Giustizia, Palamara prova a difendersi: "Rammaricato, frasi non sono il mio reale pensiero"

In un messaggio inviato a Matteo Salvini, l’ex presidente dell’Anm Luca Palamara ha spiegato "di aver sempre ispirato il mio agire al più profondo rispetto istituzionale al senatore"

In enorme difficoltà dopo le polemiche scatenatesi sui contenuti delle chat dei magistrati contro Matteo Salvini, Luca Palamara, il giudice al centro della vicenda, ha inviato un messaggio al leader della Lega chiedendo scusa per le sue improvvide affermazioni.

"Sono profondamente rammaricato dalle frasi da me espresse- ha scritto Palamara secondo quanto riporta oggi "La Verità" - e che evidentemente non corrispondono al reale contenuto del mio pensiero, come potranno testimoniare ulteriori conversazioni presenti nel mio telefono". Il giudice, inoltre ha voluto specificare "di aver sempre ispirato il mio agire al più profondo rispetto istituzionale che è mia intenzione ribadire, anche in questa occasione, al senatore Salvini".

Nelle conversazioni tra giudici che sono state rese note, non ci sarebbero solo attacchi contro Salvini. Parlando con l'ex membro laico del Csm, Paola Balducci, Palamara non nascondeva apprezzamenti sulla statura politica del leader della Lega. "A parte lui non c'è... non ci sono le figure, ci sono pezzetti".

Il caso Palamara è emerso dopo la pubblicazione da parte de La Verità di alcune intercettazioni dell’ex presidente dell’Anm. In una chat su Whatsapp, alcune toghe ammettevano che Salvini non stava facendo niente di sbagliato ma ciononostante doveva comunque essere attaccato senza pietà. Il quotidiano ha reso pubblici i contenuti di alcune chat risalenti al 2018 in cui alcuni magistrati parlano dell’allora ministro dell’Interno.

La chat più citata vede coinvolti il procuratore capo di Viterbo Paolo Auriemma e Luca Palamara. Il primo rivolgendosi al suo interlocutore si dice molto dubbioso su quanto sta accadendo in quei difficili giorni d'agosto di due anni fa: ''Mi dispiace dover dire che non vedo veramente dove Salvini stia sbagliando. Illegittimamente si cerca di entrare in Italia e il ministro dell'Interno interviene perché questo non avvenga. E non capisco cosa c'entri la Procura di Agrigento”, aveva scritto Auriemma quando di Salvini si parlava soprattutto per la chiusura dei porti per bloccare l'arrivo degli immigrati.In fondo al messaggio Whatsapp la raccomandazione di non diffondere il contenuto del testo. La risposta di Palamara arriva quasi subito: ''Hai ragione. Ma adesso bisogna attaccarlo''.

La discussione va avanti con il procuratore capo di Viterbo che sottolinea come potrebbe essere un pericoloso boomerang continuare ad attaccare Salvini sull'immigrazione. "Comunque è una cazzata atroce attaccarlo adesso perché tutti la pensano come lui. E tutti pensano che ha fatto benissimo a bloccare i migranti che avrebbero dovuto portare di nuovo da dove erano partiti. Indagato per non aver permesso l’ingresso a soggetti invasori. Siamo indifendibili. Indifendibili". In un altro colloquio citato da alcuni giornali, il leader leghista viene chiamato "quella merda di Salvini" da Palamara.

In altri messaggi, con interlocutori diversi, è ancora Palamara ad essere protagonista. Il giudice, infatti, esprime tutto il suo disagio di fronte all'eventualità di incontrare pubblicamente Salvini. Nel frattempo, si fa inviare i pdf delle sentenze del processo di Umberto Bossi e Francesco Belsito. Infine vi è anche un’altra chat tra lo stesso Palamara e Bianca Ferramosca, componente della giunta esecutiva Anm. Quest'ultima, nel novembre 2018, se la prende con i colleghi che hanno dato ragione a Salvini sull'allora dl Sicurezza, componenti di una cordata ''pericolosissima''.

Le telefonate a cui fa riferimento sono diverse e oggi il quotidiano Libero ne ha pubblicato di nuove. In quella dell’11 aprile 2019, ad esempio, si riassume bene la maggioranza al Csm prima di quella attuale. La giornalista Milella sottolinea come l'Anm sia a guida "Mi-Unicost-laici di centrodestra, quindi “secondo me le nomine che si faranno saranno tutte nomine influenzate da questa faccenda qua no".

