Da eroi a capri espiatori sui medici piovono le denunce

Hanno perso decine di uomini, ma c'è già chi vuole portarli in tribunale. E i dottori chiedono un'amnistia

Milano. Da eroi collettivi a capri espiatori il passo è breve. E doloroso. I medici cominciano a subire la minaccia delle cause legali. E da Milano parte un appello al Quirinale e alla politica, perché si introduca uno strumento di tutela generale in questo caos.

Fino a ieri i camici bianchi erano indicati come artefici di una pagina esemplare di abnegazione. Arruolati a volte in via straordinaria, sono stati contagiati in gran numero e spesso uccisi dal virus, infine stremati da turni e pressioni disumane. Ora vengono additati invece, e cominciano a intravedere l'ombra di rivalse temerarie e di paradossali ripercussioni giudiziarie.

Il tam-tam è partito, corre sui gruppi facebook sospinto da gruppi, pseudo-associazioni e figure con pochi scrupoli. Un cardiochirurgo milanese ha scritto all'ordine professionale. Ha preso l'iniziativa «nel ricordo dei colleghi caduti durante questa tragedia, perché il loro esempio ci guidi in questa difficile missione». Ha sollevato il tema della responsabilità, e di polizze che prevedono un rischio commisurato all'attività specialistica dichiarata. «Pur in una situazione di emergenza, e nonostante le continue dichiarazioni sui media del ruolo eroico del personale sanitario - ha avvertito - sono crescenti le denunce di parenti». Un collega rianimatore si sfoga: «I turni sono massacranti, ed è difficile resistere, anche perché molta gente comincia a pensare alle denunce. I parenti chiedono le cartelle se il familiare è morto, domandano perché non è stato intubato prima e quali farmaci sono stati somministrati. Da eroi siamo diventati responsabili, questo fa perdere la voglia di rischiare la pelle. È assurdo».

Stefano Carugo, noto cardiologo, solleva la questione senza giri di parole: «Tutti lavorano a testa bassa, si fanno miracoli e vorremmo continuare a occuparci esclusivamente dei pazienti da salvare, senza passare il tempo a fare le fotocopie delle cartelle cliniche». «Vediamo il pericolo di conseguenze isteriche e di una guerra legale, fioccheranno denunce, temo. La mia idea, oltre ai balconi che vanno bene, è che si preveda per gli operatori sanitari in situazione di guerra una sorta di amnistia». Carugo è stato consigliere regionale, è professore universitario e presidente lombardo della società di cardiologia. Ma è anche in prima linea, come direttore del dipartimento cardiorespiratorio dell'Asst «Santi Paolo e Carlo». Racconta, una situazione di emergenza che da fuori non si coglie fino in fondo. «La situazione è devastante, la Lombardia sta facendo miracoli, ogni giorno è un dramma e a tanti colleghi viene chiesto di fare cose mai fatte, a stipendi invariati ovvio. Siamo tutti in un frullatore e purtroppo si devono compiere anche scelte drammatiche, fra pazienti con diversa speranze e possibilità di sopravvivenza». «Già fioccano le denunce - prosegue - e magari le inchieste, se ne parla ogni giorno. Vale per i medici e per le direzioni sanitarie. E allora dico: agiamo ora, in questa fase dei medici eroi, perché fra due mesi inizierà la bagarre politica e i medici rischiano di restare in mezzo, saranno i capri espiatori perfetti. Il presidente Mattarella ha usato le parole giuste, di unità e concordia. Con questo spirito, allora, agiamo subito, è importante per poter continuare con la necessaria serenità».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Dom, 29/03/2020 - 10:17

Certo che per i parassiti le morti sono colpa dei medici.

Giorgio5819

Dom, 29/03/2020 - 10:18

Arrivano i soliti meschini, capaci di far causa a un medico...!! PERCHE' NON DENUNCIANO LO STATO ? PERCHE' NON DENUNCIANO CHI HA TACIUTO L'EMERGENZA E DIMOSTRATO UN'INCAPACITA' MORTALE NELLA GESTIONE DI QUESTA PANDEMIA ??

Leonardo99

Dom, 29/03/2020 - 10:19

Non ci vedo nulla di male, quando muore un parente e non puoi vederlo, oppure questo viene danneggiato mi sembra logico chiedere delle verifiche all'autorità giudiziaria. Io farei lo stesso, anche solo per avere una visione più chiara delle cose. L'amnistia sarebbe un atto dittatoriale in questo momento e con queste condizioni. Come quei regimi che in guerra non permettono processi contro i crimini dei soldati, relegando loro uno stato superiore al cittadino e pericoloso per la comunità.

Ritratto di gianpiz47

gianpiz47

Dom, 29/03/2020 - 10:20

Cominciamo a parlare di lite temeraria: " Ai sensi del terzo comma dell'l'art. 96 del codice di procedura civile, il giudice, può anche provvedere alla condanna della parte soccombente al pagamento in favore della controparte di una somma equitativamente determinata. Ciò avviene in assenza di prova del danno patito e tenendo conto di tutti gli elementi della controversia." I giudici in questo caso, secondo me data la situazione, dovrebbero applicare delle sanzioni, verso chi intenta la causa contro i dottori, tali da indurli a pensarci cento volte prima di iniziare tale azione. Magari triplicandole verso chi la inizia e quintuplicarla verso gli avvocati che lo sostengono, in modo tale che almeno uno dei due se la faccia addosso prima di iniziare tale azione.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 29/03/2020 - 10:24

Questo malsano paese va lasciato andare in malora,troppi decenni di politica sinistra hanno distrutto tutto quello che c'era da distruggere. Ecco perché questi regimi sono crollati un po' ovunque.

Nick2

Dom, 29/03/2020 - 10:35

Voi siete specialisti nel generalizzare e semplificare le situazioni. Il lavoro dei medici e di tutto il personale sanitario è encomiabile. Lavorano al limite e spesso oltre il limite delle loro possibilità, ma questo non toglie che siano stati commessi degli errori che sono costati vite umane, ma soprattutto il contagio di migliaia di persone. E’ il caso degli ospedali di Codogno e di Alzano Lombardo. Se nel primo la buona fede è pressoché certa, nel secondo ci sono alcuni dubbi e i parenti delle vittime, giustamente, incominciano a porsi delle domande…

Yossi0

Dom, 29/03/2020 - 10:54

un classico italico dalle stelle alle stalle ...

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 29/03/2020 - 11:22

Chi denuncia cerca solo pecunia!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 29/03/2020 - 11:28

E' assurdo. Continuano, come in precedenza d'altronde, a aporgere denuncia contro i medici nel caso di decesso di un familiare. Li ritengono incapaci o delinquenti per far morire il paziente? Assurdo, non vorrei che lo facessero ai soli fini di avere un risarcimento milionario. Il che sarebbe ancora più grave. SOlidarietà al personale sanitario tutto, sempre e comunque, non sol oa parole nel momento di emergenza, e/o neppure in quello.

Ritratto di pigielle

pigielle

Dom, 29/03/2020 - 11:36

...Classico .... se un paziente muore è colpa del medico, se invece la scampa e guarisce il merito va Padre Pio o al Santo di turno.

Tommaso_ve

Dom, 29/03/2020 - 11:45

Chi fa causa ad medico oggi è meglio si cerchi un'altra patria. E non è retorica.

Tom758

Dom, 29/03/2020 - 12:17

Leggendo questo Articolo mi torna alla memoria il terremoto di amatrice e d'intorni, quando molte persone che avevano le doppie case crollate nelle zone terremotate, fecero a gara per chiedere la residenza nelle zone del terremoto,per richiedere i risarcimenti dello stato.

schivalenza

Dom, 29/03/2020 - 12:19

In queste situazioni si denuncia se si ha già la prova di qualcosa di grave, non per 'verificare'.

blackbird

Dom, 29/03/2020 - 12:34

Quante storie, il legislatore dovrebbe fare una legge che, in campo medico, chi soccombe paga la somma richiesta. Soccombono ospedale e medici? Pagano ospedale e medici. Soccombe il denunciante? Paga il denunciante. Quanto? quello che ha chiesto nell'atto.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 29/03/2020 - 12:35

Le cause legali, a mio avviso, dovrebbero essere fatte contro la classe politica e chi ha governato il Pese negli ultimi 40 anni.

riccardo7567

Dom, 29/03/2020 - 12:52

Certo è più semplice aggredire legalmente un medico che un'azienda ospedaliera. Ed è ancora più difficile aggredire una regione che nei precedenti quindici hanno ha adottato tagli radicali ed indiscriminati alla sanità. Se continuiamo a pensare che fare causa ad un medico siano soldi facili finiremo con il doverci curare da soli. O meglio, chi può, dovrà pagare profumatamente un luminare che si dovrà dotare di un'assicurazione stile americano per continuare ad esercitare la professione medica. Addio servizio sanitario generalistico.

dredd

Dom, 29/03/2020 - 13:15

Tipico prendersela con i professionisti quando le cose non vanno come si vuole. Capita tutti i giorni e contro tutte le categorie ci siamo abituati

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 29/03/2020 - 13:22

I cittadini parassiti dello Stato ci sono sempre stati e non si fermano nemmeno in questa crisi mondiale di emergenza pandemica. Un incoraggiamento ai medici e a tutti gli operatori che si trovano sul fronte Coronavirus,incuranti della propria salute,a favore dei cittadini che hanno più bisogno, e assoluto "no comment" ai familiari che speculano sulla morte dei propri cari.

Tizzy

Dom, 29/03/2020 - 13:59

Sono quelli che rischiano per primi la loro vita in ogni istante e purtroppo capita anche che si trovino a prendere decisioni di forza maggiore che mai nella vita avrebbero voluto prendere...E' tutti i giorni sotto gli occhi di tutti... Per lo stesso discorso allora potrebbe sembrare giusto lasciar perdere chi nonostante dopo i vari avvertimenti, per futilità ha voluto rischiare lo stesso e si è ammalato....Invece provano a guarire tutti!! Lo stato dovrebbe intervenire a tutela con delle norme chiare. In una guerra, nessuno è mai stato denunciato per gli inevitabili morti..La situazione che stiamo vivendo è molto seria e drammatica!

ziobeppe1951

Dom, 29/03/2020 - 14:07

pigielle...11.36...bellissima...posso venderla?

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Dom, 29/03/2020 - 15:24

In tempo di guerra gli sciacalli sciamano ........

gianf54

Dom, 29/03/2020 - 15:25

una vigliaccata...

jekill

Dom, 29/03/2020 - 15:42

Non vado a lavorare più, s'arrangino

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 29/03/2020 - 16:29

Dobbiamo dire purtroppo che gli è andata ancora bene. Al sud, questi medici sarebbero stati pure malmenati. Ma come si fa a convivere con certa gente che come dice il detto, ha il coraggio di sparare sulla croce rossa.

cgf

Dom, 29/03/2020 - 17:43

Finirà che per essere curati anche per un raffreddore dovremo firmare una liberatoria, non oso pensare qualora dovessimo prendere antibiotici!!

Dordolio

Dom, 29/03/2020 - 18:06

Che ci siano degli astuti furbastri pronti a cavalcare la situazione è certo. Ma non esageriamo con una copertura assolutoria totale, incondizionata ed indiscriminata. Tra tanti professionisti inappuntabili e dalla sicura e lodevole abnegazione ci sono anche personaggi che hanno fatto diagnosi al telefono, a quanto pare. Qui da me una donna ammalata manco è stata visitata e - dimessa - è morta poco dopo (apprendo da un giornale locale)

Ritratto di Gius1

Gius1

Lun, 30/03/2020 - 10:42

Leonardo99 # 10:19 propongo che tu vada in ospedale ad aiutare anche se per le pulizie. Se non hai paura dell´infettazione come le hanno i DOTTORI, INFERMIERE E GENTE DELLE PULIZIE. Il problema e´che gli avvocati non hanno lavoro e allora aizzano a fare cause a EROI del momento.