Ecotassa, Ires, detrazioni: ecco le nove stangate nascoste nella manovra

Imposte su auto e vendite online, via gli sconti fiscali per le imprese... Fi: vittoria totale del M5s

Ecotassa, Ires, detrazioni: ecco  le nove stangate nascoste nella manovra

«Più che nascoste, le tasse legate alla manovra gialloverde sono manifeste», denuncia Giorgio Mulè, portavoce dei gruppi parlamentari di Forza Italia. E il responsabile per l'Economia, Renato Brunetta, avverte: «Aspettiamoci un'Italia con meno tasse per l'1% dei contribuenti e più tasse per il restante 99%. Un tradimento clamoroso del programma del centrodestra».

L'elenco è lungo, da una prima analisi sono almeno nove le nuove tasse nella manovra: dall'ecotassa sulle auto alla webtax sulle vendite online, dall'imposta di circa 400 milioni sui giochi al raddoppio dell'Ires per gli enti no profit e alla cancellazione delle detrazioni per imprese(4,5 miliardi da versare in più) e per banche e assicurazioni (1,8 miliardi). Oltre a una vera e propria stangata sulle tasse locali, che la Cgia di Mestre calcola in un miliardo in più, tra Irap, Imu-Tasi e addizionale Irpef. «La scelta del governo - dice Brunetta - di non prorogare il blocco degli aumenti delle imposte regionali e locali degli ultimi 3 anni, è cinica nei confronti di Regioni e Comuni e spietata nei confronti dei cittadini. Togliere il tappo con una manovra che non regala particolari risorse a questi enti dopo la cura dimagrante subita, significa aprire a un 2019 di delibere che aumenteranno l'Irap, la Tasi, l'Imu e le addizionali regionali e comunali all'Irpef». Tra i tributi locali c'è pure la tassa di sbarco a Venezia che andrà da 2,5 a 5 euro.

Per non parlare del mancato adeguamento delle pensioni oltre i 1.200/1.300 euro netti al mese. «Il governo - commenta la vicepresidente dei senatori di Fi Licia Ronzulli - ha bloccato la rivalutazione delle pensioni di genitori, nonni, persone che hanno lavorato una vita con stipendi modesti. Altro che pensioni d'oro!». Deborah Bergamini la definisce «la manovra più costosa di sempre per le tasche degli italiani poveri», proprio per il blocco dell'adeguamento all'inflazione: «Le hanno definite prima d'oro, poi di platino, la realtà però è ben diversa: chi oggi vive con 1.522 euro al mese di pensione non può definirsi neanche di ottone». Insomma, per Paolo Zangrillo, il governo «che doveva smontare la Fornero ha fondato la manovra di bilancio sul taglieggiamento dei pensionati» e così ricaverà 70 milioni, «buoni per garantire divano e tv a 10 mila titolari di reddito di cittadinanza, con un messaggio inquietante per i giovani che studiano».

Gilberto Pichetto Fratin affoga nelle 356 pagine della relazione tecnica alla manovra, che in pochi ancora sono riusciti a leggere e scuote il capo sconsolato a ogni capitolo. «C'è anche il taglio del Fondo sviluppo e coesione per 800 milioni, di cui l'80% destinati al Sud e il resto al Nord». Vincenza Labriola lamenta anche un altro provvedimento: «È vergognosa l'umiliazione che questa manovra riserva al Sud, invece di fornire gli strumenti per renderlo attrattivo per gli investimenti, per le startup come embrione di innovazione, turismo, agricoltura, scopriamo che nel maxi emendamento diventa attrattivo per i pensionati. Il governo scambia il Mezzogiorno per il reparto geriatria del Paese, i pensionati che risiedono all'estero e decidono di tornare in Italia risiedendo al Sud, dopo almeno 5 anni vissuti fuori dall'Italia, avranno come incentivo le tasse al 7%».

Tutto questo, ricorda Mulè, con le spese per gli investimenti «ridotte dagli iniziali 9,4 miliardi a 3,6 miliardi». E con il timore concreto di un aumento dell'Iva, per ora sventato ma incombente come una spada di Damocle. «Una tempesta di tasse per l'oggi e la prospettiva di una manovra di 50 miliardi per il 2020, il tutto al solo scopo di rispettare le folli promesse elettorali dei grillini, i veri vincitori della partita giocata sulla pelle degli italiani», commenta Osvaldo Napoli. Francesco Giro grida «vergogna!» al governo: «Fra le pieghe della nuova legge di bilancio imposta a scatola chiusa e con un voto di fiducia alle 3 di notte, scopriamo nuove tasse su tasse e l'aumento delle accise che avevano sempre negato. Se Berlusconi avesse fatto una manovra simile l'avrebbero impiccato nella pubblica piazza». Questa «stangata delle bugie e delle tasse» dice Maurizio Gasparri, Fi la dovrà «combattere nel Paese, sui territori, tra le categorie».

Commenti