Palamara replica spiegando come sia "chiaro che siamo in una consiliatura che è figlia o meglio ancora che sta in una fase storia dove Area era più numerosa e Area non disdegnava nella maniera assoluta gli accordi con MI e in particolar modo con la Casellati basta che ti riprendi qualche articolo tuo dell'epoca e ci fai il copia e incolla e te lo ritrovi ok? Essendo mutata la situazione è chiaro che il consiglio è il luogo dove si formano maggioranze Area ha molto tra le virgolette lucrato nella precedente consiliatura oggi che partita vuole svolgere? Nella vicenda Ermini non si è sporcata le mani adesso che arriva il momento decisivo quello delle nomine che posizione prenderà?".

Il giudice ha aggiunto che non "possono andare dagli elettori e dire guarda che io non ti ho portato a casa a te perché hanno ancora gente importante da sistemare che gli dicono non c'è l'hai? Come direbbe Bruti è la corrente bellezza è così e vale per tutti e vale per loro".

La stesso Palamara ha rimarcato che la partita vera inizia adesso"perché la partita vera inizia con Roma, c'è una grande attenzione su Roma perché viene dopo l'era Pignatone dopo tante cose e Roma comunque ha un effetto domino". Milella concorda sul fatto che Roma sarà la prima decisa. A quel punto Palamara dice che "comunque Roma o non prima cioè Roma c' è il problema di Lo Voi se viene Lo Voi, Prestipino va a Palermo".

Milella, inoltre, spiega che nel suo pezzo, se riesce a farlo, dominerà la notizia dell’accordo Mi- Unicost "e faranno man bassa di posti e io ti metto già a Torino". Poi un altro scambio di battute con Palamara che chiede: "Mettimi a Roma e stai buona" e Milella che ribatte: "Se mandano te a Torino che sei sotto il livello di anzianità loro potrebbero pure fare la mossa di mandare Cantone da qualche parte in modo da non fare i cattivi capito? Poi alla fine fanno pure un piacere a questo governo che glielo levano dai coglioni". Infine, il giudice dice: "Appunto sì".

Poco più di un mese dopo, esplode il caso Palamara. Il 29 maggio 2019 Milella chiama il giudice e riferisce che ha saputo dell'articolo leggendolo alle ore 01.30 di notte e dice di aver sbagliato a non averlo chiamato prima, ma a lei non avevano detto nulla dal suo giornale. Se avesse chiamato prima"l'avremmo scritta, ma non in questo modo". Due giorni dopo Milella chiama Palamara e lo avvisa che la giornalista Maria Elena Vincenzi sta andando sotto casa sua e gli dice che devono parlarne bene dell’intervista.

Inoltre, sempre il 29 maggio Amadori parla con Palamara affermando che tramite il giudice "vogliono far saltare Viola". Ha notato che è lo stesso Gico di Roma a svolgere le indagini e si domanda come mai De Ficchy utilizzi la stessa pg. Continua asserendo che Paolo Ielo avrebbe detto ad un consigliere del Csm che teneva in pugno De Ficchy per delle intercettazioni relative a un commercialista indagato. Amadori riferisce che ha saputo che le carte inviate a Perugia erano firmate da Ielo, Sabelli e Cascini e che gli stessi tre sono stati nominati dal suo consiglio grazie anche ai voti di Unicost. Il 29 maggio 2019 Palamara parla con Legnini sulla necessità di riequilibrare gli articoli che sono usciti con Repubblica e domanda se si può chiedere a Liana. Legnini spiega che è possibile ma "Liana conta poco la dentro" mentre "Claudio Tito conta .. il tema è orientare il gruppo, adesso Repubblica su un linea diversa". "Io non so il Fatto Quotidiano- aggiunge- adesso La Verità, su cosa virerà perche la loro posizione è contro Pignatone”. Lo stesso Legnini afferma che “c'è una operazione di orientamento” e garantisce di poter parlare con Repubblica in quanto “ho rapporti al massimo livello dimmi tu. Riflettici”. Palamara ammette che con Claudio Tito esiste un rapporto e Legnini infine dice: "lo conosci bene e allora parla con lui deve passare la linea della vendetta nei tuoi confronti".

Piero Sansonetti ha lanciato un durissimo affondo contro quelle che ha chiamato le "grandi firme” della cronaca giudiziaria italiana che compaiono nelle intercettazioni della procura di Perugia che indaga, fra gli altri, sull'ex consigliere del Csm Luca Palamara."Non sorprende, almeno a me, che i grandi giornali siano agli ordini, non subalterni, ma agli ordini, dei pm. A me sorprende il silenzio, che su questa vicenda non sia uscito nulla: la notizia è questa. Eppure dentro ci sono i nomi più prestigiosi", ha dichiarato il giornalista.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

silvano45

Sab, 23/05/2020 - 14:36

La vergogna è il silenzio di una magistratura che ha dimostrsto più impegno a fare politica forse per ricevere in cambio i privilegi e stipendi assolutamente non paragonabili alla qualità scadente della giustizia e con essa alla assoluta volontà di autoreferenziali come fossero dei in terra.Invece di indagare Salvini quanti magistrati dovrebbero essere indagati perché non hanno rispettato la costituzione?

Ritratto di sbuciafratte

sbuciafratte

Sab, 23/05/2020 - 14:48

Costoro agiscono in nome del popolo italiano. Cioè il popolo delega a costoro l'esercizio della giustizia,secondo costituzione, va be va be. Il popolo delega con il voto, a il Salvini l'esercizio della sicurezza, va be va be. Le due deleghe confliggono, ok ok.In primis la democrazia, dunque il Salvini è ubi major e il pm è minor cessat. Ma in questo paese è tutto rovesciato, secondo le convenienze politiche della sinistra, lupus travestito da agnello belante.

Santorredisantarosa

Sab, 23/05/2020 - 14:49

PALAMARA I MIGLIORI MINISTRI DEGLI INTERNI SONO STATI SALVINI E COSSIGA. IL MIGLIORE COSSIGA E SALVINI. RICORDATELO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 23/05/2020 - 14:51

Tropp otardi. Scuse ingiustificate e assurde. Inaccettabili. Da galera. Provasse anche lui, saprebbe cosa significa condannare una persona ingiustificatamente.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/05/2020 - 14:57

I magistrati cominciano a vergognarsi? Si facciano suonare le campane.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 23/05/2020 - 14:57

@silvano45- Diciamo, per difetto, il 70%!

DIAPASON

Sab, 23/05/2020 - 15:09

in pratica ha ammesso di non sapere quello che dice quando parla, in linea con la maggioranza dei suoi colleghi

Ritratto di old_nickname

old_nickname

Sab, 23/05/2020 - 15:12

Ah be'. Se ha chiesto "scusa" allora tutto a posto; Salvini può farsi processare con tranquillità. Se lo condannano poi gli chiederanno "venia".

ex d.c.

Sab, 23/05/2020 - 15:14

Da tempo Oalamara non dovrebbe essere più in Magistratura

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 23/05/2020 - 15:18

squallido personaggio! oltretutto, non accusa i suoi colleghi e nemmeno il suo capo, che è mattarella (ma anche napolitano!)

anfo

Sab, 23/05/2020 - 15:25

Attendo commenti di qualche trinariciuto!Toc toc ci siete?

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Sab, 23/05/2020 - 15:26

Quindi la si chiude così, con delle scuse????

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 23/05/2020 - 15:29

mortimermouse 15.18: oserei dire squallidi personaggi.

amedeov

Sab, 23/05/2020 - 15:31

La vera vergogna è il silenzio di mattarella

florio

Sab, 23/05/2020 - 15:36

La domanda è, con quale spiriro di giustizia, faranno il processo a Salvini, una cosa che urla indignazione. Mai si è visto un ministro essere messo sotto processo per avere applicato una legge del parlamento. Allo stesso modo processate anche la Lamorgese che tenne 14 giorni ferma una nave di clandestini, per le elezioni regionali. in questo caso (che strano) nessun giudice chiede l'imputazione e autorizzazione a procedere. Giustizia rossa la vergogna dell'Italia!

crisalba

Sab, 23/05/2020 - 15:41

grave e inammissibile oltreché vergognoso che un magistrato chieda scusa per atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni. Costui e molti altri come lui non sono magistrati nell' accezione più ampia del termine, ma squallidi individui pericolosi per le persone che intendono distruggere e per l'intero Paese.

ItaliaSvegliati

Sab, 23/05/2020 - 15:45

Anche falso...inetto rappresentante sinistro...toga rossa...il guaio è che finirà tutto insabbiato e continuerà la DITTATURA BOLSCEVICA!!!

ST6

Sab, 23/05/2020 - 15:54

Mbè? S'indagni, no?

leopard73

Sab, 23/05/2020 - 16:02

Incommentabile il silenzio di MATTARELLA!!!

FrateCipolla

Sab, 23/05/2020 - 16:07

Assordante silenzio sull'argomento da parte dei principali giornali nazionali ! L'unica speranza è che anche gli italiani di sinistra finiscano per aprire gli occhi...ma, capisco che aprire gli occhi e "di sinistra" non può esistere.

de barba rossano

Sab, 23/05/2020 - 16:15

questa persona dovrebbe essere radiata dai quadri della magistratura italiana. usando il loro linguaggio "ha offeso e il prestigio e la reputazione della magistratura". il presidente mattarella, visto anche ieri sera in tv a fare il solito pistolotto sulla strage di capaci, non ha niente da dire? che intervenga. i processi a Salvini si chiudano elegantemente con la dicitura "assolto per non aver commesso il fatto". sarebbe apprezzato dagli italiani onesti.

bobo1943

Sab, 23/05/2020 - 16:27

personaggi vigliacchi, senza dignità e senza onore, solo per proteggere i loro amici anche loro vigliacchi e immorali, sto parlando dei sinistri, vengono usati per eliminare gli avversari politici, omuncoli patetici

nonnoaldo

Sab, 23/05/2020 - 16:27

Tranquilli, fra qualche giorno non si parlerà più di queste intercettazioni. Salvini verrà processato e condannato in primo grado, giusto in tempo per escluderlo dalla vita politica grazie alla legge contra personam (Berlusconi) firmata dalla Severino. La sentenza verrà confermata in appello (a stretto giro di posta) e poi annullata in cassazione... ovviamente fra una decina d'anni.

leopard73

Sab, 23/05/2020 - 16:32

Lhanno fatta a Berlusconi ora SALVINI e domani a chi TOCCA!! In questo sgangherato di PAESE sempre in balia di governicchi INCAPACI di risolvere i PROBLEMI!!!

oracolodidelfo

Sab, 23/05/2020 - 16:36

Pensavo che il Presidente della Repubblica italiana fosse: Buhari/Nigeria - Macky Sall/Senegal - Mohammed VI/Marocco - Kais Sadied/Tunisia - ecc. ovviamente ad interim!

vocepopolare

Sab, 23/05/2020 - 16:42

l'autonomia della magistratura? chi l'ha vista?

Giorgio Mandozzi

Sab, 23/05/2020 - 16:43

A cosa servono le scuse? Le intercettazioni fanno chiarezza, ove ce ne fosse stato bisogno, sull'andamento della magistratura in Italia e la parzialità dell'azione condotta. Va così da almeno 20 anni. Iniziata con "mani pulite", continuata con Berlusca e adesso con Salvini. Contro tutti quelli che contrastano il disegno del potere della sinistra. E poi dovresti andare tranquillo a giudizio in tribunale?

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 23/05/2020 - 16:47

Non vedo il commento dell'Avv. Atlantico, quello che qui scrive sempre un OCEANO di STUPIDATE contro Salvini!!!! AUGH.

Giorgio Mandozzi

Sab, 23/05/2020 - 16:47

Forse, come dice Palamara, le frasi non riportano il suo pensiero perché ha dimenticato, che oltre gli improperi, lo avrebbe anche torturato e sbattuto nella cella della torre! Davvero incommentabili i presunti gestori della legalità di questo paese. E la magistratura (ANM, CSM) dov'é? Sono tutti impegnati a cancellare le chat, i msg e le mail?

Ritratto di pulicit

pulicit

Sab, 23/05/2020 - 16:54

Questo individuo è pagato da noi purtroppo.Mattarella se ci sei batti un colpo,sei il suo capo.Vergognatevi.Regards

PassatorCorteseFVG

Sab, 23/05/2020 - 16:59

il virus sinistro ha infettato una area politico-giudiziario- sociale del popolo italiano, ma i veri difensori della democrazia dove sono? forse a liberare dal carcere i mafiosi proprio a ridosso della commemorazione di falcone? complimenti, ottima lezione di coerente democrazia, quanto a palamara, credo che le sue dimissioni spontanee, o imposte, siano la vera scusa che il popolo italiano accetta,tutto il resto è aria fritta. ciao a tutti.

