Gel e mascherine. E tavoli ogni 4 metri

I bar e i ristoranti dal 18 maggio potrebbero riaprire, ma per avere la certezza si dovrà attendere tra giovedì e venerdì, quando arriveranno le linee guida di Inail e Cts

Gel e mascherine. E tavoli ogni 4 metri

I bar e i ristoranti dal 18 maggio potrebbero riaprire, ma per avere la certezza si dovrà attendere tra giovedì e venerdì, quando arriveranno le linee guida di Inail e Cts, che si baseranno ancora una volta sui dati del monitoraggio della curva dei contagi. Le Regioni potranno probabilmente dare il via libera ai ristoratori, sotto la loro responsabilità, e in base alle esigenze del territorio. Ma esperti dell'Istituto superiore di sanità e tecnici Inail sono al lavoro già da tempo e hanno stabilito regole ferree, che prevedono innanzi tutto il distanziamento sociale, l'uso di mascherine e saranno addirittura evitate le code per andare in bagno. Tra i tavoli potrebbe esserci una distanza di quattro metri e due da ciascuna persona, a prescindere da spalla a spalla. Ma bisognerà capire se 4 metri è realmente la misura minima di sicurezza. I clienti che entrano nei locali, dovranno lavarsi le mani e indossare la mascherina, che rimetteranno poi per pagare alla cassa (se non verranno studiate forme di pagamento digitale) o per muoversi per andare in bagno. Ci saranno, poi, corsie differenziate per l'entrata e l'uscita. Tra le proposte c'è anche quella di stoviglie monouso al bancone, che invece potrebbero essere riutilizzabili ai tavoli, ma dopo essere state igienizzate a ogni uso. A chi lavora nei ristoranti verrà misurata la temperatura all'inizio del turno di lavoro e sia camerieri che cuochi useranno le protezioni. Al vaglio anche il menu digitale. Per i bar c'è, invece, l'indicazione, ove possibile, di mettere i tavoli all'aperto.

Commenti