Giorgia Meloni: "Ecco la nostra nuova Europa"

La leader di Fratelli d'Italia: "Ci battiamo per una Europa di nazioni libere e sovrane come seria alternativa al super Stato burocratico che si è andato imponendo da Maastricht in poi con la logica del “vincolo esterno”, per cui c’è sempre qualcuno che si arroga il diritto di decidere al posto dei popoli sovrani e dei governi nazionali"

Pubblichiamo una parte del discorso che Giorgia Meloni ha pronunciato in occasione della National Conservatism conference, organizzata dalla Edmund Burke Foundation e da Nazione Futura.

Fratelli d’Italia si batte per una Europa di nazioni libere e sovrane come seria alternativa al super Stato burocratico che si è andato imponendo da Maastricht in poi con la logica del “vincolo esterno”, per cui c’è sempre qualcuno che si arroga il diritto di decidere al posto dei popoli sovrani e dei governi nazionali. La grande sfida della nostra epoca è la difesa delle identità nazionali e dell'esistenza stessa degli Stati come unico strumento di tutela della sovranità e della libertà dei popoli. E il nostro principale nemico è la deriva mondialista di chi reputa l’identità, in ogni sua forma, un male da combattere e agisce per spostare il potere reale dal popolo a entità sovrannazionali guidate da presunte élite illuminate.

La visione del mondo dei conservatori viene incarnata ogni giorno da milioni di uomini e donne comuni e anche da alcuni grandi uomini della storia. Due di questi sono Giovanni Paolo II e Ronald Reagan a cui è dedicato l’incontro di oggi. Giovanni Paolo II, il “Papa patriota”, sapeva perfettamente che le nazioni, l’appartenenza ad un popolo, ad una memoria storica condivisa, erano il fondamento della libertà di ogni uomo” e non smise mai di dire che “non c’è Europa senza cristianesimo”. Ronald Reagan ha rappresentato più di ogni altro Presidente Usa, l’America del “We the People”; di quel preambolo della Costituzione che fonda la democrazia nazionale dentro il principio della sovranità popolare.

Il nostro compito è riaffermare con forza che è la Nazione il luogo in cui i nostri valori si custodiscono e si trasmettono, si rinnovano ogni giorno come senso comune del popolo, forgiano un’identità distintiva che è la più grande ricchezza del mondo.

Il sovranismo delle patrie non vuole distruggere l’Europa ma costruire quella vera, dei popoli e delle identità: i conservatori sono gli unici veri democratici poiché con lo Stato nazionale si difende la sovranità dei cittadini.

La nostra visione ci ha portato ad aderire alla grande famiglia dei Conservatori europei: l’idea di una nuova Europa come confederazione di Stati nazionali sovrani capaci di cooperare su grandi materie e di rimanere liberi di autodeterminarsi sugli aspetti della nostra quotidianità. È molto di più di una scelta di posizionamento politico, è una di scelte di campo.

Libertà d’impresa, riduzione delle tasse e della burocrazia, investimenti pubblici in infrastrutture, difesa degli interessi nazionali: è la ricetta con la quale anche il Presidente Trump oggi sta facendo volare l'economia americana ed è quella che vogliamo portare in Italia e in Europa come alternativa alla cieca austerità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Lun, 03/02/2020 - 23:10

eccola che ritorna , ma fara' anche lei la fine la fine della pivetti...

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 04/02/2020 - 00:39

Grande Meloni! E’ una donna, ma c’ha le palle.