VittorioMar

Sab, 23/05/2020 - 16:59

...il "Picconatore" li avrebbe fatti arrestare..seduta stante...

florio

Sab, 23/05/2020 - 17:05

Il silenzio assordante della stampa di regime e delle tv di stato, sono una cosa indegna di un paese democratico. Se fosse successo il contrario e fosse toccato a un ministro della sinistra, saremmo stati sommersi dalla stampa, dalle tv, titoloni di anti democrazia, interventi 12 ore sulle TV con tutti i soloni radical chic sinsitrati. Invece il silenzio della vergogna impera. Italiani sveglia, siamo nella peggior dittatura rossa e urlano allo spauraccchio del fascismo. E questo cos'è spiegatecelo PD, 5stalle, LEU, Italia viva!

igiulp

Sab, 23/05/2020 - 17:08

La rapidità con la quale si è mossa contro Salvini la cosiddetta "giustizia", non altrettanto veloce contro le malefatte del Palamara stesso, mi fa ritenere che il sequestratore non sia Salvini ma chi intende togliergli la partecipazione alla vita politica e sociale. C'è qualcuno al CSM o sono tutti in quarantena?

Ritratto di Trinky

Trinky

Sab, 23/05/2020 - 17:15

La vergogna è il comportamento del Presidente della Repubblica..........

g.barnes

Sab, 23/05/2020 - 17:29

Ridateci un presidente .... il presidente Cossiga dr. Francesco, l'ultimo vero Presidente indipendente difensore della democrazia e volontà popolare. Il Paese è di cdx da molto tempo, ma al governo c'è l'altra parte, nemmeno in Sudamerica succedono queste cose. Questi magistrati dichiaratamente di parte non possono giudicare serenamente un cittadino. In agricoltura mancano braccianti ... c'è posto e senza superare concorsi.

antoniopochesci

Sab, 23/05/2020 - 17:30

Perché si deve scusare? Ha detto quello che pensava. Agisce come tutti gli ipocriti del Palazzo e dintorni, che in privato pensano una cosa mentre in pubblico sono condannati a contraddirsi. Un copione che manco fa ride, fa solo pena!

machimo

Sab, 23/05/2020 - 17:34

Dov’è mattarella? Perché non difende la costituzione? Li dovrebbe licenziare subito senza pietà! La vergogna è il presidente con il suo comportamento.

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 23/05/2020 - 17:36

il signor palamara ha ammesso la sua colpa chiedendo scusa a salvini, e ovviamente già sara stato aperto un fascicolo a sua carico? chi sa se gli danno il massimo della pena quando si tratta di un collega magistrato! una "terribile richiamo"!

ONIRAM66

Sab, 23/05/2020 - 17:38

Palamara...in un paese civile, con senso di responsabilità...sarebbe stato costretto a dimissioni...

leopard73

Sab, 23/05/2020 - 17:39

In italia si eleggono i presidenti della Repubblica in una stanza di partito come pretendi che svolgano il loro compito serenamente poi!!! Questa e L'ITALIA oggi PURTROPPO!!..

sbrigati

Sab, 23/05/2020 - 17:43

Un magistrato DEVE essere imparziale, applicare le leggi senza che le sue idee politiche ne influenzino l'operato. Se questo non accade il suo superiore DEVE licenziarlo immediatamente. Questo in qualsiasi Paese civile, ma da 30 anni a questa parte in Italia ciò non accade. Poi per lavarsi la coscienza con ipocrisia commemorano Falcone e Borsellino, veri MAGISTRATI .

Ritratto di saggezza

saggezza

Sab, 23/05/2020 - 17:44

mi ricorda la frase: il bastone e la carota... intercettata per i processi a Berlusconi. la musica è sempre la stessa.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 23/05/2020 - 17:56

potete sempre scrivere una email al segretariato generale della presidenza , al quirinale :-) magari qualche lettera la leggerà.... sempre se ne avrà voglia! facciamoci sentire :-)

apostata

Dom, 24/05/2020 - 10:25

più dei comportamenti di questo fiuguro sono indignato per le connivenze che l'hanno portato ai vertici della magistratura e che, nonostante quello che emerge da tempo sul suo livello morale e intellettuale, non lo fanno espellere con ignominia

oracolodidelfo

Dom, 24/05/2020 - 11:07

"queste frasi non sono il mio reale pensiero"......Illustre Palamara.....forse che lei balla a Milano quando suonano a Brescia?

oracolodidelfo

Dom, 24/05/2020 - 11:08

Qui è in ballo la credibilità del Capo della Magistratura, ovvero del PdR.....

Caiofabius

Dom, 24/05/2020 - 12:41

Non è possibile, allucinante !