

Mai avrei pensato un tempo di dover rimpiangere Bettino. Bettino ho scritto eh, non Benito, che poi qualche pasdaran de stoka interpreta male...

Ritratto di Fradrys

Fradrys

Mer, 26/02/2020 - 19:16

...ma il Garante della Costituzione è vivo??? O_O

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Mer, 26/02/2020 - 21:12

Non ricordo più bene chi ha scatenato il panico. Regioni del nord o governo ?

Duka

Gio, 27/02/2020 - 07:39

Troppo buono Governatore, questi sono idioti a 360°

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 27/02/2020 - 09:32

Ha ragione il governatore. Giuseppi è bene che se ne vada.