Lo scontro, poi la mediazione: cos'è successo nel Cdm

Il ministro ha già spento l'incendio tra il premier e il leader della Lega. Ora il governo apre: "Se i dati lo consentiranno, si potrà cancellare il coprifuoco"

Lo scontro, poi la mediazione: cos'è successo nel Cdm

L'allarme sembra essere già rientrato. E il merito, di certo non è una sorpresa, va a Giancarlo Giorgetti. L'astensione della Lega in Consiglio dei ministri sul decreto Covid ha rappresentato la prima vera spaccatura nel governo: il Carroccio ha deciso di astenersi e di non dare parere favorevole al dl sulle riaperture. Secondo gli esponenti del partito di via Bellerio mancano coraggio e fiducia verso gli italiani. I relativi ministri si aspettavano infatti che venissero accolte le istanze delle Regioni, le quali chiedevano di ampliare il coprifuoco di un'ora (quindi a partire dalle ore 23) e il via libera ad altre attività economiche (come i ristoranti al chiuso). La linea rigorista però non ha concesso un maxi-allentamento e così la Lega ha scelto di non fornire il proprio appoggio alla nuova norma.

L'intervento di Giorgetti

I presenti al Cdm raccontano un certo stupore del premier Mario Draghi, che avrebbe messo subito le cose in chiaro e si sarebbe detto preoccupato per le possibili ripercussioni per la mossa dei salviniani: "È un precedente grave. Prendiamo atto, è molto grave". Anche perché era stata raggiunta un'intesa unanime e così il metodo sarebbe potuto diventare inaccettabile per gli altri alleati: "Abbiamo già fatto tanto, ci siamo assunti una responsabilità con queste misure. Se tocchiamo l'impianto, non troviamo più un punto di equilibrio". I timori di Palazzo Chigi sono forti: ci si interroga se in questo modo Salvini abbia semplicemente voluto evitare di lasciare lo spazio delle polemiche solo a Giorgia Meloni o se realmente si stia preparando per sfilarsi dall'esecutivo.

Tuttavia a Giorgetti son bastate poche ore per far calmare le acque all'interno del governo. Il ministro dello Sviluppo economico si è subito messo all'opera per ricucire lo strappo e spegnere l'incendio che rischiava di espandersi in maniera pericolosa. I pontieri hanno lavorato tutta la notte sull'asse Palazzo Chigi-via Bellerio per far scemare la tensione. E qualche risultato inizia a vedersi: è stato assicurato che "se i dati lo consentiranno si potrà rinunciare al coprifuoco delle 22". Viene inoltre chiarito che il divieto di circolazione, dati permettendo, non è destinato a durare per tutta l'estate. Nel frattempo, spiega Marco Antonellis su Italia Oggi, si starebbe lavorando per un faccia a faccia tra Draghi e Salvini. "Appena sarà decantata la situazione. Vedrete. Salvini terrà il punto ancora per un po' ma poi le acque si calmeranno", spiega un big leghista.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento