Fondi della Lega, M5s attacca: "Salvini chiarisca sull'inchiesta"

Tensioni per la nuova inchiesta sui fondi della Lega. Di Maio all'attacco: "Ne parlerò con Salvini. Sono sicuro che non minimizzerà"

Fondi della Lega, M5s attacca: "Salvini chiarisca sull'inchiesta"

Il caso Centemero piomba sull'esecutivo gialloverde alle prese con la manovra economica e le resistenze dell'Unione europea. Non appena la procura di Bergamo ha acceso i fari sulla nuova gestione della Lega e, in particolar modo, sulle società usate, a detta degli inquirenti, per schermare i finanziamenti privati e metterli al riparo da eventuali sequestri relativi al procedimento per il recupero dei 49 milioni di euro spariti a suo tempo dai bilanci del partito, i Cinque Stelle sono subito partiti all'attacco.

Ieri la Stampa ha fatto trapelare che è in corso una nuova inchiesta sui fondi della Lega che ha portato i pm di Bergamo a indagare Giulio Centemero, il tesoriere del Carroccio, con l'accusa di finanziamento illecito ai partiti. "Ognuno faccia il suo lavoro - ha tagliato corto Matteo Salvini - non c'è nulla da trovare e da cercare, spero facciano in fretta". Secondo gli inquirenti, invece, dietro ai flussi di denaro dell'associazione "Più Voci" e di una serie di altre società ci sarebbe una chiara strategia dei lumbard di schermare i finanziamenti privati ottenuti dal Carroccio, mettendoli al riparo da eventuali sequestri relativi al procedimento per il recupero dei 49 milioni di euro spariti a suo tempo dai bilanci del partito. Per il momento si tratta, però, solo di un teorema. Eppure i grillini sono subito saltati alla gola dei leghisti facendo tintinnare le manette. "Chiederò chiarimenti a Salvini, sono certo che non minimizzerà - ha subito detto Luigi Di Maio - prima di dichiarare pubblicamente bisogna parlare con i nostri contraenti del contratto di governo, ma sicuramente Salvini non minimizzerà...".

Non appena Di Maio ha dato il "la", i grillini sono partiti all'attacco per mettere in difficoltà gli alleati leghisti. "Siamo certi che la Lega fornirà ulteriori chiarimenti sul caso Centemero", fanno sapere Francesco D'Uva e Stefano Patuanelli, capigruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera e al Senato augurandosi che "Salvini non minimizzi la vicenda". "Una cosa è doverosa dirla - hanno tuonato - da sempre ci battiamo contro i finanziamenti 'illeciti' ai partiti, perchè in un Paese civile non devono esserci interessi esterni a influenzare l'attività delle forze politiche presenti in Parlamento". Per quanto riguarda le fondazioni legate ai partiti i grillini sono quindi tornati a chiedere trasparenza. "Per troppo tempo è mancata in Italia - hanno, infine, concluso - per questo motivo nello Spazzacorrotti, che approveremo nelle prossime settimane, prevediamo norme che garantiranno assoluta trasparenza sui finanziamenti di cui beneficeranno partiti, movimenti e fondazioni collegate".

"Non evado dalla risposta, sicuramente quando tocchi con mano uno degli ultimi confini" armati "quando torni alla cose italiane a volte ti cadono le braccia". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva di replicare alle dichiarazioni dei capigruppo del M5s che gli hanno chiesto di chiarire in merito al filone d'inchiesta della procura di bergamo sui fondi della Lega.

Commenti