La "gaffe" del ministro all'istruzione: "L'ho imparato ieri..."

Il ministro dell'Istruzione dopo il giuramento: "La nomina? L'ho imparato ieri...". E sui social impazza l'ironia

Un esordio non particolarmente promettente, quello del nuovo ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi il quale, fresco fresco di nomina, ha commesso due errori grammaticali in sequenza che di certo non ci si attenderebbe di udire da chi ricopre un incarico come il suo.

Certo, c'è chi ha fatto di peggio al governo. Impossibile dimenticare le prestazioni dell'attuale e riconfermato ministro degli Esteri Luigi Di Maio, scivolato in numerose occasioni in particolar modo sull'uso del congiuntivo, forse a causa della mente obnubilata dall'eccesso di informazioni relative all'apprendimento della lingua inglese, un percorso comunque ancora decisamente in salita per l'uomo del "mai col partito di Bibbiano".

Anche il professor Bianchi, che ha preso il posto di Lucia Azzolina al timone del delicatissimo dicastero di Viale Trastevere, ha dato un suo piccolo contributo, inciampando per ben due volte in pochi minuti dinanzi ai cronisti che lo intervistavano.

"Quando ha saputo che sarebbe stato scelto come ministro?", domanda uno dei giornalisti presenti poco dopo la sua nomina. "L'ho imparato ieri sera, stavo con degli amici, stavamo lavorando", risponde il neo eletto professore ferrarese. "Non si dovrebbe dire 'appreso' in questo caso?", chiede qualcuno su Twitter. Tutto ok, tranquilli, si tratta di un errore dovuto semplicemente all'emersione di un elemento dialettale. In alcune zone dell'Emilia Romagna (compreso quindi il ferrarese), si utilizza "l'ho imparato" anziché il più corretto "l'ho appreso", come nel caso sopra citato. Questa, per lo meno, è la spiegazione fornita sui social da alcuni internauti.

Il problema è che il professor Bianchi non si è limitato a questa "imprecisione". "Ho trovato della bella gente, speriamo che faremo tutti bene", replica a quanti gli chiedono che cosa si aspetti dalla nuova esperienza. L'orecchio stride un po' anche in questo caso, ma la questione dialettale non interviene nuovamente in soccorso del ministro dell'Istruzione quale scusante.

L'inizio non è certo dei più incoraggianti, ma l'ex rettore dell'università di Ferrara tira dritto e continua a replicare ai giornalisti. "Partiamo da quello che c’è, da una situazione difficile che riusciremo ad affrontare". Dopo aver spiegato di essere "emozionato e anche conscio della quantità di lavoro che dovremo fare", Bianchi ha affrontato la delicata questione della possibilità di ritornare alle lezioni in presenza negli edifici scolastici dello Stivale: "È a questo che stiamo lavorando", conclude il neo eletto ministro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

delenda_carthago

Dom, 14/02/2021 - 10:08

speriamo di imparare pure noi a votare l'11 Aprile

VittorioMar

Dom, 14/02/2021 - 10:18

...ridatemi Croce e Gentile...abbiate PIETA' per la nostra Lingua...Grazie..

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 14/02/2021 - 10:38

"L'ho imparato ieri..." ... ... ... CERTO, STUDIANDO NEI CENTRI SOCIALI !

Gasparesesto

Dom, 14/02/2021 - 10:56

se questo professore fa parte del meglio del meglio facciamogli frequentare la scuola serale per rinfrescarsi un pò di grammatica italana !

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 14/02/2021 - 11:13

E meno male che è Ministro al Istruzione!

Ritratto di Civis

Civis

Dom, 14/02/2021 - 11:24

Sicuramente il più sciatto, ieri, al giuramento. Draghi non ha puntato sulla Scuola, perché sa che cambiarla è un processo molto lungo, così ha lasciato un po' di continuità mettendoci il capo del gruppo istituito da Conte e poi messo da parte. Ci vorrebbe di nuovo un mastino come la Gelmini, con la sua riforma del 2008/10, ma a Draghi basterà occuparsi velocemente, con i suoi ministri tecnici, del Piano per usare bene i tanti fondi europei, perché, se non c'è lavoro e sviluppo in Italia, anche i laureati e i diplomati non servono e vanno all'estero.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Dom, 14/02/2021 - 11:28

Pazienza per gli (attuali e pregressi) sciagurati ministri della pubblica distruzione ma, #Gasparesesto, non ricorda che "pò" può essere la desinenza di "popò" e non della troncatura di "poco" che, appunto, si effettua con l'apostrofo, così: " po' "... Eh!...

caren

Dom, 14/02/2021 - 11:32

La lingua italiana è come la pubblicità che diceva così di quel famoso spumante: Per molti ma non per tutti.

Jon

Dom, 14/02/2021 - 11:56

E' l'uomo giusto per l'istigazione all'ignoranza totale, prevista per gli Italioti.. La lingua ormai e' l'inglese di Renzi, la semantica di Grillo, con cui trasformare il prestito degli strozzini in Next Generation, o Recovery, e per nascondere il vero significato della pena da infliggere...Ce lo chiede l'Europa..!

bernardo47

Dom, 14/02/2021 - 12:04

Mettiamolo con di maio questo!

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 14/02/2021 - 12:32

Un ignorante al ministero dell'istruzione. Solo in "itaglia" succede,ed è per questo che veniamo presi a pesci in faccia e vogliono pure essere ringraziati.

Ritratto di Adespota

Adespota

Dom, 14/02/2021 - 12:43

Qui ci vuole Sherlock Holmes per indagare su chi abbia maggiormente contribuito ad uccidere la nostra lingua negli ultimi lustri: mi raccomando neo ministro, la lingua è stata uccisa o quanto meno ferita gravemente, ma le do un indizio, non l'hanno sparata ..!

tiromancino

Dom, 14/02/2021 - 16:47

Alla grande!